Lucio, l’addio è tra i fischi

Spalletti, uno strano pomeriggio chiuso con la corsa verso la Sud che lo contestava. L’Olimpico non gli ha perdonato la “guerra” a Totti in nome della Roma

di Redazione, @forzaroma

Al gol di Perotti, Luciano Spalletti è corso verso la Curva Sud ad abbracciare a farsi abbracciare. Perché forse ha capito, come scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero, che in questo periodo, una parolina un po’ più dolce, per quel ragazzino di nome Totti, che anche contro il Genoa ha dato una grossa mano alla Roma, poteva concederla, senza scendere nelle vecchie ruggini, che producono rancori.

Perché alla fine uno è l’allenatore, l’altro è il capitano, le due facce della stessa anima, appunto, la Roma. Questo la gente lo ha capito e non accetta le scissioni, o Totti o la Roma, e Spalletti, all’inizio della partita lo ha fischiato sonoramente e mentre uno stadio era in lacrime a salutare l’addio di Totti, ha fischiato di nuovo. E non solo Spalletti, anche il presidente Pallotta e qualche dirigente, non Monchi, ultimo arrivato, quindi ritenuto puro.

Chi tocca Totti tocca la Roma e viceversa. Spalletti alla fine del match ringrazia tutti, uno per uno, dall’ultimo dei calciatori non entrati fino a chi contro il Genoa gli ha messo addosso una medaglia, quelli che hanno firmato il traguardo con i loro gol e con le loro prestazioni, da Dzeko a De Rossi, passando all’incredibile Perotti, che avrà pure il musino e gli rode davvero tanto quando non gioca, ma stavolta è entrato, ha fatto gol (il primo su azione in campionato) e ha sventolato la sua maglia come una bandiera, nel nome della Roma, di Totti, che bandiera è stato e lo sarà sempre.

Spalletti tra oggi e domani saluterà Roma, con la passione per i colori che si porterà sempre addosso ma con la consapevolezza di non aver tolto in tempo certe spigolature caratteriali. Lucio ha salutato la Curva che lo contestava e che gli ha voluto bene ma non ha capito perché queste guerre continue contro il mondo e Totti. Spalletti ha sottovalutato la grandezza del capitano e della passione della gente.

Caro Lucio, guardala questa città cosa è stata capace di fare, guarda l’Olimpico, guardalo sempre, da quella Madonnina della Milano. Costava tanto un po’ di tenerezza in più? Verso la Roma e il suo capitano di sempre, Francesco Totti. “Stavano piangendo tutti, era impossibile non venire trasportato da questa emozione generale. Se Francesco decidesse di smettere, come penso abbia deciso di fare, sarebbe una perdita da colmare: ottavo re di Roma è poco, è più un imperatore. Nella Roma dovrebbe fare il vice presidente. Lui è un buon ragazzo, trasparente. Non c’è niente di plastificato quando hai a che fare con lui. Sa trasferire la semplicità che ha addosso e riesce anche a non subire questa continua figura che gli viene attribuita perché se l’è meritata sul campo”, le parole di Lucio, che non chiarisce il suo futuro. “Lo faremo prestissimo, finalmente incontrerò Pallotta, che di solito non vedo mai (e lo sottolinea più di una volta, ndr). Bisogna dare meriti a questa squadra, più che mai dopo la gara con il Genoa”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 3 anni fa

    l’ottusità e l’ingratitudine della piazza romana non hanno limiti; Spalletti non avrà vinto nulla, tuttavia ha raccolto i cocci di Garcia portando la Roma al terzo posto e sfiorando il secondo (si certo, merito anche di Totti, e chi lo nega?); l’anno dopo, record di gol e di punti e Roma in CL diretta… ma come al solito si guarda il dito e non la luna…avanti così che ne faremo di strada
    adesso tanti “tifosi” saranno felici, no? Molto meglio Di Francesco, sicuramente… vedrete come fioccheranno i trofei, non sapremo più dove metterli.
    Ora sono proprio curioso di vedere come si comporteranno con lui, alle prime defaillances, quelli che hanno dileggiato Spalletti dal suo ritorno fino a ieri sera.
    E ovviamente se Lucio vincerà all’Inter, cosa molto probabile, non sarà per merito suo ma come al solito “er sistema” che penalizza sempre e solo la povera Roma, sia mai che ricononosciamo i nostri limiti, la colpa è sempre degli altri…
    A Totti non do colpe, perché non ne ha: non è certo colpa sua se la Roma ha dei “tifosi” che non riescono a vedere al di là del proprio naso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy