‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Under si è perso, bravo chi ha condotto l’operazione con il Leicester”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Milik arriva perché se ne va via Dzeko. Sarebbe bello tenere tutti e due, una grande operazione che comunque non ci sarà. La Roma è stata più lesta della Lazio a trovare la formula molto vantaggiosa per Kumbulla. Sono stati molto bravi. Penso che Under sia un buon giocatore, ma nella Roma si è perso: mi sembra che chi ha condotto questa operazione con il Leicester sia stato molto bravo”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma prende Milik e si tiene anche Dzeko. La storia di Suarez potrebbe cambiare le carte in tavola”.  

Antonio Felici (Centrosuonosport – 101,5): “Milik per l’attacco, Torreira per il centrocampo e Godin per la difesa darebbero una bella sistemata a problemi che avevamo evidenziato nella Roma. Con loro si può iniziare a pensare di lottare per il quarto posto”. 

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Su Karsdorp questi giorni qualcosa è cambiato, pare che abbia parlato con i Friedkin prima di decidere di restare. Lo vedevo nelle amichevoli e ho pensato che forse Fonseca se lo sarebbe tenuto. Il suo problema sono gli infortuni e un po’ la testa. Difensivamente deve migliorare. Dare Florenzi al PSG per prendere De Sciglio non ha senso”.

Stefano Petrucci (Teleradiostereo – 92,7): “Era più importante prendere subito il bomber di riserva che il titolare. Sapevamo che la vicenda Dzeko-Milik sarebbe andata per lunghe”.

Federico Nisii (Teleradiostereo – 92,7): “Le sensazioni su Kumbulla sono positive. È pronto a prendere possesso della sua zona di campo. Speriamo di vederlo già a Verona. Dzeko si sente della Juventus ed è d’accordo con società e allenatore bianconeri. Si corre il rischio di giocare una partita ufficiale senza centravanti. Sarebbe un record mondiale tutto romanista che complicherebbe la vita a Fonseca”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Lazio ha fatto una brutta figura su Kumbulla. Pensate se dovesse segnare un gol vincente a un derby. Speriamo per la Roma che adesso arrivi qualcos’altro per completare la rosa”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Kumbulla mi è piaciuto sempre, a parte contro Lukaku, ma con lui farebbero brutta figura in tanti. E’ un buon acquisto, ma è solo la prima pietra”.

Francesco Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Dzeko è un lusso che la Roma non può permettersi. Milik a livello di qualità non è Dzeko, ma fa gioco, ha otto anni di meno e batte bene anche le punizioni. Lui è un investimento, Dzeko solo un costo”

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Se l’obiettivo principale della nuova dirigenza è quello di abbassare il tetto degli ingaggi, l’operazione Dzeko in uscita e Milik in entrata è ottima. Hai la garanzia di un vero attaccante per i prossimi cinque anni. Milik per me è forte, è un po’ sottovalutato. Certo, con Dzeko fai un favore alla Juve, ma gli dai anche un giocatore di 34 anni… Under venduto a 27 milioni sarebbe un ottimo affare”.

Nando Orsi(Radio Radio Mattino – 104,5): “Dzeko alla Juve e Milik alla Roma è un buon affare per tutti e due i club. Il polacco ti garantisce anche in prospettiva”.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “Milik alla Roma, e Dzeko alla Juve sono due operazioni che fanno bene a tutti. A me il mercato della Roma piace perché sta facendo bene le cose. Milik non segnerà meno gol di Dzeko. Under venduto a 27 milioni? Applausi per chi gestisce le operazioni della Roma”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy