L’Avversario: la Lazio di Pioli e Candreva

La squadra soffrre la mancanza di personalità, soprattutto quando gioca in trasferta, problema che se non verrà risolto potrebbe compromettere tutta la stagione

di Redazione, @forzaroma

Il derby è una partita, che spesso viene vinta da chi è sfavorito, e purtroppo la Lazio è la squadra più in difficoltà: i bianco celesti, infatti, vengono da due sconfitte consecutive in campionato, ma si sono rinfrancati dalla vittoria contro il Rosenborg in Europa League. Alla base del momento altalenante della Lazio ci sono due fattori: il primo sono i tanti infortuni, figli della finale di Supercoppa Italiana disputata a Shangai che ha pregiudicato tutta la preparazione estiva. Il secondo, invece, è la mancanza di personalità, soprattutto quando la squadra gioca in trasferta, problema che se non verrà risolto potrebbe compromettere tutta la stagione.

Ma la squadra è riuscita a ritrovarsi dopo un inizio molto difficile culminato con la sconfitta per 5-0 contro il Napoli. Dopo quella debacle umiliante, infatti, tecnico e giocatori hanno comunque invertito la rotta, e domani pomeriggio cercheranno di vincere il derby. La Lazio, infatti, sente molto questa stracittadina, al punto che i giocatori hanno attaccato la foto del portiere della Roma Szcezsnj che esulta nel momento in cui la Lazio subisce il secondo gol contro l’Atalanta (2-1 per i bergamaschi n.d.r.). Non è la prima volta che la foto di un rivale venga attaccata in uno spogliatoio, ma la cosa buffa è che questo gesto è stato fatto in largo anticipo rispetto al derby, e tutto questo ha scatenato il divertimento dei tifosi romanisti: questi ultimi, infatti, sostengono che la Lazio, e i suoi tifosi pensano solo alla Roma.

Scherzi a parte, la Lazio è una squadra che ha tutti i requisiti per mettere in difficoltà la Roma: in porta c’è Marchetti, che vorrà vendicare la brutta prestazione contro il Milan, mentre in difesa ci sono sempre due laterali di esperienza come Basta, e Radu, anche se speriamo che il difensore rumeno abbia qualche sua defayance come in qualche derby passato. Al centro della difesa ci sono Mauricio, e Gentiletti, mentre nel probabile 4-3-3, o 4-2-3-1 messo su da Pioli, c’è Biglia, fulcro della squadra, uno stantuffo come Parolo, e Lulic. Non dimentichiamoci anche del gioiellino Cataldi, Morrison, e Milinkovic, due giovani di buone speranze. L’attacco titolare è formato da Djordjevic, Felipe Andreson, e Candreva, ma attenzione a Krishna, Keita, e Klose, che ha già più volte punito la Roma. Ci sarà anche il capitano Mauri, un giocatore che forse in un altro paese non avrebbe mai più giocato, e che è anche riuscito a non farsi processare di nuovo in quanto si era già appellato al Tnas nel primo processo che aveva subito. Intanto il prossimo anno ci sarà il processo della giustizia ordinaria, e vedremo come andrà a finire.

GLI ULTIMI PRECEDENTI ALL’OLIMPICO
Lo scorso anno finì 2-2, con la Roma che riacciuffò una stracittadina che, alla fine del primo tempo, era persa. La Lazio, infatti, era passata in vantaggio per 0-2 con Mauri al 25’ e Felipe Andreson al 29’. A salvare i giallorossi ci ha pensato, come al solito, Francesco Totti autore di una doppietta che gli varrà il record il record di segature ai bianco celesti in campionato. Il capitano romanista accorcerà le distanze al 48’, per poi realizzare il gol del pareggio al 64’ facendosi un “selfie” sotto la curva sud col cellulare dell’allenatore dei portieri Guido Nanni. L’ultima vittoria della Roma risale alla stagione 2013-2014: era il primo derby dopo la finale di Coppa Italia persa dai giallorossi nel 2013. Finì 2-0 con reti di Balzaretti al 63′, e Ljajc al 90′ su rigore. L’ultima vittoria della Lazio in versione trasferta risale alla stagione 2011-2012: finì 1-2 con reti di Hernanes su rigore al 10′, pareggio di Borini al 16′, e gol di Mauri al 61′.

Alberto Balestri 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy