Peres: “Presto vedrete il Bruno di Torino. Spalletti? Un maestro di calcio”

Il brasiliano crede ancora al campionato: “Non è ancora chiuso, ci sono ancora tante partite. Il mio trasferimento nella Roma? Dal giorno alla notte”

di Redazione, @forzaroma

Nonostante il posto da titolare sulla destra sia indiscutibilmente suo, Bruno Peres continua a non convincere del tutto i tifosi della Roma: ancora non si vede quel terzino che aveva fatto brillare gli occhi a tutta la Torino granata. «A volte me lo chiedo anche io – ha dichiarato il brasiliano a Tuttosport -. Sono il primo a sapere che ho ancora tanto da dare. Qui è più difficile, c’è più pressione. Spalletti mi sta aiutando molto e presto credo che tornerò il Bruno di Torino».

Ecco uno stralcio della sua intervista rilasciata al quotidiano piemontese:

Il campionato è chiuso?
No, ci sono ancora tante partite. E’ difficile ma non impossibile. Noi stiamo crescendo. A cosa rinuncio per un altro gol alla Juve? Non mangio churrasco per un anno. Non è una cosa così semplice per un brasiliano!

In Italia è stato allenato da Ventura e Spalletti.
Due grandissimi allenatori. Con Spalletti ho ancora tanto da fare e da imparare. Mi fa vedere tante cose, è sempre lì a farmi capire che non devo mollare. E’ un maestro di calcio.

Ci racconta il suo trasferimento alla Roma? E’ vero che poteva essere giallorosso anche nel 2015?
Confermo. (…) Stavolta è nato tutto all’improvviso, non sapevo nulla. Bernardo, il mio procuratore, continuava a dirmi di allenarmi bene, che al momento giusto avrei saputo. E così, l’ultimo giorno del ritiro col Torino mi dice: ‘Stai attento che domani succede qualcosa’. Io vado a dormire e la mattina dopo mi trovo 50 chiamate perse sul cellulare. Mi sono messo anche paura. Mi sono detto, chi è morto? Lo chiamo e lui mi fa: ‘Vestiti e vai all’aeroporto, ti aspettano a Roma per firmare il contratto’. Non volevo crederci. C’era una promessa da parte del Torino. Dopo che ho rinnovato, il presidente Cairo mi disse: ‘Come abbiamo fatto con Darmian, ci comporteremo con te’. Ossia, se fosse arrivato qualcosa di buono per me, sarebbe stato preso in considerazione. Non sono io che ho chiesto di andarmene, è semplicemente arrivata questa opportunità. E’ chiaro che quando l’ho saputo sono stato felice. Al Torino sono stato benissimo, ringrazio tutti, ma la Roma era una possibilità di crescita professionale che non potevo lasciarmi sfuggire.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy