Derby alle porte? Occhio alla sfavorita

Dal campionato 1994-1995 in poi, solo 16 volte su 43 il derby è stato vinto dalla squadra posizionata meglio in classifica

di Alessio Nardo

E’ una partita che azzera le difficoltà, si gioca ad armi pari. Lo ha detto anche Luciano Spalletti, uno che qualche derby in effetti l’ha vissuto. Storicamente è la sfida che si sottrae a qualsiasi tipo di pronostico. Pericoloso improvvisare, avventurarsi in previsioni che potrebbero essere facilmente smentite dal campo. Il derby è il derby ovunque, figuriamoci a Roma, dove i 90 minuti sono da sempre contornati da stati di altissima tensione, nervosismi, fattori psicologici che incidono in maniera incredibile.

Domenica prossima la Roma si troverà nella scomodissima posizione di favorita. La classifica non mente: terzo posto, 60 punti, +18 sulla Lazio ottava. Due squadre distanti un oceano dal punto di vista tecnico. Una differenza già netta ed evidente lo scorso 8 novembre, quando i giallorossi ancora guidati da Garcia (e da Gervinho) vinsero per 2-0 senza troppi patemi. Già, ma come detto non sempre chi è più forte riesce ad avere la meglio. Anzi, per stranissimi motivi mai del tutto chiariti scientificamente, chi ha meno valori e dunque una classifica peggiore, spesso si dimostra più lucido, freddo, scaltro ed efficace sul terreno di gioco. Abbiamo preso in esame gli ultimi 43 derby di campionato. Ossia, tutti quelli giocati dal torneo 1994-1995 in poi. Soltanto il 37% delle volte (16 su 43) ha vinto la squadra piazzata meglio in graduatoria.

In quattordici occasioni la gara è terminata in parità, mentre nel 28% dei casi (12 su 43) la formazione sfavorita è riuscita a vincere. L’ultima volta il 13 marzo del 2011, quando Francesco Totti seppellì la Lazio con una celebre doppietta. In classifica, prima di quel match, vi erano 5 lunghezze di vantaggio a favore dei biancocelesti. Ricordiamo altri confronti epici in cui la Roma, svantaggiata sulla carta, ha battuto i rivali diretti: il 3-0 di Mazzone del 27 novembre 1994, il 3-1 con Zeman nell’aprile 1999 (il famoso “Vi ho purgato ancora” di Totti sbattuto in faccia alla Nord) e il 4-1 con Capello sempre nel 1999 ma nel mese di novembre (le quattro reti rifilate da Delvecchio e Montella a Marchegiani in appena mezzora). Anche la Lazio si è tolta qualche soddisfazione da sfavorita: nel 2005 (l’ahinoi celebre derby di Di Canio) e ben tre volte contro la Roma di Luciano Spalletti (nel 2006, 3-0, nel 2008, 3-2, e nel 2009, 4-2). Il condottiero di Certaldo è seriamente avvisato.

Statistiche dal campionato 1994-1995 (compreso)

Derby vinti dalla squadra messa meglio in classifica (16)
18/02/1996, Lazio-Roma 1-0
08/03/1998, Lazio-Roma 2-0
25/03/2000, Lazio-Roma 2-1
17/12/2000, Lazio-Roma 0-1
27/10/2001, Roma-Lazio 2-0
10/03/2002, Lazio-Roma 1-5
09/11/2003, Roma-Lazio 2-0
26/02/2006, Lazio-Roma 0-2
31/10/2007, Roma-Lazio 3-2
06/12/2009, Roma-Lazio 1-0
18/04/2010, Lazio-Roma 1-2
04/03/2012, Roma-Lazio 1-2
11/11/2012, Lazio-Roma 3-2
22/09/2013, Roma-Lazio 2-0
25/05/2015, Lazio-Roma 1-2
08/11/2015, Roma-Lazio 2-0

Derby vinti dalla squadra messa peggio in classifica (12)
27/11/1994, Lazio-Roma 0-3
23/04/1995, Roma-Lazio 0-2
01/11/1997, Roma-Lazio 1-3
11/04/1999, Roma-Lazio 3-1
21/11/1999, Roma-Lazio 4-1
06/01/2005, Lazio-Roma 3-1
10/12/2006, Lazio-Roma 3-0
19/03/2008, Lazio-Roma 3-2
16/11/2008, Roma-Lazio 1-0
11/04/2009, Lazio-Roma 4-2
07/11/2010, Lazio-Roma 0-2
13/03/2011, Roma-Lazio 2-0

Pareggi (14)
01/10/1995, Roma-Lazio 0-0
08/12/1996, Lazio-Roma 0-0
04/05/1997, Roma-Lazio 1-1
29/11/1998, Lazio-Roma 3-3
29/04/2001, Roma-Lazio 2-2
27/10/2002, Lazio-Roma 2-2
08/03/2003, Roma-Lazio 1-1
21/04/2004, Lazio-Roma 1-1
15/05/2005, Roma-Lazio 0-0
23/10/2005, Roma-Lazio 1-1
29/04/2007, Roma-Lazio 0-0
08/04/2013, Roma-Lazio 1-1
09/02/2014, Lazio-Roma 0-0
11/01/2015, Roma-Lazio 2-2

Derby giocati con le due squadre a pari punti
16/10/2011, Lazio-Roma 2-1

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy