L’Avversario: il Palermo di Sannino e Miccoli ha l’acqua alla gola

di finconsadmin

(di Alberto Balestri) Se il direttore sportivo Giorgio Perinetti ha affermato che la gara contro la Roma ? l?ultimo granello di sabbia, anzich? l?ultima spiaggia, abbiamo capito che sabato pomeriggio la Roma trorver? un Palermo affamato. Attenzione, quindi, alle eventuali provocazioni, e all?agonismo dei giocatori rosanero, che da quindici giorni affermano che hanno una gran voglia di fare un risultato positivo contro i giallorossi.

 

Anche il presidente Zamparini, ?tanto per gradire?, ha espresso la sua opinione affermando che se la sua squadra non batte la Roma morir?. Quello che dice il patron dei siciliani ? vero, ma se il Palermo ? in queste condizioni ? proprio colpa del suo presidente: era normale che prima o poi il Palermo affrontasse una stagione orribile dopo che sono stati licenziati tantissimi allenatori, e dirigenti. Col ritorno di Sannino, per?, la squadra ha ritrovato il giusto equilibrio tecnico-tattico: la squadra, infatti, ha messo in seria difficolt? il Milan per lunghi tratti della gara ritrovando le giuste motivazioni per rialzare la testa.

 

La Roma, come abbiamo gi? scritto, si ritrover? una squadra motivata, a cominciare dal suo portiere, quel Sorrentino che quando affronta i giallorossi mette sempre in mostra le sue doti di grande portiere: sappiamo tutti, infatti, che il ragazzo ? sempre stato ad un passo dal vestire la maglia della Roma, ma alla fine non se n’? fatto nulla. Nel 3-5-2 messo in campo da Sannino giocheranno insieme all’ex portiere del Chievo, i difensori Aronica, Munoz, e Von Bergen. A centrocampo, invece, la coppia centrale ? formata da Rios, e da Donati, che ? il vero e proprio fulcro della squadra. Sulla fascia destra, invece, opera Morganella, mentre Kurtic giocher? sulla corsia di sinistra. L’attacco, invece, sar? formato da Ilicic, e dal rientrante capitan Miccoli. La rosa ? completata dal secondo portiere Benussi, dai difensori Mantovani, e Dossena, e dai centrocampisti Barreto, Anselmo, Viola. Il parco attaccanti, invece, ? completato da Fabbrini, Hernandez, il cui infortunio ha pesato molto sull?andamento della squadra, Dyabala, e Boselli. La preoccupazione del tifoso romanista non ? solo quello di far risorgere i morti viventi, cosa accaduta tantissime volte nella storia della societ? capitolina. L?altro aspetto che potrebbe creare problemi alla squadra di Andreazzoli potrebbe essere l?arbitraggio. Sappiamo tutti che la Roma ? una squadra che da fastidio a causa dei suoi dirigenti, e che ha poca considerazione in Lega, e c?? sempre il rischio che qualcuno non veda di buon occhio il ritorno della Roma nei quartieri alti della classifica. Era gi? successo anche lo scorso inverno dopo il derby perso: dopo le due vittorie consecutive contro Pescare e Siena, gli arbitri cercarono in tutti modi di fermare la corsa dei giallorossi, ma se contro Milan, e Fiorentina, la Roma fu pi? forte dei torti arbitrali, ci ricordiamo tutti cosa accadde contro il Chievo, gara che l?allora formazione di Zeman gioc? male, ma dove fu vittima di un arbitraggio a senso unico di Bergonzi, il cui scempio inizi? con l?assurda ammonizione al diffidato Castan che non pot? giocare contro il Milan. E? vero che non bisogna essere prevenuti, ma visto quello che sta accadendo a nord est dell?Italia, e per non parlare degli anni ?post ? calcio poli? a scapito della Roma, ? normale che il tifoso romanista coltivi la cosi detta ?cultura del sospetto?.

 

IL PRECEDENTE DI PASQUA, E GLI ULTIMI PRECEDENTI

Il calcio racconta di un precedente curioso tra Roma e Palermo che si disput? nel sabato di Pasqua del 2006. Fin? 3-3, con i giallorossi in vantaggio per 0-3, ed incredibilmente raggiunti nella ripresa. La Roma, che da poco aveva conquistato il record di undici vittorie consecutive, era reduce da un lunghissimo tour de force, ed aveva una rosa molto corta, e si ritrov? in debito di ossigeno. Speriamo che sabato le cose vadano in modo diverso. Negli ultimi cinque anni i confronti sono finiti con alterne fortune. Nella stagione 2007-2008 la Roma batt? il Palermo per 0-2, con reti di Mexes, e Aquilani. L’anno successivo, invece, una bruttissima Roma fu sconfitta per 3-1; con lo stesso punteggio fin? due anni dopo quando i giallorossi giocarono una gara pessima, e l’unica cosa che si salv? fu il bellissimo gol di Totti nel recupero. In mezzo a queste due partite c’? il confronto del campionato 2009-2010, che fin? 3-3, ed ? stata l’ultima volta che la Roma ha pareggiato allo ?stadio Renzo Barbera?. Era un turno infrasettimanale, e quella gara verr? ricordata per il terreno in pessime condizioni. Lo scorso anno, invece, la Roma usc? vincitrice contro i? siciliani: fin? 0-1 con rete di Borini al 2′.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy