Amarcord Giallorosso: Voeller castiga la Dea a domicilio

di Redazione, @forzaroma

(di Tommaso Gregorio Cavallaro) Non si può dire che quella Roma, che si presentò sul finire d’aprile del 1992 allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia per affrontare l’Atalanta, venisse da un periodo positivo. Nelle ultime quattro giornate aveva racimolato la miseria

di 3 pareggi e una rocambolesca sconfitta (da 0-2 a 3-2, ndr) contro il Napoli al San Paolo. La qualificazione alla Coppa Uefa, unico traguardo possibile in quegli anni, pareva ormai un miraggio. Si vivacchiava, infatti, a centro-classifica e nessuno pensava, visto l’altalenante rendimento dei giallorossi, che la situazione sarebbe potuta cambiare in meglio. Al massimo in peggio.

Oltretutto, il tecnico, il taciturno Ottavio Bianchi, era cosciente che il suo tempo a Roma si stava avviando alla conclusione. La società, guidata (?) da Giuseppe Ciarrapico, aveva già strappato il si a Vujadin Boskov, che da Genova era pronto per trasferirsi nella Capitale. Altro uomo con le valigie pronte, era il tedesco volante: Rudi Voeller. All’idolo della curva romanista, tra la fine degli anni ottanta e l’inizio dei novanta, era stato preferito Claudio Paul Caniggia, che in quel campionato militava proprio nelle file bergamasche. L’acquisto dell’argentino era già cosa fatta e Rudi era entrato nell’ordine delle idee di dover lasciare la sua amata Roma. Sarebbe andato a Marsiglia, squadra nella quale avrebbe anche vinto una Coppa Campioni.

In questo clima tra “l’arrivederci e grazie” e il “rompete le righe”, la Roma si presentò a Bergamo. I media presentarono la partita come un’ultima chiamata per entrambe le squadre per un loro possibile reinserimento nella lotta per l’Europa. La Roma sopravanzava di un punto la Dea, che puntava all’accoppiata vittoria e sorpasso.

Portiere a parte, giocò Zinetti al posto del titolare Cervone, Bianchi poté schierare la formazione titolare. In attacco Rizzitelli fu scelto per affiancare Voeller, alle cui spalle agiva il quartetto di centrocampo, formato da Haessler, Giannini, Piacentini e Di Mauro. Aldair comandava una difesa, composta anche da Garzya, Carboni e Comi.

Il match all’inizio fu contrassegnato da ritmi blandi, con ognuna delle due squadre che cercava però di prevalere sull’altra. Fu la Roma, dopo la una ventina di minuti, a prendere le redini del gioco e ad avere la prima grande occasione per portarsi in vantaggio. Al 45’ Rudi Voeller si involò sulla fascia destra, entrò in area e venne falciato da un improvvido intervento di Porrini. Collina non poté esimersi dal decretare un giusto penalty, che però Voeller si fece neutralizzare da Ferron.

La Roma accusò il colpo, tanto che ad inizio riprese la compagine bergamasca ando per due volte vicina al vantaggio. In entrambe le occasioni fu attento Zinetti, che sventò due incornate: la prima di Piovanelli e la seconda di Bigliardi.

Uscita indenne da un situazione che cominciava a farsi critica, la Roma trovò il vantaggio proprio con il centravanti tedesco al 73’. Salsano, che aveva sostituito l’infortunato Giannini, recuperò un pallone a centrocampo e lo passò a Rizzitelli, che premiò l’inserimento di Voeller, il quale fece partire un destro rasoterra dal limite che beffò Ferron.

Game, set, Match. La Roma si prese così i due punti, dando inizio a quella serie di 5 vittorie consecutive, che le avrebbero permesso di raggiungere il 5° posto finale, con annessa qualificazione UEFA.

Campionato Italiano Serie A 1991/92 – 13° Giornata Girone di Ritorno – Bergamo, Stadio Azzurri d’Italia 26/04/1992

Atalanta – Roma: 0-1 (Voeller 28’ st)

Arbitro: Pierluigi Collina di Viareggio

Atalanta: Ferron, Porrini, Pasciullo, Cornacchia, Bigliardi, Stromberg, Minaudo(75? Orlandini), Bordin(41? Valentini), Piovanelli, Perrone, Caniggia – All.: Giorgi a disp. Ramon, Bracaloni, Tresoldi

Roma: Zinetti, Garzya, Carboni, Piacentini, Aldair, Comi(75? Nela), Haessler , Di Mauro, Voeller, Giannini (64? Salsano), Rizzitelli – All.: Bianchi a disp. Tontini, Pellegrini, Carnevale

Risultati e Classifica

Atalanta 0 – 1 Roma
Bari 2 – 1 Ascoli
Cagliari 0 – 0 Napoli
Inter 1 – 3 Juventus
Lazio 3 – 2 Cremonese
Parma 2 – 0 Genoa
Sampdoria 1 – 1 Foggia
Torino 2 – 2 Milan
Verona 2 – 3 Fiorentina

Milan 49
Juventus 44
Napoli 39
Torino 36
Parma 34
Lazio 32

Inter 32
Roma 32
Sampdoria 32

Atalanta 29

Foggia 29

Genoa 29

Fiorentina 28

Cagliari 25

Bari 21

Verona 19

Cremonese 17

Ascoli 13

ATALANTA ROMA – 0 1 VIDEO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy