Totti e la Sampdoria: gioie, dolori e Sliding Doors – FOTO

Con 14 gol la Sampdoria rappresenta la terza vittima preferita da Totti dopo Parma e Udinese. Domenica Francesco potrebbe giocare per almeno qualche minuto la sua ultima partita casalinga contro il club ligure. Ma la storia tra il capitano romanista e i blucerchiati non è tutta qui. Da un possibile trasferimento al sinistro al volo di Marassi passando per quel maledetto 25 aprile. Ecco il libro di storia tra Totti e la Sampdoria

di Francesco Balzani, @FrancescoBalza8

ESORDI IN SALSA BLUCERCHIATA

Sedici anni e il cuore pieno di paura. Questo prova Francesco quando Vujadin Boskov gli dice di scaldarsi per la prima volta a bordo campo. E’ il 28 marzo del 1993, la Roma gioca a Brescia e quel ragazzetto biondo lo conoscono ancora in pochi. Sarà quindi l’allenatore storico della Sampdoria più forte di tutti i tempi (quella scudettata che sfiorò anche la Coppa dei Campioni) a far giocare per la prima volta in serie A quello che poi diventerà il miglior giocatore del calcio italiano. E proprio contro la Sampdoria Totti fa anche il suo esordio da titolare in campionato quasi un anno dopo. E’ il 24 febbraio 1994 e la Roma ospita la squadra di Mancini. Finisce 0-1 proprio con gol del Mancio, ma alcune giocate del capitano restano negli occhi dei tifosi che lo ricoprono di applausi quando Mazzone lo toglie al 41’ del secondo tempo per Daniele Conti. Il resto è una storia gloriosa, che dura ancora oggi: 24 stagioni, 594 partite e 244 gol in campionato con una sola maglia. Se non è destino questo…

28 marzo del 1993 totti sampdoria

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy