‘RADIO PENSIERI’, AUSTINI: “La Roma rimpiangerà Lamela e Marcos per molti anni”, BALZANI: “Roma è per tutti un punto di passaggio”

di Redazione, @forzaroma

(Redazione ForzaRoma.info) Continua anche oggi la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali.

FRANCESCO BALZANI (Centro Suono Sport): “Io dico che c’è stata l’ennesima rivoluzione che mi lascia un po’ confuso. Credo che le grandi squadre si facciano tenendo sempre fissa la spina dorsale. Ljajic è un altro giocatore che verrà quì con poca voglia, soprattutto su input della Fiorentina. Se farà bene anche lui andrà altrove. La Roma per molti è un punto di passaggio e non di arrivo. Ed è un peccato. Ora serve un centravanti perchè hai ceduto Osvaldo che garantiva un certo quantitativo di gol. Sabatini ha molte trattative aperte, con Gomis che in questo momento è in pole”  

 

ALESSANDRO AUSTINI (Radio Radio): “Il passaggio da Lamela a Ljajic è da 4,5 in pagella. La Roma rimpiangerà per anni Lamela così come Marquinhos. Erano due giocatori da non vendere assolutamente. Ljajic ha meno continuità di Lamela. Dal punto di vista finanziario è un’operazione ottima: scambiare Lamela per 20 milioni più Ljajic è un successo. Non saprei a quanto corrisponde la clausola che la famiglia Ljajic ha voluto mettere”.

 

GUIDO D’UBALDO (Radio Radio): “Sicueramente Lamela è più forte di Ljajic, è un giocatore già pronto, valorizzare da Zeman e nazionale argentino. Ljajic è ottimo in prospettiva. Tenedo conto che la Roma deve fare cassa prima di acquistare con Ljajic la Roma ha fatto del meglio”

 

PAOLO CONDO’ (Radio Radio): “Ljajic è uno pericoloso, che ha litigato con tutti gli allenatori che ha avuto. Non la vedo un’operazione buona. Le clausole vengono fissate a prezzi irragionevoli o quasi, devono garantire la società. Quando ci sono i padri di mezzo, soprattutto se si tratta dell’est Europa, c’è da avere paura

 

DANIELE LO MONACO (Rete Sport): “Mi risulta che la proprietà abbia detto alla dirigenza della Roma di fare cassa, e questo ha sorpreso un po’ tutti a Trigoria, soprattutto Sabatini che non avrebbe mai voluto cedere Lamela. Vi dico poi che, secondo me, la trattativa Ljajic non è passata tra Pradè e Sabatini perchè i due non si parlano”.

 

MIMMO FERRETTI (Tele Radio Stereo): “Questo è un mercato pazzariello. Lamela va considerato un ex giocatore della Roma e andrà a Londra il fatto che il Real abbia definito l’acquisto di Bale ci fa capire che entro la settimana ci sarà questo scambio di armadietti e capiremo strada facendo cosa ci riserverà il campionato. Manca un vice Osvaldo. A prescindere da tutti gli acquisti la Roma ha perso un attaccante centrale e ne ha presi due esterni. Alla Roma mancano 20 gol. Qualcuno mi ha fatto un rilievo che l’anno scorso c’era Zeman quindi i dati di Lamela e Osvaldo sarebbero gonfiati, ma è evidente che non c’è nessuna contro prova, nessuno può dire che con Garcia ne avrebbero fatti di meno. Per paradosso se tu sei una squadra che segna 38 gol e ne becchi 0 in un campionato vinci lo scudetto ciò che conta è la differenza reti. E’ importante tenere un numero i gol pari alla passata stagione e cercare di prenderne di meno. Io mi aspetto che il prossimo acquisto sia un centravanti e poi un difensore con caratteristiche differenti da Benathia. Ho parlato con dei giocatori della Roma e mi hanno risposto quasi tutti: Quagliarella.  Mi sorprende che la Roma non ci stia pensando concretamente, però so anche che Quaglairella guadagna il doppi odi Matri e questo inficia un’eventuale trattativa”

 

UGO TRANI (Rete Sport): “Ljajic nel 4-3-3 è un bravo ‘finto nueve’. ha 15 anni meno di Totti e quindi credo che la Roma potrebbe anche non cercare il centravanti. Io il giudizio Lamela-Ljajic non lo do, perchè sapendo che Lamela ha fatto tanti gol con Zeman, puo’ darsi che Ljajic puo’ segnare di più. Lui è stato più pesante nei gol segnati rispetto a Lamela, e nella seconda parte di campionato ha fatto molto di più dell’argentino. Con l’arrivo di Ljajic retrocede Gervinho. Florenzi? Con Andreazzoli, nella partita più importante, è stato in panchina” 

 

DAVID ROSSI (Tele Radio Stereo): “Lamela è una cessione dolorosa per la Roma, ma soprattutto per Sabatini. Poi un giorno bisogna raccontare certe storie, che riguardano i procuratori. Alcuni sembrano dei padrini che gestiscono i giocatori anche nella vita. Nel caso di Lamela conta tantissimo il papà che conta più del procuratore e quando il ragazzo ha poca personalità allora certe situazioni diventano poco gestibili. Alla Roma, così, hanno scelto per una trattativa gestionale oltre che economica” 

 

 

MARIO CORSI (Centro Suono Sport): “La Roma era obbligata a prendere un giovane bravo al posto di Lamela, altrimenti Sabatini non poteva tornare in città. Io dico che però Ljajic non è come Lamela nè tecnicamente che tatticamente.

 

 

MASSIMILIANO MAGNI (Rete Sport): “Su Ljajic dico che la clausola è importante se esiste o meno. Forse è stata proprio quella a convincere il giocatore. Noi dobbiamo pensare alle prospettive che la Roma ha anno per anno. Certo, non è detto che nei prossimi anni la società dovrà comportarsi come quest’anno. Il mercato della Roma è stato ottimo perchè comunque hai preso giocatori come Strootman e Ljajic. C’è comunque da aspettare il 2 settembre per dare un giudizio, come ha detto anche Garcia”

 

LUCA VALDISERRI (Rete Sport): “La Roma ha preso due giocatori che mezza Europa voleva: Strootman e Ljajic, quindi chapeau. Vuol dire che in mezzo a tanti problemi in società qualcosa ancora funziona. Si sono riusciti ad inserire bene nella trattativa del serbo con il Milan, sono stati bravi. Non gli perdonerò mai la cessione del ragazzino con l’apparecchio (Marquinhos ndr) però adesso la squadra è competitiva. Manca solo un centravanti visto che Borriello ormai si vede che non viene preso in considerazione. Se si hanno garanzie su Destro allora si puo’ continuare con Totti centravanti altrimenti serve uno buono”    

 

 

ROBERTO RENGA (Radio Radio): “Alla Roma non serve un centravanti, altrimenti dove lo metti Totti? Io, poi, comincerei a dare una maglia a Totti e una a Florenzi, poi per la terza vediamo tra Gervinho.  

 

 

ROBERTO PRUZZO (Radio Radio): “A me Ljajic piace anche se devo dire che mi sembra uno come Vucinic, cioè un ragazzo che ha poco continuità perchè si ferma sempre ad un passo dal diventare un top player”.  

 

 

FABIO MACCHERONI (Radio Manà Manà Sport)“La Roma può arrivare in Europa, può lottare per stare sotto alle grandissime, ho delle perplessità per la Fiorentina, non mi convince la difesa. Contro il Livorno, fermo restando che i toscani non siano una squadra forte, la Roma non ha mai dato la sensazione di prendere gol o perdere, quella sensazione che avevamo sempre gli anni scorsi”.  

 

 

MICHELE GIAMMARIOLI (Radio Manà Manà Sport): “Sono contento dell’arrivo di Ljajic , credo sia il giocatore più adatto a sostituire Lamela, con il vantaggio economico da parte della Roma, perché tra i due c’è una differenza di una ventina di milioni. Se arrivasse anche Matri sarei ancora più contento”.  

 

MAX LEGGERI (Radio Manà Manà Sport)“Se ci esaltiamo per l’arrivo di Ljajic mortifichiamo quelle che sono le aspettative della Roma. E’ un buon giocatore, in prospettiva ha grandi potenzialità di crescita. 22 anni, ha fatto bene nella seconda parte della scorsa stagione. Era in orbita Milan e questo ci deve far riflettere, per sognare però credo ci voglia qualcosa di più”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy