Roma, muscoli di seta: già 9 stop in un mese. Nessuno come te in A e in Europa

Con gli ultimi infortuni di Perotti e Defrel scattano i dubbi sulla preparazione estiva interrotta dalle due tournée in Usa e Spagna. Adesso Di Francesco dovrà inventarsi una nuova formazione

di Luca Benincasa Stagni, @lucabeninstagni

EMERGENZA COL MILAN

La Roma vince, fa punti in Italia ed in Europa, ma scricchiola. In maniera paurosa. Almeno a livello muscolare. Nelle ultime due partite, infatti, i giallorossi hanno dovuto fare i conti con gli infortuni di Perotti e Defrel, rispettivamente l’ottavo ed il nono della stagione. Numeri da codice rosso, specie se si considera che siamo a poco più di un mese dalla prima di serie A con l’Atalanta. Numeri, soprattutto, da regina (se così si può dire) in Italia ed in Europa. Sì, perché tra le big del nostro campionato nessuna ha avuto un’infermeria già così piena. Gli infortuni dei due esterni aprono una voragine sulle fasce. Di fatto, la scelta in attacco sembra obbligata: Dzeko davanti, con El Shaarawy e Under a sostegno. E per fortuna che c’è il tuttofare Florenzi, che a San Siro potrebbe avere la meglio sul turco. Sul banco degli imputati ci sono i preparatori atletici: Vizoco, Lippie e Norman. Ed in effetti tutti i problemi che ha avuto la Roma (o quasi) sono di natura muscolare. Una triste statistica che a Trigoria bisogna in tutti modi contenere, soprattutto in vista dei prossimi impegni e dei mesi più caldi quando ci saranno da affrontare in una settimana squadre del calibro di Napoli, Chelsea e Torino. L’anno scorso la Roma buttò la stagione e rischiò il secondo posto per i tanti infortuni e la rosa corta. Quest’anno non si può sbagliare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy