Fonseca: “Ho la fiducia di Friedkin. Dimissioni? Non mi arrendo. Dzeko fuori con lo Spezia” – AUDIO – FOTO – VIDEO

Così il tecnico giallorosso: “Pedro non giocherà, per Mkhitaryan decidiamo domani. Lavoriamo tutti insieme per migliorare la Roma”

di Redazione, @forzaroma

Tempo di conferenza stampa per Paulo Fonseca, che alla vigilia della partita di campionato contro lo Spezia risponde alle domande dei giornalisti. La Roma, reduce dalle due pesanti sconfitte nel derby e in Coppa Italia, sta vivendo il peggior momento della stagione.

Domani una partita delicata. Come ci arrivano i giocatori? Nei prossimi 90′ in ballo c’è anche il suo futuro?
Ho sempre sentito l’appoggio del presidente, anche oggi abbiamo parlato e come sempre ho sentito il suo appoggio. Non è una questione.

Questione Dzeko: sarà titolare o c’è qualcosa che non va con lui? Qual è il suo rapporto con lui?
Abbiamo qualche problema in squadra: Pedro non sta bene, Mkhitaryan è in dubbio. Dzeko ha una contusione, ieri ha sentito un fastidio e non sarà pronto per la partita. Io sono concentrato per la partita di domani, devo focalizzarmi sui giocatori che sono pronti.

E’ possibile che nessuno nello staff conoscesse il regolamento sulle sostituzioni? Non lo pretende dal suo vice e dai suoi collaboratori?
Dobbiamo conoscere le regole. Il problema è che ogni anno cambiano, ci sono competizioni in cui i sei cambi sono possibili. Non scappo di fronte alle mie responsabilità, ma adesso è tempo di pensare alla prossima partita.

Conferma le voci nel post partita contro lo Spezia? Cos’è successo con Dzeko?
Sono qui da un anno e mezzo, conosco come funzionano le cose qui. Quando non si vince, qualsiasi cosa si possa dire di male di una squadra arriva. Non voglio contribuire a queste speculazioni.

Sente che la squadra è ancora dalla sua parte?
Sì.

Se si rendesse conto che la squadra non la seguisse più, sarebbe pronto a dimettersi?
Questo è un progetto nuovo, che ha un presidente nuovo. Col tempo spuntano le difficoltà e dobbiamo crescere, ma non sono il tipo di persona che si arrende.

Rivedere la punizione in occasione dell’espulsione di Lopez fa ancora male. Certi errori da cosa dipendono? Sono situazioni provate poco in allenamento o sbagliate dai giocatori?
Se non ci sono errori non ci sono gol nel calcio. E’ importante che noi analizziamo sempre quello che facciamo. Lavoriamo tutti i giorni a Trigoria per migliorare quello che non abbiamo fatto bene.

Pinto e la società stanno seguendo i giocatori che lei ha indicato? In che percentuale è coinvolto in queste dinamiche?
Lavoriamo tutti insieme, io, Pinto e i Friedkin per cercare le migliori soluzioni per aiutare la squadra.

Come stanno Pedro e Mkhitaryan?
Pedro non può giocare, per Mkhitaryan proviamo oggi. Vediamo domani come starà in allenamento per decidere se potrà giocare.

Negli ultimi tempi le viene imputato di non riuscire a leggere le partite in corso d’opera? Cosa risponde? Quanta responsabilità hanno i giocatori?
Quando vinciamo non c’è nessun problema, quando perdiamo è normale che si parli di questo. Tutte le partite sono diverse, devo capire cosa succede in un momento e decidere. Io sbaglio come tutti gli altri.

Come sta Mayoral dopo le critiche?
L’ho visto bene. Ha fatto una grande partita, come ha fatto con il Crotone. Ha creato molto, ha avuto molte opportunità. Ha sbagliato, ma non possiamo dimenticare che è un giovane. L’importante è sentire che sta lavorando bene, il gol verrà.

Che Spezia si aspetta di trovare?
Sarà un’altra partita molto difficile. Lo Spezia ha una propria identità e non cambierà le sue intenzioni. Affrontiamo una squadra che vuole avere la palla, ci stiamo preparando per poter vincere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy