Curve chiuse, anche l’Alta Corte di Giustizia del Coni respinge il ricorso della Roma

di finconsadmin

Anche l’Alta Corte di Giustizia del Coni, dopo quella della Figc ieri, ha respinto pochi istanti fa il ricorso della Roma contro la sanzione comminata dal giudice sportivo di due gare con le curve dell’Olimpico chiuse per cori di discriminazione territoriale nella gara di Coppa Italia in casa con il Napoli.  Il presidente dell’Alta Corte del Coni, l’ex ministro degli Esteri Franco Frattini, ha esaminato come giudice monocratico il ricorso d’urgenza, valutando che “allo stato degli atti non sussistono le esigenze cautelari invocate ai fini della assunzione del provvedimento di sospensione“, e ha ritenuto che la sanzione debba essere applicata a decorrere dalla gara Roma-Sampdoria di domani. Frattini ha pero’ rinviato l’esame nel merito ad un’udienza collegiale, programmandola per martedi’ prossimo, alle 16. Si terra’ “l’audizione delle parti e l’esame in camera di consiglio dell’istanza cautelare, riservando in quella sede ogni eventuale provvedimento cautelare“. (ANSA)

 

Ecco il comunicato ufficiale

 

“L’Alta Corte di Giustizia Sportiva, in relazione al ricorso proposto dall’ A.S. Roma contro la Figc, respinge l’istanza di sospensione cautelare invocata in merito all’obbligo di disputare una gara con entrambe le curve prive di spettatori, salva ogni decisione di riesame collegiale, e fissa l’udienza per il 18 febbraio 2014 alle ore 16 per l’audizione delle parti e per l’esame in Camera di Consiglio dell’istanza cautelare, riservando in quella sede ogni eventuale provvedimento cautelare, salvo che le parti non si oppongano alla rinuncia dei prescritti termini a difesa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy