Roma debole con i grandi: ecco perché non arriva il salto di qualità

Contro il Milan è arrivata l’ennesima sconfitta con una big, e la Roma scivola via dalla zona Champions. In casa giallorossa è allarme: si cercano soluzioni

di Roberta Moli

Un’altra sconfitta con una big

L’allenatore che fatica a fare il salto di qualità, che sia campionato o Europa (vedi la sconfitta contro il Siviglia senza praticamente scendere in campo). La squadra che in questo senso è il suo specchio fedele, giocatori di personalità ed esperienza compresi. E poi, ancora: il portiere che è quasi sempre una zavorra, per quanto contro il Milan abbia anche parato bene, gli infortuni che non mancano mai (ma era così necessario far giocare Dzeko 60’ contro il Braga a qualificazione ormai ottenuta?) e anche il calendario che non aiuta. Perché la Roma fatica ad essere una squadra capace di lottare su più fronti, non a caso in 3 partite dopo la Coppa Italia e l’Europa League ha ottenuto appena un punto. Contro il Benevento. Tutti questi fattori fanno sì che la Roma non sia riuscita, finora, a fare il salto di qualità, perché 3 vittorie in 21 partite, in un anno e mezzo, rappresentano un amaro bottino che è anche un campanello d’allarme.

LaPresse

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy