Roma sul filo, tra speranze e incubi. De Rossi e Defrel stringono i denti per l’Inter

Il mercato non decolla e la sfida con i nerazzurri incombe. Emerson e Peres restano in uscita, mentre Under non si muove. A Trigoria doppia seduta per i giallorossi

di Valerio Salviani, @vale_salviani

La settimana più importante della stagione. Per la Roma, in crisi d’identità e risultati come non le accadeva da tempo, è già arrivata l’ora della verità. A dare una spinta decisiva al campionato, in un senso o nell’altro, sarà la sfida con l’Inter dell’ex amico Spalletti, che può far ripartire i giallorossi, o farli sprofondare in una caduta libera senza fine. A fare da corredo, un mercato che non decolla, fermo per mancanza di fondi che Monchi dovrebbe ricavare dalle cessioni. I più a rischio sono Emerson e Bruno Peres, entrambi riserve di lusso, da cui il ds spera di ricavare milioni preziosi. Resta invece bloccata la trattativa per la cessione di Nainggolan, che aveva accettato la proposta del Guangzhou, ma che almeno fino a giugno resterà nella capitale.

IL MERCATO – Come detto, gli indiziati principali a lasciare Roma sono Peres e Emerson. Per il primo, ci ha pensato un intermediario del giocatore a chiarire la situazione: Al momento Bruno Peres è della Roma, a tutto tondo. È il club che dovrà fare una scelta. Lui sta particolarmente bene alla Roma, si parlerà con la società. Se si scrive tanto, qualcosa di vero c’è: c’è stato dell’interesse, ma mai una trattativa definita o particolarmente avanzata”. Dall’entourage di Emerson invece bocche cucite, ma qualcosa si muove. L’ex Santos non è più intoccabile e le offerte di Juve e Liverpool fanno gola al club di PallottaAl contrario, la società è al lavoro sulla situazione contrattuale di Pellegrini. La corte della Juventus e quella clausola fissa a 25 milioni preoccupano non poco. Per questo si cercherà di blindare il giocatore, che rischia fortemente di lasciare la capitale la prossima estate. A gennaio non si muoverà neanche Under, nonostante l’interesse del GalatasarayPer il dopo Skorupski piace Lafont del Tolosa.

VERSO L’INTER – Dopo la settimana di ferie, a Trigoria la squadra è ripartita lavorando forte e a testa bassa. Le voci che si inseguono in città si fermano al cancello del Bernardini, oltre il quale sono tutti focalizzati sui 3 punti da conquistare a San Siro. Di Francesco, che ha trovato i suoi in una buona forma fisica, ha fissato anche per oggi la doppia seduta. Dzeko e compagni hanno lavorato sulla brillantezza atletica, lasciando spazio alla tattica nel pomeriggio. De Rossi e Defrel, che si sono allenati in campo ma a parte, hanno mostrato importanti miglioramenti e sono pronti a stringere i denti per non mancare alla Scala del calcio. Anche alla Pinetina Spalletti ha voluto una doppia seduta per i suoi, in calo come la Roma e in cerca di riscatto in una partita che, come ha detto l’ex nerazzurro Materazzi, “sarà decisiva per la corsa Champions“. Stadio: Baldissoni al lavoro con l’istituto di Credito Sportivo, che entrerà nei finanziamenti per la costruzione dello stadio della Roma.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy