In Champions dote di 30 milioni. Che salasso la B

di finconsadmin

(La Gazzetta dello Sport – M.Iaria) ?Qualcuno avr? pure iniziato ad annoiarsi un po?, con lo scudetto virtualmente (ri)cucito sulle maglie e certe partite da sbadigli. Tuttavia laSerie A,?quando mancano cinque giornate alla fine, ha ancora un jackpot notevolissimo da assegnare: 100 milioni di euro.

 

E ci siamo pure tenuti stretti. Abbiamo, cio?, escluso dalla volata conclusiva per la Champions della prossima stagione la Juventus prima e il Napoli secondo, limitandoci a una sola casella da riempire, tra Milan e Fiorentina. Considerato che il terzo posto in classifica, ahinoi per l?Italia, regala solo l?invito al preliminare, il calcolo ? stato fatto sulla base dell?obiettivo minimo che di solito ci si pone ? la partecipazione alla fase a gironi ? assegnando a questo traguardo 30 milioni. Poi restano da decidere le tre qualificate all?Europa League (quarta e quinta in campionato e vincitrice in Coppa Italia), in una corsa allargata che ancora coinvolge le stesse Milan e Fiorentina, Inter,Roma, Udinese e Lazio.

 

Anche qui doverosa precisazione: solo chi trionfa in Coppa Italia va dritta ai gironi, mentre la quarta gioca i playoff e la quinta parte addirittura dal terzo turno preliminare.Mail tesoretto ambito?si fa per dire, visto come le nostre snobbano l?Europa League ? lo d? quantomeno la partecipazione alla fase a gruppi ed ? per questo che abbiamo attribuito circa 6 milioni a ciascuno dei tre posti a disposizione delle italiane (pi? 1,5-2 milioni per chi, vincendo la Coppa Italia, partecipa alla Supercoppa italiana). Infine, la lotta per non retrocedere. Pi? che di nuovi ricavi, in questo caso si parla di?mancati introiti?derivanti dal passaggio dalla A alla B, ma il discorso non cambia. Dando per spacciato il Pescara, restano Siena, Palermo e Genoa a lottare per evitare i due posti maledetti, che portano mediamente a un salasso da 25 milioni a testa. La sommafa, come detto, 100, con tutte le approssimazioni del caso.

 

Champions?Il piatto pi? ghiotto ? quello della Coppa dalle grandi orecchie. Giocare i gironi di Champions vale come minimo?30 milioni,?compreso l?indotto, ossia gli incassi allo stadio e i bonus degli sponsor. Le italiane beneficiano di un ?market pool? ? la quota dipendente dal mercato televisivo del Paese d?origine ? tra i pi? elevati d?Europa. I premi Uefa si compongono di una parte fissa (8,6 milioni per la partecipazione ai gruppi), di una variabile (1 milione a vittoria; 500 mila euro a pareggio; 3,5 milioni per la qualificazione agli ottavi e cos? via, fino ai 10,5 milioni per la vittoria) e del ?market pool? che introiti finali. Basta dare un?occhiata alla semestrale della Juventus per rendersi conto del po? po? di quattrini: al 31 dicembre, col club ancora allineato agli ottavi, erano stati registrati ricavi per 42,8 milioni, grazie anche al fatto che ?il market pool ? italiano in questa stagione viene diviso fra due e non fra tre squadre, e un incremento di 3,6 milioni al botteghino.

 

Europa League?In confronto alla Champions la coppa minore regala le briciole. Disputare i gruppi porta?tra i 3 e i 4 milioni,?a seconda del bacino d?utenza delle partecipanti, e quindi degli incassi allo stadio. Da qualche anno la Lega di A, proprio per invogliare i club italiani a impegnarsi di pi? in questa competizione che ha il suo prestigio e pesa sul ranking Uefa, assegna dei bonus a chi si qualifica. Il montepremi ? di 7,5 milioni e dalla prossima stagione verr? suddiviso in base alle performance. Comunque, volendo fare una media di 2,5 milioni a testa e sommando il contributo Lega ai premi Uefa, il tesoretto in palio per ciascuno dei tre posti ammonta a circa 6 milioni. Senza dimenticare che chi vince la Coppa Italia, oltre all?Europa League, si guadagna la partecipazione alla Supercoppa italiana: Romao Lazio si spartiranno con la Juventus 3-4 milioni di ricavi (1,5-2 a testa).

 

Retrocessione?La caduta dalla A alla B ??un salasso?per i conti delle societ?. Il fatturato della Sampdoria pass? (al netto delle plusvalenze) da 45 a 12 milioni; quello del Brescia da 38 a 10. Impattano soprattutto i diritti tv. E proprio per questo, tanto pi? quotato ? il club che retrocede tanto maggiori saranno i danni. Esempio: Palermo e Genoa, che in A incassano dalle televisioni rispettivamente 39 e 32 milioni (dai bilanci 2011-12), perderebbero di pi? del Siena che porta attualmente a casa 22 milioni. Guardando ai ricavi complessivi e quindi anche a sponsor, pubblicit? e stadio, la retrocessione comporterebbe una perdita di circa 20-25 milioni per il Siena, di 35-40 milioni per Palermo e Genoa. Ad attutire i colpi ecco il paracadute: 15 milioni se si ? rimasti in A per almeno tre stagioni di fila (? il caso di Palermo e Genoa), 10 per due (Siena), 5 per una (Pescara). Con un tetto complessivo di 30 milioni. Ci? significa che se assieme al Pescara retrocedono Palermo e Genoa, a queste ultime due toccheranno 12,5 milioni a testa. Ma il paracadute vale solo per una stagione. Se non si risale subito, sono dolori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy