L’Avversario: il Torino di Ventura

di finconsadmin

(di Alberto Balestri) La Roma affronta un Torino desideroso di tornare alla vittoria dopo la pesante sconfitta casalinga contro il Napoli, e il pareggio conquistato all?ultimo secondo contro il Bologna. Il motivo per cui i piemontesi vogliono battere i giallorossi, non ? solo per conquistare tre punti preziosi per la permanenza in Serie A che, sicuramente, arriver?, ma anche per vendicare la sconfitta dell’andata. Quel 2-0 disputatosi lo scorso novembre, infatti, non ? mai andato gi? all’ambiente, perch? il rigore del momentaneo vantaggio romanista, un penalty generoso, andava concesso. Il doppio intervento di Ogbonna e Ambrosio, infatti, venne fatto sotto gli occhi del giudice di porta, che non poteva fare altro che concedere la massima punizione. Il Torino ? una squadra compatta, che ha tutti i numeri per ottenere un piazzamento pi? dignitoso rispetto al quindicesimo posto in coabitazione con la Sampdoria. La sua rosa ? qualitativamente inferiore rispetto a quella della Roma, ma a differenza dei giallorossi i granata, sono molto pi? strutturati. Il vero punto di forza dei piemontesi ? il loro allenatore, Ventura, tecnico che meriterebbe di allenare una squadra pi? blasonata. Il suo modulo, il 4-2-4, sembra offensivo, ma in fase di non possesso palla diventa un prudente 4-4-2. I due attaccanti esterni, infatti, si sacrificano tantissimo, e i due maggiori interpreti sono due giocatori in qualche modo legati alla Roma: Santana, e Cerci. Il primo fu molto vicino ai giallorossi nell?estate del 2011, ma poi cambi? dirigenza; il secondo, invece, ? un ragazzo che, ovunque ? andato non ha mai fatto bene, eccezion fatta che sotto la guida di Ventura. Peccato, perch? l’ex ?Thierry Henry di Valmontone?, soprannome ai tempi della ?primavera? del 2004-2005,i sarebbe diventato un punto fermo della rosa romanista. Ventura dovr? fare i conti con molte assenze, soprattutto a centrocampo, dove ci sono degli infortunati di lungo corso: uno su tutti ? Matteo Brighi che ha ancora un anno di contratto con i giallorossi. Nonostante ci? Ventura si consola col ritorno di? Vives, che non ha giocato a Bologna a causa di un affaticamento muscolare. Nonostante tutto, mai prendere sotto gamba l’avversario, anche perch? il sopracitato Cerci ha il cosi detto ?dente avvelenato?, e non dimentichiamoci che quando Gillet ? in giornata para l’impossibile. Totti, infatti, ne sa qualcosa: nella stagione 2010-2011 il portiere belga neutralizz? ben due rigori al capitano giallorosso. La formazione che affronter? la Roma, appunto, sar? quella con Gillet in porta, Darmian, e Masiello difensori di fascia, mentre Glik e Ogbonna giocheranno al centro. Gazzi, e Vives si posizioneranno sulla linea mediana del centrocampo, mentre le quattro punte saranno i gi? citati Cerci, e Santana sulle fasce, con Bianchi e Barreto punte centrali. Non ? detto, per?, che Ventura decida di far partire titolari Jonathas, oppure Meggiorini.

 

GLI ULTIMI PRECEDENTI E L?ULTIMA VITTORIA GRANATA

In questi ultimi anni, complice il cammino tra la serie maggiore e quella cadetta, gli scontri tra i granata e i giallorossi disputati a Torino sono finiti in parit?, oppure con la vittoria dei giallorossi. Nella stagione 2006-2007 la Roma vinse 1-2:il primo gol lo realizza Totti al 38?, che devia col sedere un tiro di Mancini. In precedenza il capitano si era fatto respingere un rigore da Abbiati. All?81, ? proprio Mancinia realizza il gol della sicurezza, mentre a due minuti dal termine Rosina accorcer? le distanze per i granata. L?anno successivo, invece, il risultato fu a occhiali, 0-0:? la formazione di Spalletti fu presa a pallonate dai granata, ma nel finale l?arbitro negher? un rigore ai giallorossi per un intervento su Vucinic, (era l?anno del centenario dell?Inter?). Nella stagione 2008-2009, la formazione capitolina gioca male, ma vince 0-1 con un gran gol di Julio Baptista a trenta secondi dalla fine. L?ultima vittoria del Torino, invece, risale alla stagione 1990-?91: la partita finir? col risultato di 1-0 per i piemontesi grazie ad un gol di Romano al 60?. La Roma era stata investita dallo scandalo del Lipopill che vide ?protagonisti? Andrea Carnevale, Angelo Peruzzi. I due giocatori erano appena stati squalificati per un anno, una sentenza ?politica? volta ad estromettere il povero presidente Dino Viola, che per questo motivo morir? nel gennaio del 1991.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy