Roma, in Champions conta l’esperienza: Cole straccia tutti con 105 presenze. Seguono Keita, Maicon e Totti

Sono ben dieci i romanisti inseriti nella lista Uefa a non aver mai giocato una gara di Champions League

di finconsadmin

Il conto alla rovescia è agli sgoccioli. La Roma sta per riassaporare vecchie sensazioni, il dolce gusto del calcio che conta. L’Europa, la Champions, la musichetta che tutti sognano. Negli ultimi tre anni tutto ciò è stato un miraggio, oltre che un ricordo. Ora è di nuovo realtà. Il CSKA Mosca, mercoledì sera, sarà il primo duro esame da superare. Squadra ostica, scaltra, con tanti giocatori esperti. E si sa, in contesti del genere l’esperienza può giocare un ruolo determinante.

 

Sul piano dell’abitudine a frequentare simili palcoscenici, la Roma come è messa? Non malissimo, a dir la verità. Walter Sabatini e Rudi Garcia in estate hanno perfezionato un mix intrigante, fatto di giovani virgulti ed illustri vecchietti, utilissimi proprio per la loro navigata esperienza in territorio continentale. Ed è forse un paradosso che sia proprio l’uomo più discusso del momento colui che, numeri alla mano, potrebbe dar lezioni a tutti a tal proposito. Ovvero, Ashley Cole: 105 presenze totali in Champions League, 45 con la maglia dell’Arsenal (con cui ha realizzato il suo unico gol europeo, il 5 novembre 2003 ad Highbury contro la Dinamo Kiev) e 60 con la casacca del Chelsea. Con tanto di tre finali disputate, due perse ed una vinta. Alle spalle dell’inglese, seppur staccati, si posizionano altri due veterani del calcio mondiale: Seydou Keita (59 presenze e due coppe alzate al cielo con il Barcellona) e Maicon Douglas Sisenando (58 apparizioni ed un trionfo, nell’anno delle meraviglie interiste 2009-2010). Francesco Totti si posiziona al quarto posto con 50 presenze tonde tonde. Il Capitano è nettamente il miglior goleador di Champions della rosa giallorossa: 16 reti realizzate, l’ultima quattro anni fa (23 novembre 2010) al Bayern Monaco su calcio di rigore.

Nell’analisi dei numeri emergono alcune curiosità del tutto particolari. Ad esempio, Urby Emanuelson, nemmeno inserito da Garcia nella lista Champions, è il quinto romanista della rosa per numero di presenze in Champions League: ben 43 (22 con l’Ajax e 21 con il Milan). Sei in più di Daniele De Rossi, che debuttò giovanissimo nel massimo torneo continentale, nell’ottobre 2001 (sostituendo Ivan Tomic al 71′ di Roma-Anderlecht, finita 1-1) a soli 18 anni, 3 mesi e 6 giorni. L’Under 25 con più gare in Champions all’attivo è Miralem Pjanic, 25 volte protagonista con la maglia del Lione. Il bosniaco è anche l’elemento della rosa giallorossa ad aver messo a segno più reti in una singola edizione del torneo: ben cinque nel 2009-2010. Stesso numero complessivo di presenze (13) e reti (2) per Manolas e Gervinho. Sono dieci i calciatori inseriti nella lista Uefa ancora a secco di presenze nella competizione: Astori, Castan, Destro, Florenzi, Iturbe, Nainggolan, Paredes, Skorupski, Strootman e Salih Uçan.

 

Presenze dei romanisti in Champions League
105.Cole (45 Arsenal, 60 Chelsea)
59.Keita (3 Marsiglia, 5 Lens, 9 Siviglia, 42 Barcellona)
58.Maicon (11 Monaco, 44 Inter, 3 Manchester City)
50.Totti (50 Roma)
43.Emanuelson (22 Ajax, 21 Milan)
37.De Rossi (37 Roma)
25.Pjanic (25 Lione)
22.Lobont (2 Rapid Bucarest, 15 Ajax, 2 Dinamo Bucarest, 3 Roma)
22.Torosidis (22 Olympiacos)
18.Borriello (10 Milan, 8 Roma)
18.Holebas (18 Olympiacos)
17.De Sanctis (8 Udinese, 1 Siviglia, 8 Napoli)
13.Gervinho (13 Arsenal)
13.Manolas (13 Olympiacos)
6.Yanga-Mbiwa (6 Montpellier)
4.Balzaretti (4 Juventus)
3.Curci (1 Roma, 2 Sampdoria)
3.Ljajic (3 Partizan)
0.Astori
0.Castan
0.Destro
0.Florenzi
0.Iturbe
0.Nainggolan
0.Paredes
0.Sanabria
0.Skorupski
0.Strootman
0.Uçan

 

Numero di gol dei romanisti in Champions League
16.Totti
6.Keita
6.Pjanic
5.Borriello
4.Maicon
4.De Rossi
2.Gervinho
2.Manolas
2.Torosidis
1.Cole
1.Emanuelson
1.Holebas

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy