‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Florenzi lo vedo esterno alto, da terzino è un giocatore normale”

‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Florenzi lo vedo esterno alto, da terzino è un giocatore normale”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Stefano Carina (Radio Radio Mattino – 104,5): “Ci sono già indicazioni verso Napoli. Perotti e Pastore non ce la faranno a recuperare e si andrà incontro a turn over limitano. Di Francesco ci ha abituato a ruotare molto, ma almeno per l’attacco non cambierà molto ad oggi. L’unica variante può essere Florenzi esterno alto con Santon terzino destro”.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Che la Roma abbia speso male i soldi nella campagna acquisti è sotto gli occhi di tutti. Per i giallorossi un acquisto da 30 milioni come Cristante deve essere poi centrale. Non può permettersi di sbagliare certi colpi. Non è come la Juventus che può rischiare anche di sbagliare un investimento. Inizio ad avere dubbi sulle capacità di Monchi sul prendere giocatori fatti e inserirli nel contesto giusto. Lui ha fatto bene a Siviglia prendendo degli sconosciuti per fare poi delle plusvalenze”.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Ci sono calciatori, vedi Olsen, che stanno rendendo di più adesso. Gli acquisti di Monchi non sono stati tutti sbagliati. Anche Under lo scorso anno e ora Lorenzo Pellegrini stanno crescendo molto. Quello che però trovo allucinante è come la Roma non sia al vertice della classifica per combattere per lo Scudetto dopo esser stata la seconda squadra ad aver guadagnato di più dalla passata Champions League”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5) : “Florenzi dà molto di più da esterno alto, da terzino mi sembra un giocatore normale. Contro il Napoli riproporrei la formula del derby con Santon basso a destra. Di Francesco dovrà essere bravo a mantenere l’equilibrio giusto contro il Napoli pur giocandosi la partita”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo 92.7): “La Roma in questo momento è più debole del Napoli: non come qualità dei singoli giocatori. Non sarei sorpreso se la squadra giallorossa riuscisse a battere gli azzurri, ma è davvero dura. Il Napoli forse un po’ può pagare qualcosina per la partita giocata ieri contro il Psg, la Roma invece ha avuto almeno un giorno in più per prepararsi. Ma che gli ha fatto Pastore ai tifosi? Ha fatto due gol di tacco, pensate quanto è forte!”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Prestazione stupenda del Napoli, allenamento invece per la Roma contro i boy-scout del Cska. La squadra giallorossa è imprevedibile: secondo me può fare meglio contro le grandi squadre, perché non obbligata alla vittoria. Secondo me la Roma farà una buona prestazione a Napoli. Buone notizie per Di Francesco che ha recuperato i senatori come De Rossi e Kolarov”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma non ha bisogno di buone prestazioni, ma di vincere o non perdere contro il Napoli. È molto difficile che la squadra di Ancelotti vista ieri sera non vinca al San Paolo domenica sera”. 

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Non conta quello che la Roma ha fatto l’anno scorso al San Paolo, c’erano altri giocatori. Ieri abbiamo visto il Napoli vincere sul piano del gioco contro una squadra candidata alla vittoria della Champions: non è un segnale incoraggiante per la Roma”. 

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Rinnovare il contratto a Pellegrini? Me ne guarderei bene, non sono rimasto sconvolto in positivo: ha giocato bene una partita. Ci andrei piano con i rinnovi. Adesso la Roma deve concentrarsi sul Napoli, spero che la Roma possa invertire la rotta e fare una buona prestazione al San Paolo”.

Fernando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma deve crescere nei suoi giocatori più giovani. Pellegrini è un Nainggolan meno fisico ma più tecnico. Di Francesco deve trovare una squadra base e ogni tanto fare un innesto giovane. La nuova guardia ha un po’ deluso fino a ora”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy