Asta per Nainggolan. Marquinho, no al Genoa

di finconsadmin

(Il Tempo – A.Serafini) Aperta ufficialmente la finestra invernale di mercato, Walter Sabatini è volato nel pomeriggio di ieri a Milano, ansioso di poter accelerare più di una situazione tra entrata e uscita. La priorità rimane quella di rafforzare l’attuale rosa con un centrocampista di livello. Non è previsto al momento nessun incontro con il Parma per Parolo, considerato a Trigoria la carta di riserva nel caso in cui non si riuscisse a centrare la prima scelta. Dal quartier generale romanista si sussurra che l’asticella sia al momento piazzata più in alto, uno sforzo necessario per non uscire dall’asta creata intorno al centrocampista del Cagliari Nainggolan. Un pallino per Sabatini e per la Roma, disposta ad offrire circa 8 milioni per la comproprietà del giocatore. Il presidente cagliaritano Cellino continua però a giocare al rialzo, facendo sollevare il prezzo (la richiesta è arrivata a 10 milioni per la metà del cartellino) senza dimenticare la promessa fatta al Milan, che gode di una canale privilegiato con il patron rossoblù. A Milanello però prima di comprare c’è ancora necessità di vendere: la trattativa per Nainggolan potrà essere portata avanti soltanto dopo aver piazzato in uscita uno tra Mexes, Matri e Robinho.

La Roma aspetta e spera di trovare il momento giusto per inserirsi. Anche perché nel mentre il ds giallorosso proverà a sistemare altre operazioni. Previsto per oggi un incontro con il presidente del Genoa Preziosi, intenzionato a non mollare Marquinho. L’esterno brasiliano, però, ha ribadito di preferire un’altra destinazione nonostante lo abbia provato a convincere Gasperini. Stessa sorte anche per Bradley, disposto a cambiare aria (Germania o Inghilterra) per trovare più spazio. Nel caso in cui dovesse arrivare poi un altro centrocampista l’addio del numero 4 sembrerebbe certo. Situazione di stallo anche per Borriello e Burdisso, che la Roma sta offrendo in giro per il mondo: la Sampdoria accoglierebbe volentieri entrambi, ma i parametri dei due ingaggi continuano ad essere proibitivi per le casse blucerchiate. Lo Speziacontinua il pressing su Romagnoli mentre il Chievo ha chiesto informazioni su CaprariSanabria, intanto, è in mano a Sabatini che deve però trovare un club dove «parcheggiarlo».

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy