Palermo-Roma LE PAGELLE: Borini quello che tocca lo trasforma in oro. Lobont para tutto

di Redazione, @forzaroma

(di Daniele Petroselli) timidi segnali di ripresa ma con un palermo lontano parente di quelli brillanti visti negli ultimi anni.

Nel trio d’attacco stecca solo Totti, dietro si rischia di meno ma quanta fatica se ci si abbassa troppo. Ma per oggi è bastato.

 

Lobont 6,5: para tutto e mette sicurezza ai compagni. Salva su Miccoli e poi su Munoz nella ripresa, unica indecisione quando su un cross alto non trattiene e per poco non concede a Miccoli un assist d’oro.

Rosi 6: gara dai due volti la sua, buona nel primo tempo dove spinge spesso, meno nella ripresa quando si abbassa troppo e lascia campo aperto alle incursioni di Miccoli e Balzaretti. In generale però non soffre più del dovuto.

Kjaer 6: la buona notizia è che non crea danni irreparabili, però due incertezze (un velo su un cross e sulla papera di Lobont dove non si toglie) che per poco non vengono sfruttate dai rosanero. Sale in cattedra nel finale quando non fa passare nessun pallone. Timidi segnali di ripresa? Speriamo.

Heinze 7: concreto come sempre, offre tutta la sua esperienza per gestire lì dietro un momento difficile. L’ammonizione rimediata su fallo a Hernandez dice tanto di quanto serva uno come lui adesso.

J.Angel 6,5: spavaldo e preciso nel primo tempo, quando le sue scorribande a sinistra sortiscono buoni effetti, poi torna timido e si perde spesso in un bicchier d’acqua, creando pericolosi contropiedi nella ripresa. Nel momento cruciale, negli ultimi minuti, riprende coraggio e non si fa mai beffare dalla sua parte. Ora serve continuità.

De Rossi 7: chiude anche l’impossibile e oltre se può, sempre ordinato e mai sopra le righe, regge fino alla fine la pressione avversaria.

Gago 6,5: chiude e corre sempre l’argentino, pecca però spesso in precisione, anche a tiro. Generoso sempre, ma piano piano comincia a far vedere quel giocatore che ad inizio stagione ha incantato.

Greco 6,5: ottima prima parte di gara, dove è autore di ottime incursioni e buon giro palla, cala nella ripresa pur non commettendo mai ingenuità e mostrando sempre una certa precisione in ciò che fa.

Marquinho 6: entra nel finale, ha il tempo per prendere la mira e sfiorare il raddoppio, ma niente di più.

Simplicio sv

Totti 6: comincia molto male, sbagliando diversi tocchi semplici, poi si piazza tra le due linee per offrire spunti buoni ai compagni. Cala nel finale quando dovrebbe invece salire in cattedra, ma non è al meglio.

Borini 7: lì davanti quando tocca una palla la trasforma in oro. Il gol è di rapina, ottimi movimenti che mettono in difficoltà netta Munoz e i suoi compagni, nella ripresa si mangia anche il raddoppio dopo un bel numero in mezzo a due. Ora la Roma è lui.

Bojan 6: entra nel finale e crea qualcosa di buono ma anche sbaglia facili contropiedi.

Lamela 6,5: pronti-via offre l’assist perfetto per il gol, poi per poco non si ripete più tardi. In generale ottima tecnica e corsa, che in un paio d’occasioni lo portano anche vicino al gol. Deve però essere continuo e non a fasi alterne.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy