Zaniolo assicura: “Voglio mettere la Roma al centro di tutto”. Petrachi non molla Alderweireld

Zaniolo assicura: “Voglio mettere la Roma al centro di tutto”. Petrachi non molla Alderweireld

Parla il centrocampista giallorosso: “Non sono Totti, ma spero di diventarlo”. Stadio, proseguono i colloqui col comune di Fiumicino. La squadra di Fonseca è arrivata in Francia: domani alle 18 l’amichevole col Lille

di Melania Giovannetti, @MelaniaGvn

So che non sono Totti, ma spero di diventare un giorno altrettanto bravo. E imparando da De Rossi vorrei mettere la Roma al centro di tutto”, parola di Nicolò Zaniolo. Il giovane centrocampista della Roma spazza via le voci di mercato su di lui e manda un messaggio sia al club che e ai tifosi grazie ad una lunga intervista rilasciata prima del ritiro sulle pagine di “These Football Lines. “Onestamente non mi aspettavo di avere un impatto del genere – ha raccontato Nicolò – ma ho ancora tanti obiettivi da raggiungere e per arrivarci devo continuare a lavorare”.

PARLA ZANIOLO – Tanti meriti dell’esplosione di Zaniolo nell’ultimo anno vanno a Di Francesco, e il primo ad esserne consapevole è proprio lo stesso calciatore: “Credevo di essere mandato in prestito perché avevo tanto da imparare e un nuovo spostamento è sempre un rischio, ma Eusebio Di Francesco aveva fiducia in me dall’inizio e mi ha aiutato tanto. Se non fosse stato per lui non sarei riuscito a esplodere. E’ davvero bravo con i giovani e io gli devo tanto”. Il suo ruolo in campo resta ancora un piccolo enigma, ma Zaniolo non ne fa un problema: “Confesso che mi piace giocare da numero 8 o addirittura da centrocampista difensivo. Per ora gioco in qualsiasi posizione, poi forse un giorno mi sistemerò in basso, finché non arriverà un allenatore che mi vede come playmaker offensivo. Giocherò ovunque finché resterò in campo”.

LA ROMA A LILLE – Domani alle 18 Zaniolo sarà tra i protagonisti giallorossi che scenderanno in campo per l’amichevole in programma contro il Lille. Prima della partenza per la Francia, la Roma si è allenata a Trigoria focalizzandosi in particolare sulla tattica. Pastore, Nzonzi, Karsdorp e Santon sono stati tenuti a riposo in via precauzionale per affaticamento muscolare. Loro 4 più Veretout (pronto a rientrare in gruppo a partire dalla prossima settimana), Olse, Coric e Defrel, non sono stati convocati per la trasferta francese.

ALDERWEIRELD E NON SOLO – L’obiettivo numero uno per la Roma resta sempre Toby Alderweireld. Nonostante le difficoltà delle ultime settimane, gli agenti del belga spingono ancora per arrivare a un accordo con i giallorossi. Secondo la “Gazzetta dello Sport”, Alderweireld ha accettato l’ipotesi di un trasferimento a Roma, dove potrebbe firmare un triennale da circa 3,5 milioni a stagione. L’ostacolo principale resta il Tottenham: i londinesi continuano a chiedere 28 milioni di euro per lasciarlo partire. Una cifra considerata troppo elevata dalla Roma per un calciatore che a marzo ha compiuto 30 anni. Capitolo stadio: oggi c’è stato un nuovo vertice tra il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, e una delegazione della Roma guidata da Baldissoni. “Da parte della società giallorossa l’interesse c’è. E’ chiaro che non vogliono più perdere tempoha dichiarato il primo cittadino di Fiumicino Se non dovesse realizzarsi il progetto di Tor di Valle, la Roma sa che qui, a pochi chilometri da lì, ci sono 400 ettari di terreno completamente edificabili pronti ad ospitare lo stadio, con tempi di realizzazione che sarebbero dimezzati rispetto al progetto originale”. Mettendo da parte il discorso stadio, la Roma ha stretto un accordo di collaborazione con il Campus Bio-Medico di Trigoria, struttura vicina al centro sportivo a cui saranno affidate le cure dei calciatori giallorossi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy