Roma, De Rossi spegne 50 candeline in Champions: la sua vita nella coppa che conta

Tra gioie e dolori il capitano giallorosso è pronto a raggiungere un altro traguardo con la squadra che ama, avvicinando Totti, al primo posto con 57 presenze

di Valerio Salviani, @vale_salviani

1

ROMA-REAL MADRID (2008)

Gli ottavi di finale con il Real Madrid restano il punto più alto della storia della Roma in Champions League (nella finale col Liverpool del 1984 era ancora Coppa Campioni). Nel doppio scontro con le Merengues i giallorossi assisteranno alla miglior versione di sempre di De Rossi in Europa. Protagonista in casa con una prestazione mostruosa, letteralmente ovunque per tutto il match, attaccato alle caviglie degli avversari e provvidenziale nelle chiusure. Fondamentale al ritorno, quando insieme al resto del reparto difensivo chiude la porta a Raùl e compagni, ammutolendo lo stadio più importante al mondo. Stasera, come quel mercoledì di marzo di 9 anni fa, starà a lui guidare il centrocampo romanista, alla ricerca di un’altra notte di gloria per continuare a sognare.

094930946-0b66d89a-d5ad-4b34-b809-1b1ecd38a90f

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy