Fonseca, piatti chiari. La rivoluzione a tavola ha rilanciato la Roma

Fonseca, piatti chiari. La rivoluzione a tavola ha rilanciato la Roma

Il tecnico portoghese ha cambiato i programmi della giornata a Trigoria: pranzo nel centro sportivo per controllare i pasti dei suoi giocatori, con menu rigido: da quest’anno, inoltre, si mangia tutti insieme calciatori e dipendenti

di Redazione, @forzaroma

Il gusto dissacrante di Roma l’aveva accolto con un soprannome che era uno sfottò: Zorro. Oggi però di Paulo Fonseca non ride più nessuno: eleganza impeccabile, il ricciolo sulla fronte a testimoniare la cura per il look dalla testa ai piedi. Dicono non sia un allenatore ‘cattivo’, il carisma lo manifesta in altri modi, con un rispetto tale che gli basta la propria delusione per una partita per impietrire la squadra intera. Così ha raddrizzato l’irrequieto Pastore, al capitano Florenzi ha spiegato di non vederlo terzino: parla chiaro a tutti. Ha preteso uno staff di cinque persone per curare ogni dettaglio tattico, eppure le prime mosse del tecnico di Nampula non si sono concentrate sul campo. Ma a tavola. Come racconta Matteo Pinci su ‘La Repubblica’, una è quasi un dogma: due pasti al giorno a Trigoria, per tutti, e non si sgarra. Così ha voluto Paulo, che pretende di controllare cosa mangiano i suoi giocatori almeno a colazione e a pranzo (solo il ritiro è monitorata anche la cena), contrariamente agli anni scorsi quando i giallorossi erano abituati a fuggire dall’allenamento in tempo per pranzare a casa. Oggi non più: anzi per fare in modo che non sfugga il controllo, ha fissato tutti gli allenamenti alla mattina e posticipato il rompete le righe tra le 15:30 e le 16.

Tutte le radiocronache dalla Roma in esclusiva sono su Nsl Radio Tv, 90.0 FM. Il commento è affidato alla voce leggendaria di Carlo Zampa. Impossibile mancare

Il programma è sempre lo stesso: alle 8:30 Fonseca vuole tutti al centro tecnico, tra le 9 e le 9:15 ci si ritrova a fare colazione leggera, poi palestra, quindi un’ora in campo e intorno alle 13 a tavola per pranzare insieme. Tutti, nonostante le timide istanze di deroga proposte dei giocatori (e rispinte). Questa è la vera rivoluzione. Perché un anno fa la mensa di Trigoria era strutturata su due livelli: un menù per calciatori e dirigenti, un altro – con spazio separato da quello che ospitava la squadra – per gli altri dipendenti. Oggi la Roma ha azzerato le distinzioni: un intervento strutturale in estate ha ridisegnato lo spazio per una soluzione più democratica: stesso menù per tutti i dipendenti, da Dzeko ai magazzinieri al custode. Si può scegliere tra due primi e due secondi (pasta al sugo o con le verdure, bresaola, mozzarella, pollo). Ma, soprattutto, stessi tavoli, senza divisione. A complicare il lavoro del nutrizionista Guido Rillo, da quest’estate affiancato dall’educatore alimentare Tiberio Ancora, l’arrivo di Chris Smalling, primo vegano a Trigoria. Medico e giocatore hanno studiato insieme la dieta, sostituendo i cibi tradizionali con alternative che garantissero lo stesso contributo energetico senza tradire i principi dell’inglese. Non è scaramantico Fonseca, ma ha guardato con favore alla visita di monsignor Fisichella, che 10 giorni fa ha benedetto i campi di Trigoria: da quel momento, zero infortuni e tre vittorie di fila. L’impressione è che, mescolando sacro e profano, la vera benedizione per la Roma sia proprio Paulo Fonseca.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy