Roma, 4 anni spesi male

Nessuno in Italia ha speso tanto come la Roma negli ultimi 4 anni per ottenere così poco: 292 milioni di acquisti suddivisi per 58 giocatori e 208 milioni di cessioni che portano il passivo a -84

di Francesco Balzani, @FrancescoBalza8

Cinquantotto acquisti, 292 milioni spesi e un via vai di dirigenti, medici e preparatori.

Sono questi i numeri dello shopping compulsivo della Roma americana nei suoi primi 4 anni e mezzo di gestione.

Una rivoluzione continua che ha portato finora una qualificazione in Champions e zero titoli. Davvero poco considerati gli sforzi di Pallotta che solo nell’ultimo anno ha fatto uscire dal portafoglio quasi 85 milioni (se consideriamo la cifra “ufficiale” per Iturbe a 22) a fronte dei 42 incassati dalle cessioni di Benatia & co. per un bilancio di – 43 milioni. Più del doppio del passivo della Juve (-20,2) che ha 14 punti in più in classifica ed è in corsa per Champions e Coppa Italia. Quasi il triplo di Lazio (-13) che è lontana appena un punto in classifica e Napoli che lotta per tre obiettivi.

 

Nessuno in Italia ha speso tanto come la Roma negli ultimi 4 anni per ottenere così poco: 292 milioni di acquisti suddivisi per 58 giocatori e 208 milioni di cessioni che portano il passivo a -84. I bianconeri tra acquisti e cessioni ne hanno investiti 129 portandosi a casa 3 scudetti (e mezzo) e beccando le occasioni Tevez (9 milioni), Vidal (12), Lllorente e Pogba (zero). Il Napoli 92 mettendo in bacheca coppa Italia e Supercoppa, la Lazio meno di 13 per godersi il 26 maggio. Se da una parte bisogna dare atto a Sabatini di aver ottenuto importanti plusvalenze con Benatia, Marquinhos o Lamela, dall’altro lato vanno evidenziati una serie di “profumati” fallimenti: da Stekelenburg a Bojan passando per Kjaer, Josè Angel, Destro e lo stesso Iturbe. Della rivoluzione della prima Roma americana (quella di Luis Enrique) in cui sono usciti 90 milioni entrandone “appena” 26, è rimasto solo Pjanic che a giugno potrebbe chiudere il cerchio andando all’estero. Il bilancio è deprimente e non regge neanche la scusa degli investimenti sui giovani. Oggi il tesoretto della Roma è composto da Viviani, Verde o Romagnoli, cresciuti in Primavera e non all’estero. Anche qui la sfida con la Juve è persa visto che i bianconeri hanno in canna i colpi: Zaza, Rugani, Sturaro (già a Torino) e Berardi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy