Tegola per la Roma: Schick ancora ko, anche Radja in dubbio. Strootman: “Serie A più dura”

L’attaccante ceco ha riportato un altro risentimento muscolare: salta Benevento. A rischio anche Nainggolan. L’olandese ai tifosi: “Questo club per me e è speciale”. Parla Pellegrini: “Prepariamo ogni partita per vincere”

di Melania Giovannetti, @MelaniaGvn

Nuova tegola per la Roma: mercoledì pomeriggio contro il Benevento mister Di Francesco dovrà fare a meno di Patrik Schick. Oggi l’attaccante ceco ha riportato un nuovo risentimento muscolare al retto femorale sinistro, lo stesso muscolo che lo ha costretto a saltare la gara di Champions con l’Atletico Madrid. Nei prossimi giorni Schick – tornato in campo negli ultimi minuti della sfida di sabato scorso contro il Verona – si sottoporrà ad altri esami strumentali per valutare l’entità dell’infortunio. Per il match infrasettimanale di campionato è a rischio anche Radja Nainggolan, alle prese con un affaticamento all’adduttore destro.

STROOTMAN: “ROMA SPECIALE PER ME” – Questa mattina la squadra è tornata ad allenarsi a Trigoria per continuare a preparare la partita con il Benevento (che sarà diretta dall’arbitro Fabbri). Analisi video e tattica per i giallorossi, mentre Karsdorp resta out: ancora palestra per l’olandese. Abile e arruolato Kevin Strootman, che dopo l’allenamento ha risposto alle domande di alcuni tifosi giallorossi. Il centrocampista ha ribadito ancora una volta il suo amore per Roma e per la Roma: “Difficile spiegare cosa siano per me il club e questa città. La Roma è speciale. Sono qui da 4 anni e mi hanno sempre sostenuto in tutti i momenti, sia positivi che negativi”. Inevitabile un commento sulla nuova Serie A appena iniziata: “Il campionato è sicuramente più equilibrato, già ora si vede. Ci sono tante squadre forti: Inter, Napoli, Milan, noi, la Lazio e la Juve. Quest’anno sarà ancora più dura, ma ora è presto per parlarne. Vedremo a gennaio o febbraio”.

NAINGGOLAN: “QUI PER VINCERE” Mentre dall’Inghilterra rimbalzano nuove voci sull’interessamento del Manchester United per Nainggolan, il Ninjia giallorosso giura amore eterno alla Roma: “Sono rimasto qui per vincere con questa squadraha dichiarato a “Il RomanistaSarà un’emozione che non si può descrivere. Sono sicuro che presto succederà. Avevo molte offerte importanti, ma per me è importante lo stile di vita giusto con le persone che amo. Sono felice dove sto e non avevo nessun motivo di cambiare. Qui ricevo tanto affetto, non c’è cosa più bella”. Quell’affetto che Lorenzo Pellegrini, da romano e romanista, conosce benissimo. Oggi il centrocampista ha fatto visita al Roma Store di via del Corso per presentare la terza maglia e per scattare foto con alcuni tifosi. “Dobbiamo continuare con questa scia di risultati positiviha affermato il numero 7 a Roma TVPrepariamo ogni partita per vincere, poi il responso lo darà in campo. Noi partiamo con questa mentalità”.

TRA STADIO PRESENTE E FUTURO – Ad attendere la Roma ora ci sono Benevento e Udinese, poi la prossima settimana tornerà la Champions League con la trasferta di Baku contro il Qarabag (da domani biglietti del settore ospiti in vendita ad un prezzo mai visto prima in uno stadio di calcio: solo 1,50 euro a tagliando). La distanza non permetterà a tanti tifosi di seguire la Roma anche in Azerbaigian, ma intanto anche all’Olimpico le cose non vanno meglio. Tra parcheggi sempre più lontani, tornelli rotti e musica assordante, lo stadio di casa ha fatto registrare una media di 33mila spettatori tra Atletico Madrid e Verona. E a proposito di stadio: oggi Giachetti è tornato a parlare del futuro impianto di Tor di Valle dichiarando apertamente che secondo lui “non si farà mai. Hanno distrutto il progetto originale, un progetto che valeva”.

GONALONS&LIONE – Nostalgia di casa per Maxime Gonalons. In attesa dell’esordio ufficiale con la maglia della Roma, il centrocampista francese è tornato a parlare della sua vecchia squadra: “Avrei voluto essere il Totti o il De Rossi del Lione, avrei voluto terminare la mia carriera lì. Tornare in futuro è un mio desiderio, e il club non ha chiuso la porta a questa eventualità. Ne abbiamo parlato…”. Chi invece non sembra avere intenzione di lasciare Trigoria in futuro è Mirko Antonucci: il giovane attaccante romano è pronto a firmare un prolungamento di contratto con la Roma fino al 2022. Con buona pace di Milan, Inter e Barcellona che avevano già messo gli occhi su di lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy