‘RADIO PENSIERI’, PIACENTINI: “Mi aspetto Pjanic titolare”, VOCALELLI: “Il derby sarà deciso da uno tra Gervinho e Keita”

di finconsadmin

(Redazione ForzaRoma.info) Continua anche oggi la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali. (AGGIORNA)

ALESSANDRO VOCALELLI (Radio Radio): “Il derby sarà deciso da uno tra Gervinho e Keita. La Lazio non puo’ perdere non tanto per motivi di classifica quanto per motivi di ambiente. La Roma, però, deve tenere metri nella rincorsa alla Juve e quindi anche lei è costretta a non perdere. In tre giorni rischia di compromettere la stagione, ma chiudendo al secondo posto sarebbe lo stesso un successo”

 

GIANLUCA PIACENTINI (Radio Manà Manà): “Mi aspetto una Lazio con dieci giocatori dietro la linea della palla per impedire alla Roma di fare il gioco. E’ il modulo che Reja sta utilizzando per risollevare le sorti della squadra biancoceleste. Sarà una partita tra due formazioni che hanno due atteggiamenti tattici molto differenti. Non credo sia un caso la differenza di venti punti e più tra le due squadre. Giocherà la formazione della Roma migliore: mi aspetto Florenzi al posto di Ljajic e Pjanic per Nainggolan”.

 

FEDERICO NISII (Teleradiostereo): “La cosa della discriminazione territoriale è tutta italiana e ridicola. Quanto è tifoso uno che persevera nel suo atteggiamento e colpisce la sua squadra?”

 

 

MIMMO FERRETTI (Teleradiostereo):  il derby è una partita dall’importanza basilare per le ambizioni della Roma in classifica.Come ha detto Garcia, la Roma non ha 3 punti scontati in tasca dovendo recuperare con il Parma.Il derby, come sempre, non vale soltanto tre punti, ma mai come in questa circostanza vale anche tre punti.Vorrei ricominciare a vedere Pjanic titolare dall’inizio, sono tante partite che non succede: non vorrei si cominciasse a pensare a lui come  una riserva o come un giocatore utile solo a spaccare le partite a venti minuti dalla fine.La prestazione di Nainggolan con il Napoli non mi ha convinto molto: se Garcia ragiona di partita in partita al derby gioca Pjanic, anche se il belga mancherà per squalifica al San Paolo.

 

 

 

PAOLO ASSOGNA (Teleradiostereo) : “Secondo me i giochi del campionato sono chiusi, non credo in una rimonta in ottica secondo posto della Fiorentina, né del Napoli. L’oscar del mercato della Roma? E’ complicato deciderlo, ma lo do a Benatia, grazie al quale la squadra acquista fiducia. Anche Gervinho e Strootman sono due gioielli.”

 

 

 

RICCARDO GENTILE (Rete Sport): “Descriminazione territoriale? C’è un gruppo politico che su questa cosa ci ha costruito una carriera: che esempio danno i politici ai tifosi ed ai cittadini? Questo è il momento della descriminazione territoriale, prima era quella razziale, molta attenzione è data dalla moda che viene evidenziata in un dato periodo.”

 

 

 

ALESSANDRO ANGELONI (Rete Sport): “Le società non possono sempre pagare per quello che fanno i tifosi. Dobbiamo considerare l’ipocrisia che c’è nella nostra società, dove ci sono politici che si insultano in Parlamento ed anche tramite i Social Network ed invece di vedere queste cose si colpiscono situazioni come quelle dell’altra sera.”

 

 

 

 

UBALDO RIGHETTI (Teleradiostereo): “La Lazio è molto debole a sinistra ed io lì metterei Gervinho. La partita viene determinata dall’atteggiamento iniziale della Roma. La Lazio si adegua. Secondo me giocherà Nainggolan al posto di Pjanic.

 

 

 

DAVID ROSSI (Teleradiostereo): Secondo me Garcia si è un po’ incartato su qualche ballottaggio, tipo Totti-Destro e Nainggolan-Pjanic. Il Capitano va gestito per il bene della Roma e per il suo bene. Ha portato la croce sulle spalle per tanto tempo, adesso in qualche partita ci vorrebbe una turnazione maggiore. Destro lo vedo penalizzato, eppure quando ha giocato ha segnato o fatto assist. E’ l’unico che segna dentro l’area piccola”

 

 

 

UGO TRANI (Rete Sport): “Non credo ci siano sorprese particolari di formazione nel derby. Della Lazio sono due o tre i calciatori che possono darti fastidio, per il resto poco o niente. Dal punto di vista tecnico e tattico non c’è partita, quello che influisce tanto è il lato psicologico.”

 

 

LIONELLO MANFREDONIA (Radio Radio): “La Roma è molto carica, il lavoro del tecnico è grandissimo. C’è Gervinho in grandissima forma: lui non va fatto partire, deve marcarlo uno a reparto, non solo un difensore; se parte in 1 contro 1 non lo prende nessuno. Il derby sarà duro per entrambi perché lazio è in netta ripresa, ma con uscita Hernanes perde molto. Farei un derby d’attacco, con giocatori bravi a giocare a calcio. Penso che la Roma possa raggiungere la Juve, sei punti non sono tantissimi. Il derby però è una partita strana.”

 

 

 

FURIO FOCOLARI (Radio Radio): “Posso scommettere che la Lazio giocherà a 5 difensori, se non accade mi faccio giro dell’Olimpico a piedi. Vedo piu Onazi a centrocampo anche se Gonzalez è un po’ il cocco di Reja.”

 

 

 

ROBERTO RENGA (Radio Radio): “Lazio con la difesa a tre, in attesa di avere più energie e poi cambiare anche con 4-4-2, io farei questo modulo, copri tutto e hai aperta la possibilità di giocare avanti. La Roma ha giocato in coppa e in teoria dovrebbe essere più stanca.”

 

 

LUCA VALDISSERRI (Rete Sport): “Gervinho diventa un top player nel contesto del campionato italiano. Se fossi Borussia o Manchester non andrei a prenderlo per fare il salto di qualità. Il discorso è differente per Strootman, un campione che starebbe bene ovunque. Rudi Garcia? Sarebbe perfetto per il progetto di ricostruzione del Manchester United.”

 

 

 

TIZIANO CARMELLINI (Radio Manà Manà Sport): “La Lazio è favorita in questo derby: nonostante la Roma sia nettamente più forte, i biancocelesti non hanno niente da perdere e per questo punteranno tutto sulla stracittadina per risollevare la propria stagione.”

 

 

ROBERTO RAMBAUDI (Radio Manà Manà Sport): “La Roma è in calo e la Lazio è in crescita. Non perderanno i biancocelesti, anzi, il risultato sarà per 2-0.”

 

 

 

ALVARO MORETTI (Radio Manà Manà Sport): “Mai come questa volta il pareggio tra Roma e Lazio è il risultato più concreto. La Lazio in questo momento è una delle squadre più difficili da affrontare ed i giallorossi dovrebbero considerare seriamente la bontà di un pareggio. In questo momento le due squadre non sono così distanti dal punto di vista del gioco.”

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy