Furino: “La partita di ieri l’ha vinta Conte”

di finconsadmin

“Conte e il ‘mio’ Trap si somigliano tantissimo. Anche lui ha un’attenzione e una voglia maniacali, una straordinaria concentrazione che trasmette alla Juve. L’ha vinta soprattutto lui la sfida contro la Roma. Garcia? E’ piu’ indietro, ma la Roma sta facendo comunque un grande campionato”.

 

Cosi’ l’ex mediano e capitano della Juve, Giuseppe Furino, ha commentato a ‘Pezzi da 90’, su Radio Onda libera, la vittoria conquistata dai bianconeri sui giallorossi. “Non credo che il campionato sia finito, i valori espressi ieri confermano che la Juve e’ la squadra piu’ forte d’Italia e tra le piu’ forti d’Europa. Ci sono ancora tante partite e la Juve non dovra’ distrarsi mai”, ha aggiunto Furino, che di scudetti in bianconero ne ha collezionati otto. “Di sicuro lo Juventus stadium e’ un valore aggiunto e le altre squadre dovranno pensare a organizzarsi, invece di chiacchierare. Solo i mediocri possono dire che una squadra vince cosi’ tanto per gli ‘aiutini’. Penso che la Juve continuera’ a essere concentrata. Immagino che Conte proteggera’ la squadra da ogni tentazione di ritenersi gia’ con lo scudetto in tasca”. Poi, sull’infortunio a Giuseppe Rossi, dopo l’intervento di Rinaudo, ha aggiunto: “Mi dispiace per Rossi, che si stava riprendendo dai vecchi problemi: spero torni a essere subito tra i protagonisti. Quello di Rinaudo e’ stato un fallo di gioco come ce ne sono tanti: non ho visto cattiveria, non e’ entrato per far male, voleva prendere la palla”. Allegri ha fatto bene in questo momento a dire che lascera’ il Milan? “Non e’ stata una sorpresa – ha concluso -: ha capito di non avere piu’ la fiducia del club. Ha ratificato una cosa gia’ scritta. Reja alla Lazio? Il calcio vive di risultati. Il feeling con Petkovic era finito”. (ANSA)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy