‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Dzeko essenziale per la Roma, ma è troppo rischioso schierarlo”

‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Dzeko essenziale per la Roma, ma è troppo rischioso schierarlo”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio 104,2): “Mi aspetto una Sampdoria tatticamente molto attenta. Se la Roma riesce a fare un gol nella prima mezz’ora poi può vincerla di prepotenza, al contrario potrebbe complicarsi. E’ una gara che può avere qualsiasi esito.”

Alessandro Vocalelli  (Radio Radio Pomeriggio 104,2): “Dzeko è fondamentale in questa Roma anche in condizioni precarie, soprattutto con la Samp che farà una gara molto accorta. In quel caso avere un giocatore come il bosniaco è essenziale. Dietro di lui non c’è un attaccante così determinante. Detto ciò non credo che giocherà, sarebbe troppo rischioso”

Carlo Zampa (NSL Radio Tv – 90.0): “La Roma ha un bilancio e deve cercare di far quadrare i conti attraverso le cessioni. Spero tutte le sere che Pastore vada via, non è più un giocatore, non è quello di Palermo. Monchi è fatto così, ha questo ego smisurato. Apprezzo questo nuovo Dzeko, un giocatore che ha voglia, che sembra che sia al suo primo anno. Non so se lo rischieranno contro la Sampdoria”.

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo 92,7): “Non mi dispiacerebbe se fosse rinviata la partita in caso di maltempo. Due giornate per Fonseca sarebbero state troppo, sperando che la squalifica non scali verso la partita contro il Milan. La Roma si sentirebbe più forte con Dzeko a Genova, ma non so se lo rischieranno. Quella di Monchi è stata formalmente una risoluzione di contratto, ma è in realtà quello che dice è la verità. Purtroppo alla Roma le cose per lui non sono andate bene e ai giallorossi restano situazioni che continuano ancora a pesare”.

Andrea Purgatori (NSL Radio Tv – 90.0): “Ranieri è una persona per bene, si è trovato a gestire una situazione difficile come quella dell’addio di De Rossi. Bisogna però, guardare alla partita e trovare la vittoria. Il calcio argentino è molto duro, la gente non ti perdona niente. Se Daniele fosse andato in USA sarebbe stato sicuramente più facile. Da una parte gli riconosco il fatto di non esser rimasto in Italia per un’altra squadra, dall’altra penso che potesse fare una scelta migliore vista l’età. Per la Sampdoria, non bisogna rischiare Dzeko, il campionato è lungo nonostante Kalinic non mi sembri determinato e concentrato”.

Patrick Vom Bruck (NSL Radio Tv – 90.0): “Complimenti all’avvocato Conte, è stato bravo a far ridurre la squalifica di Fonseca, io non ci avrei scommesso un euro. A Marassi metterei Fazio-Smalling come coppia di centrali. La Sampdoria ha il morale sotto i tacchi, Ranieri metterà tutti dietro ma la Roma deve aggredire subito l’avversario, ma non sarà facile. Anche il terreno di gioco influirà molto. Monchi è stato deludente anche dal punto di vista umano. Troppo concentrato su se stesso. La Roma lo ha cacciato e dopo un giorno aveva un’altra squadra, già questo era strano. Ha presi giocatori come Karsdorp, Pastore e Schick incerti fisicamente e contro le idee dell’allenatore”.

Fabio Petruzzi (NSL Radio Tv – 90.0): “Io ero certo che una giornata gliela avrebbero tolta a Fonseca. Gli infortuni? E’ anche un problema di testa, incide molto il fatto psicologico sui muscoli. A Genova la Roma deve mettere subito sotto pressione la squadra avversaria, per far diventare più facile la partita. Bisogna colpire il punto debole della Samp: la difesa. Confido molto in Kalinic”.

Javier Jacobelli (Radio Radio –  104.5): “Mi aspetto una condotta di gara molto accorta da parte di Maresca. La Sampdoria deve tornare a fare risultato, con il tallone d’Achille. Penso che il lavoro di Fonseca sia assolutamente positivo, calcolando il poco tempo a disposizione in un campionato del tutto nuovo ”.

Franco Melli (Radio Radio –  104.5): “L’unica vittoria della Sampdoria è stata contro il Torino. La squadra di Mazzarri è più forte della Roma attuale, carica di infortunati. Credo che il pareggio sia il risultato più probabile, ai giallorossi mancherà molto Dzeko in attacco. Non credo in una vittoria netta della squadra di Fonseca”.

Roberto Renga (Radio Radio –  104.5): “La Roma ha tutto per dominare la partita, il fattore campo sarà decisivo. In un campo pesante vedo i giallorossi avvantaggiati, perché ho sempre creduto che la squadra più forte abbia più possibilità con il bagnato. L’unico dubbio resta legato a Ranieri. Non sarà un match sul piano del gioco, fondamentali saranno le palle da fermo, per questo farei giocare Fazio”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio –  104.5): “Non mi convince niente, mi convince tutto. Poteva essere una partita scontata ma non lo è per via di Ranieri. Probabilmente ci sarà una reazione, con l’ex Leicester che potrebbe rispolverare anche Gaston Ramirez. Sono due squadre che faticano a fare il gol, il pareggio potrebbe essere il risultato più probabile. Mi sto convincendo del discorso sulle pale inattive.

Furio Focolari (Radio Radio –  104.5): “Sarà una partita difficile, non ho mai capito perché Di Francesco non abbia mai fatto giocare Gaston Ramirez. Ranieri metterà il pullman davanti la porta, la partita va tenuta sotto osservazione. Non sarà semplice.

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Sampdoria-Roma? Dico 1. Quel progetto dello stadio non si potrà mai realizzare a Tor di Valle, quello che sta uscendo in questi giorni è slo fumo negli occhi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy