Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

rubriche

‘RADIO PENSIERI’, TORRI: “Preoccupato per la rosa corta”

Getty Images

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Redazione

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Piero Torri (Tele Radio Stereo 92,7): "I titolari della Roma possono giocarsela con tutti, anche con il Napoli. Dalla partita di ieri si esce anche con un pizzico di rimpianto. Sono uscito confortato dallo stadio, ma anche un po' preoccupato. La Roma ha una rosa davvero corta e deve arrivare in queste condizioni almeno fino a gennaio".

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio 104,5): “La Roma deve e può ancora crescere. Ieri si è giocata una grande partita dal punto di vista agonistico, non tecnico. Mourinho dice che contro la Juve e il Milan c'è stata una "grande Roma", ma se poi in due match fai un solo punto forse non stai messo così bene".

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104,5): “La Roma ieri è stata finalmente una squadra e ieri mi è piaciuta. Voglio dire però che mandare quei cinque in tribuna in questo modo, esponendoli tra l'altro agli insulti di tutti, è una cosa incivile e non la condivido per niente. Tornando al match, non condivido le critiche alla Roma. Ieri ha giocato bene, anche se quelli davanti devono fare di più. Zaniolo non è ancora la sua versione migliore".

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio 104,5): “Non mi sembra giusto quello che Mourinho sta facendo ai cinque mandati in tribuna. Cristante ieri è stato sontuoso, mai visto giocare così".

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Pomeriggio 104,5): “La questione dei cinque in tribuna mi sembra davvero strana, secondo me ci nascondo qualcosa. Non posso credere che Mourinho se la prenda così con loro, senza un fatto scatenante dietro".

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio 104,5): “Zaniolo è l'unico che cambia davvero la Roma. I giallorossi hanno fatto una buona partita, il pareggio è giusto. Ora vedremo se sarà un episodio isolato, oppure se questa è davvero una squadra che può ambire alla Champions".

Francesco Balzani (Te la do io Tokyo/Centro Suono Sport 101,5): "Mourinho ha messo una base affidandosi ai soli 13-14, ma questo non basterà, ora toccherà ai Friedkin. Ieri si è vista una Roma che ha dato tutto, ma tecnicamente resta inferiore al Napoli e lo sarà anche dopo gennaio. La partita comunque mi ha lasciato soddisfatto, c'è stata una risposta caratteriale importante. L'anno scorso il Napoli ha massacrato alla Roma all'andata e al ritorno, ieri non è successo. Mou ha dato un'identità alla squadra. Abraham è un leader e in partita ci sta sempre, ma ieri si divora un gol. Il suo impatto comunque è positivo".

Antonio Felici (Te la do io Tokyo/Centro Suono Sport 101,5): "Quando si giudica il lavoro dei Friedkin non va dimenticata la situazione drammatica che hanno ereditato. Ieri ho finalmente visto la mano di Mourinho in campo. La Roma mi è piaciuta più ieri che con la Juventus. Ho visto una squadra più compatta. Se i progressi verranno confermati secondo me col Milan si vince".

Ugo Trani (Te la do io Tokyo/Centro Suono Sport 101,5): "Brutto weekend per i "pallottiani". Le parole di Mourinho sono epocali, non hanno precedenti. Ha detto cose vere, ma qualcuno di quelli che si sono "arricchiti" ancora frequentano Trigoria. Spalletti era stato portato alla Roma per distruggere Totti, lo sanno tutti. Ieri l'ha insultato tutto lo stadio e lui li ha anche presi in giro col braccio alzato. Mourinho se potesse metterebbe in panchina anche alcuni dei titolari: Karsdorp ad esempio non un titolare, lo stesso vale per Vina e Mkhitaryan. Serve un'altra punta, un esterno forte. Dzeko? Ricordatevi che l'anno scorso ci stava gente che voleva Mayoral al posto suo".

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo 92,7): “Prestazione completa della Roma ieri contro il Napoli. Mi era piaciuta con la Fiorentina, ma al Napoli hanno concesso ancora meno occasioni. Io a Mourinho gli invidio la serenità. Ieri Mancini mi è sembrato un difensore della Juventus, migliore in campo secondo me. Lo metto allo stesso livello di Cristante, anche lui molto bene. Secondo me Veretout è più importante di pellegrini nella formazione della Roma".

Furio Focolari (Radio Radio Mattino 104,5): “È stata una bella partita, il pareggio è un risultato giusto. La Roma ha avuto una grande difesa e un super Cristante, ieri straordinario. Ma Mkhitaryan non è stato granché".

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino 104,5): “Io non capisco l’atteggiamento di Mourinho. Questi ragazzi devo capire che cosa abbiano fatto. non credo siano andati a ballare sui cubi in Norvegia. Sia Osimhen che Abraham sarebbero potuti essere espulsi, ma è stato bravo l’arbitro a valutare le situazioni".

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattina 104.5): "Il Napoli è da scudetto, la Roma può diventare una squadra forte. L'atteggiamento e le parole di Mourinho non le capisco, mi trova in disaccordo. Ma così dove vuole arrivare? Mah... Ieri ho visto un grande Ibanez, aveva davanti un centravanti che è l'ira di Dio".

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattina 104.5): "La Roma ha giocato una gran partita contro un Napoli che può vincere lo scudetto, ha avuto un'ottima risposta post Bodo. Fermare un Osimhen così non è facile. Mourinho ha certificato sempre di più la carenza della rosa. A Cagliari c'è bisogno di far riposare qualcuno, ma lo farà? L’applauso di Spalletti non riesco a capire se fosse ironico o meno. L’occasione di Mancini è qualcosa di clamoroso".

Nando Orsi (Radio Radio Mattina 104.5): "Roma-Napoli non mi è piaciuta come partita, mi aspettavo di più. Meglio i giallorossi che il Napoli, però".

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattina 104.5): "Il Napoli ha giocato e cercato di vincere la partita per 60 minuti, la Roma è venuta fuori troppo tardi ma nel finale di gara ha fatto una gran partita. Abraham andava espulso, la second ammonizione c'era tutta- Mourinho sbaglia a bocciare le riserve, perché andando avanti così non arriva nemmeno a gennaio perché ci sono tante partite. Secondo me Mourinho sta sbagliando con le dichiarazioni e l'atteggiamento".