Roma, torna El Shaarawy ma c’è un caso Dzeko. Fonseca: “Non sono in discussione”

Trovato l’accordo per il ritorno del Faraone, firmerà per due anni e mezzo. Il bosniaco fuori per una contusione, ma resta il giallo sul faccia a faccia con il tecnico. Out anche Pedro e Mkhitaryan

di Valerio Salviani, @vale_salviani

Il giovedì nero della Roma non ha portato default economici, ma gli equilibri già sottili nello spogliatoio hanno subìto un altro duro colpo. Gli strascichi per la brutta figura dei sei cambi effettuati contro lo Spezia (ufficializzato lo 0-3 a tavolino) e la conseguente cacciata di Gombar hanno portato a una mini rivolta della squadra nell’allenamento di ieri, fatta rientrare nei ranghi solo dopo tre ore di mediazione e faccia a faccia duri. Intanto si fa più fitto il giallo sull’immediato post partita di martedì, quando un membro dello staff di Fonseca e un calciatore avrebbero sfiorato la rissa.

Nella tarda serata di oggi però, la notizia che ha stravolto gli animi. El Shaarawy è formalmente un nuovo giocatore della Roma. I giallorossi hanno trovato l’accordo con lo Shanghai e il Faraone è tornato nella capitale in gran segreto. Svolti oggi i tamponi a Villa Stuart, domani (se negativo) farà le visite mediche e metterà la firma sul contratto di due anni e mezzo.

Clima incandescente: Dzeko resta fuori con lo Spezia

 

Nella cronaca dell’incredibile racconto delle vicende di Trigoria, c’è da annoverare anche la rottura (forse insanabile) tra Fonseca e Dzeko, lasciato fuori dal tecnico per il match di domani ufficialmente per una “contusione”, come dichiarato in conferenza stampa. A domanda sul loro rapporto però il portoghese ha preferito passare oltre: “Devo concentrarmi sui giocatori che avrò a disposizione con lo Spezia”. E non saranno tantissimi. Oltre al bosniaco mancheranno anche Pedro e Mkhitaryan per nuovi problemi muscolari. In difesa fanno rumore le assenze per scelta tecnica di Jesus e Fazio. L’argentino, sempre più ai margini del progetto con la Roma, sembra avvicinarsi a grandi passi verso il Parma.

LaPresse

Fonseca e l’ombra dei sostituti

Secondo il tecnico il match di domani non sarà un test da dentro o fuori. Anzi, ha ribadito la fiducia dei Friedkin nei suoi confronti: “Abbiamo parlato anche oggi e non è un argomento di discussione. Dimettermi? Io non sono uno che molla” ha spiegato. Le voci sui possibili sostituti però continuano ad aumentare e qualcuno di questi riesce anche a scatenare la fantasia dei tifosi. Su tutti Sarri e Allegri, anche se c’è chi gradirebbe il ritorno di Spalletti. Da segnalare l’offerta per il talentino Atta del Crystal Palace, assistito da Mino Raiola.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy