Sampdoria, Ferrero: “Sono romanista e antilaziale, ma voglio fare tre gol alla Roma”

“Sono di Testaccio e chi nasce lì può essere solo della Roma. Ho frequentato l’Olimpico, ci andavano molti amici, era il modo per fare due chiacchiere.”

di finconsadmin

Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, ha parlato riguardo al suo tifo giallorosso:

«Sono di Testaccio e chi nasce lì può essere solo della Roma. Ho frequentato l’Olimpico, ci andavano molti amici, era il modo per fare due chiacchiere. Sono stato anche sponsor della Roma, qualche anno fa. Ho acquistato l’abbonamento ai palchetti. Tutta la mia famiglia è romanista, mia figlia Emma di più. Sto riuscendo a farla venire in tribuna, lei dice che vuole andare dove ci sono i sentimenti importanti».

Ferrero prosegue parlando del suo avvicinamento al mondo del calcio:  «Sono stati gli altri ad avvicinarsi a me. All’inizio la Fiorentina, ma non volevo fare uno sgarbo a Cecchi Gori. Poi fui interpellato per la Lazio, ma è una realtà che non mi appartiene, sono antilaziale. Mi contattò il sindaco di Salerno, ma ho risposto che di Salerno mi basta la moglie. Poi il Bologna, nella precedente gestione. Ma non ero ancora sufficientemente pronto. Mi sono dedicato molto alla produzione cinematografica. Essendo un produttore indipendente non mi facevano fare film, allora ho acquistato sale cinematografiche. Ma mi era rimasta la voglia di un grande club. Quando ho saputo che il mio avvocato conosceva la famiglia Garrone, l’ho chiamato tre volte al giorno. La Roma? Qualche contatto c’è stato, però volevo la Samp… (ride). Ho comprato casa in Samp, come dice Crozza. Sono stato conquistato dai colori e da molti calciatori blucerchiati». Infine, il numero uno blucerchiato conclude il discorso sul rapporto attuale con la Roma con una battuta. Non vedo l’ora di farle tre gol, i giallorossi li aspetto nella mia casa in Samp».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy