‘RADIO PENSIERI’, BALZANI: “Siamo sicuri che Sabatini resterà a Roma?”, PUGLIESE: “Al momento Garcia è un allenatore sfiduciato”

Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali

di Redazione, @forzaroma

Quello delle Radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Sì, anche le altre città hanno degli spazi dedicati allo sport, e magari anche la loro stazione dedicata alla squadra del luogo. Non si troverà mai, tuttavia, una voce altisonante e popolare come quella proveniente dagli apparecchi della Capitale; una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo, e una folla di appassionati pronti a sintonizzarsi all’ora concertata. Ogni protagonista va a comporre un grande collage che riempie di spunti, approfondimenti e contraddizioni la settimana del tifoso. Un ciclo continuo, che si rinnova sulle frequenze FM locali ogni giorno, di partita in partita, stagione dopo stagione.

 

FEDERICO NISII (Tele Radio Stereo) : “Io alzo le mani. Rudi Garcia credo sia un buon allenatore, ma conta il pensiero della società. A questo punto mi chiedo ‘se resta Garcia, a che pro?’. Calciomercato? Il centrocampo del prossimo anno va integrato, magari con gente come Bertolacci e Banega. Peccato per Milner al Liverpool, è un centrocampista che mi sarebbe piaciuto”

 

FRANCESCO BALZANI (CentroSuonoSport) : “Non si tratta di stare dalla parte di Garcia o di Pallotta. O cambi allenatore o cambi proprietà, così non si può affrontare una stagione. Io mi aspetto una soluzione consensuale tra le parti e non credo sia stata la conferenza di Garcia ad aver provocato una frattura già in seno da mesi. Nomi per il futuro? Innanzitutto tocca capire se lo sceglierà Sabatini. Siamo sicuri che il DS resterà a Roma? Occhio all’incrocio Montella, Spalletti, Sarri tra Napoli, Roma e Fiorentina”

 

LUIGI FERRAJOLO (Radio Radio): “L’assenza di Garcia a Londra non la vedo come un problema. Lui e Pallotta si sentiranno, o lo hanno già fatto, in altra maniera. Di fondo credo che ci sia ancora una stima tra i due ma nello stesso tempo, deluso dalla stagione, Pallotta stia mettendo dei paletti a Garcia.”

 

ANDREA PUGLIESE (Tele Radio Stereo): “Rudi Garcia, dopo le parole di James Pallotta, è un allenatore, al momento, sfiduciato dalla presidenza. E non è il massimo, anche per i giocatori che alleni.”

 

FRANCESCA FERRAZZA (Rete Sport) : “Non so se Garcia avrebbe voluto cambiare Rongoni o alcuni elementi dello staff medico, sicuramente sarebbe voluto essere consultato prima di rivoluzionare lo staff tecnico. Pallotta e l’allenatore stanno spiattellado pubblicamente tutti gli errori della stagione e non so a cosa porterà questo atteggiamento; ho la sensazione che Pallotta stia facendo di tutto per far rassegnare le dimissioni a Garcia.”

 

GIOVANNI CERVONE (Radio Radio): “Nella Roma c’è tanta confusione come spesso è accaduto nella storia giallorossa. Per far bene l’anno prossimo servono tanti acquisti e bisogna mettere mano al portafogli. Secondo me in Società stanno facendo di tutto perché lui se ne vada”

 

MIMMO FERRETTI (Tele Radio Stereo): “Pallotta ha detto che Garcia sarà l’allenatore della Roma il prossimo anno. Nel caso in cui non sarà Garcia volete che non hanno in mano il nome del nuovo allenatore? La logica dice che alcuni allenatori nel mondo stanno aspettando e seguono con attenzione quello che succede nelle Roma ed hanno già dato la loro disponibilità. La rosa va profondamente rinnovata, certi giocatori non devono più giocare qua, con o senza Garcia. Di conseguenza la società deve intervenire sul mercato, basta parlare dell’ allenatore. Ora si deve parlare di più del mercato. Spero che l’elemento allenatore venga archiviato in fretta.”

 

MAURIZO CATALANI (Rete Sport): “Secondo voi Spalletti viene in questa Roma? Secondo me no. Io l’ho amato tanto, mi ha fatto vedere una bellissima Roma che è arrivata vicinissimo allo scudetto e che in Europa mi rendeva orgoglioso.  Dopo Garcia il prossimo rischia di fare una brutta figura. Io dico che l’unico scenario che vedo porta a Mazzarri”

 

LUCA VALDISERRI (Rete Sport): “Per me oggi non c’è nessuna possibilità che Garcia alleni la Roma l’anno prossimo perché è stato completamente depotenziato di fronte ai propri giocatori. I giocatori escono vincitori dall’intervista di Boldrini a Pallotta, perché il presidente li difende a spada tratta. Come mi aveva colpito negativamente il fatto che Garcia non fosse riuscito ad ammettere alcune responsabilità personali in conferenza stampa, cosa che avrebbe dato anche maggiore forza al suo discorso, allo stesso modo mi colpisce l’atteggiamento di Pallotta“.

 

UGO TRANI (Rete Sport): “Pallotta nell’intervista di oggi parla solo del preparatore atletico come grande novità. Non parla del centravanti. Ora si aspetta solo la mossa di Garcia, aspettano che l’allenatore si dimetta. La squadra per tutto l’anno ha fatto come ha voluto, e bisogna dirlo. E’ mancato il controllo dello spogliatoio…si sono allenati male anche perchè non erano controllabili. Dare a Garcia una buonuscita di un anno? Sarebbe una buona soluzione, ne uscirebbe bene anche Garcia. Secondo me la soluzione ideale sarebbe mandare via sia lui che Sabatini, e ripartire da zero”.

UBALDO RIGHETTI (Tele Radio Stereo): “Credo che Pallotta abbia messo Garcia al centro del campo. Vedendo che non è stato all’altezza della situazione hanno ridimensionato la sua posizione. Tuttavia, riconfermandolo hanno riconosciuto in lui dei valori importanti. Non credo che sia stato lasciato solo, visto che gli hanno messo a disposizione degli uomini importanti”. 

 

GABRIELE ZIANTONI (Tele Radio Stereo): “E’ come se la società avesse detto: tu sei indipendente per quanto riguarda l’aspetto tecnico ma qua comandiamo noi; il mercato è roba nostra, la preparazione atletica è roba nostra, lo staff medico è roba nostra. Tu alleni“.

 

DAVID ROSSI (Roma Radio): “L’incantesimo di Yanga-Mbiwa si è già esaurito. Il mister sabato aveva detto che avrebbe partecipato all’incontro con il presidente per discutere della programmazione del mercato, ma era una questione legata al fatto che si sarebbe già trovato non lontano da Londra. Non condivido la demonizzazione dell’assenza del mister; noi ce lo teniamo stretto. I dirigenti dirigono, i giocatori giocano, l’allenatore allena, i comunicatori comunicano: ognuno deve fare il proprio lavoro, credo sia una cosa normale e non vedo perché debba sminuire la figura di Rudi Garcia, allenatore che ha dimostrato di saper guidare una squadra di calcio e di farle ottenere dei risultati importanti“.

 

ROBERTO RENGA (Radio Radio): “In questo momento è prigioniero. Gli cambiano tutto: il preparatore, i medici… gli fanno cambiare anche parcheggio a Trigoria tra poco. Il problema in questo momento è se Garcia rimane contro voglia, perché poi se lo cacciano alla terza partita è peggio per tutti. Penso ci sia bisogno di una mediazione”.

 

STEFANO CARINA (Radio Radio): “Se non esce una squadra all’improvviso perché si mette in atto un valzer delle panchine penso che Garcia resterà con tutti i rischi del caso. Penso a Spalletti, a Ranieri, all’ultimo caso di Conte: ogni volta che si è verificato un caso simile a questo è finita male. Sta ai protagonisti trovare un’intesa che non sia una tregua, e sinceramente i primi passi che sono stati mossi non mi fanno ben sperare.

 

SANDRO SABATINI (Radio Radio): “Come Pallotta dice a Garcia che era meglio non dare in pasto all’opinione pubblica certe sensazioni, allo stesso tempo lui fa lo stesso errore. Perché adesso i tifosi andranno a vedere le partite della Roma pensando che magari i cambi non li decide Garcia ascolterà le conferenze stampa con il dubbio che il discorso glielo abbiano già scritto. La sua reazione sarà tutta da scoprire comunque; può anche darsi che decida di andarsene“.

 

GIANLUCA PIACENTINI (Tele Radio Stereo) : “Questa società, da quando è arrivata, ha sempre sofferto l’idea che la piazza si possa identificare con l’allenatore piuttosto che con la società stessa. Se il tecnico avesse avuto un’altra squadra dietro se ne sarebbe già andato”

 

ROBERTO PRUZZO (Radio Radio): “Se non è un invito ad andarsene poco ci manca. Vedremo la reazione. Quello che bisogna capire se questa squadra può essere rafforzata, perché bisogna trovare un avversario per la Juventus l’anno prossimo e io ora non lo vedo. É una situazione in divenire quella della Roma. Non so se Garcia abbia anche una pista di atterraggio già pronta: lo scopriremo nei prossimi giorni”.

 

NANDO ORSI (Radio Radio): “Pallotta ha voluto comunicare a Garcia: te fai l’allenatore, io il presidente e i conti li faccio io. È una presa di distanza tra le due autorità. Non so come Garcia possa reagire ma è comunque un ridimensionamento”.

 

PAOLO FRANCI (Rete Sport) : “Credo che gli americani abbiano preso le parole di Garcia come un’umiliazione per il club, per questo Pallotta ha deciso di mettere in ridicolo l’allenatore creando una situazione come quella che stiamo vivendo oggi.”

 

ALESSANDRO ANGELONI (Rete Sport) : “Non capisco perchè Klopp, che ha rischiato di retrocedere con il Borussia, viene considerato un grande allenatore mentre Garcia, che ha steccato la stagione ma è arrivato secondo, viene considerato come il più grande problema della Roma.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy