Totti si prende la vetta: 10 gol totali, unico romanista dell’anno in doppia cifra

Prosegue la serie nera dei “rigori contro”: otto concessi in stagione, tutti regolarmente a segno

di Redazione, @forzaroma

Come dodici mesi fa, la Roma perde l’ultima partita stagionale e chiude con un velo d’amarezza il suo lungo e sofferto percorso. All’Olimpico passa il Palermo di Iachini e i giallorossi, in classifica, si fermano a quota 70. Per numero di punti fatti, si tratta del settimo miglior campionato della storia romanista, al pari del torneo 2001-2002. Anche allora i punti totali furono 70, ma ottenuti nell’arco di 34 giornate.

 

I rosanero vincono in casa della Roma per la quinta volta nella loro storia. Le quattro precedenti nel 1935-1936 (0-1), nel 1950-1951 (1-2), nel 2005-2006 (1-2) e nel 2010-2011 (2-3). Beppe Iachini, secondo allenatore nell’era Zamparini a completare un’intera stagione sulla panchina del Palermo (dopo Guidolin nel 2004-2005), batte i giallorossi per la seconda volta in carriera, dopo il 2-1 ai tempi del Brescia (settembre 2010) allo stadio Rigamonti.

La Roma, che incassa la seconda sconfitta interna in campionato (la prima datata 16 marzo, 0-2 contro la Sampdoria), non perdeva all’Olimpico con il risultato di 2-1 dal 25 aprile 2012: avversario, la Fiorentina di Delio Rossi. Prosegue la serie nera dei “rigori contro”: otto concessi in stagione, tutti regolarmente a segno. L’ultima parata dagli undici metri di un portiere della Roma risale alla sfida dello Juventus Stadium del 22 aprile di tre anni fa. Fu Curci ad ipnotizzare Pirlo, che poi segnò sulla ribattuta.

 

E’ firmato Francesco Totti l’ultimo gol dell’anno. Ed è un acuto importante, che consente al Capitano di consacrarsi miglior marcatore dell’annata romanista, nonché unico calciatore giallorosso ad aver centrato la doppia cifra. Sono dieci le reti del 38enne fuoriclasse: otto realizzate in campionato, due in Champions League. Il gol su azione gli mancava dal 22 febbraio, contro il Verona al Bentegodi. Sono in tutto 17 i giocatori mandati a segno durante l’arco della stagione. Il podio dei più prolifici è completato da Adem Ljajic (9 reti, 8 in campionato ed una in Europa League) e Gervinho (7 centri, due soli in Serie A e cinque nelle coppe). Debutto stagionale in extremis per due over trenta fin qui rimasti nell’ombra per diversi motivi: Nicolas Spolli e Federico Balzaretti. Il difensore argentino non giocava un match di Serie A dal 27 aprile 2014 (Verona-Catania 4-0), mentre il terzino ex Torino è riuscito a riassaporare il campo dopo un calvario durato 566 giorni. Il 10 novembre 2013 la sua ultima presenza ufficiale, contro il Sassuolo allo stadio Olimpico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy