‘RADIO PENSIERI’, MELLI: “Ecco cosa so delle visite di Milik, le multe sono una scusa…”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Roberto Infascelli (Teleradiostereo – 92,7): “Possiamo dire senza timore di essere smentiti che questo stallo nella trattativa fa male a tutti. Dzeko c’è ma non c’è, Milik è ancora stranito anche se il Napoli non ci punta. Ma è una situazione che non alimenta serenità. Non è che non si può giocare Verona-Roma senza Milik, ma sembrava essere andato tutto a dama. Se non siamo riusciti a superare la telenovela Smalling, poco ci manca…”.

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Alla Roma non si capisce chi viene, Milik? Under torna indietro o no? È arrivato Kumbulla, ma anche lei è incompleta quindi un giudizio sarebbe zoppo. La Roma avrà difficoltà, Juric è molto bravo a piangere e fingere ma poi i ritmi del Verona sono indigesti. A me è arrivata l’indiscrezione che le visite di Milik non sono andate bene ma il Napoli non vuole dirlo. E per questo hanno tirato fuori la storia delle multe”.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Mi interessa capire a che punto è la Roma e dal punto di vista psicologico come affronta questo momento. È l’occasione per cominciare bene. L’operazione Milik-Dzeko che salta per una multa non ha senso”.

Nando Orsi (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Verona-Roma una partita sì interessante ma mancano giocatori importante. Sospendo il giudizio qualsiasi risultato arrivasse. La Roma secondo me non deve prendere solo Milik, ma lui e un’altra punta. E magari già prima di Milik, così Mkhitaryan stasera poteva giocare nel suo ruolo”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Sono più preoccupato per Under che per Milik. La lentezza per Milik è dovuta alle tante cose da fare: visite mediche, rinnovo col Napoli, questione sugli arretrati. Lunedì dovrebbe essere ufficializzato. Under al Leicester è complicato, non si capisce quale sia il vero problema. Per la Roma è importante partire bene, credo che Fonseca possa avere la tentazione di utilizzare Dzeko a Verona. Fonseca è convinto che Smalling torni, non penso che abbia voluto dare un messaggio alla società. Olsen e Pau Lopez sono state due scelte sbagliate. Mi intrigano il trio difensivo titolare e vedere Milik con la maglia della Roma”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Per me, Fonseca stasera giocherà con la difesa a tre e Mirante in porta. Dzeko non ci sarà, De Laurentiis sta aspettando che Milik faccia come Allan e poi ceda sulla questione degli stipendi”.

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino . 104,5): “Dzeko aspetta una chiamata per partire a Torino, anche prima della gara col Verona. Alla fine De Laurentiis non bloccherà l’affare Milik”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Non capisco tutta questa adorazione dei romanisti per Dzeko: ma che ha vinto la Roma con lui? Niente. Milik prima degli infortuni era una star, stiamo parlando di un giocatore che ha dato all’intendere di poter essere un grande attaccante. Non c’è questa differenza abissale con Dzeko. Non vedo progetti per una Roma alla riscossa. Aspettiamo dai Friedkin un qualcosa di significativo”

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Spero che sui falli di mano ci siano delle scelte precise e uguali per tutti. Sono curioso anche di vedere se incideranno o meno i cinque cambi. Secondo me Dzeko non giocherà. Ad oggi la Roma non è migliorata, ma il mercato deve ancora chiudersi. Se arriva Smalling la squadra ha una certa identità, con più certezze. Serve poi un vice-Milik”

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Gli arbitri devono essere un po’ più clementi sui falli di mani in area, l’anno scorso è stata una farsa. Milik-De Laurentiis sono schermaglie di poca casa rispetto all’operazione che stanno facendo, secondo me lunedì è tutto chiarito. Dzeko in campo stasera? No, non ci credo”.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “Ho saputo che per Kumbulla la Lazio aveva offerto la stessa cifra della Roma o qualcosina di più, ma Setti ha deciso di darlo alla Roma e non a Lotito. La convocazione di Dzeko per Verona dipende dal fatto che non ci sono ancora le firme, ma secondo me il bosniaco non verrà impiegato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy