‘RADIO PENSIERI’, TRANI: “Per completare la squadra mancano i terzini”, VALDISERRI: “Ora bisogna sfoltire l’attacco”

Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali

di Redazione, @forzaroma

Quello delle Radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Sì, anche le altre città hanno degli spazi dedicati allo sport, e magari anche la loro stazione dedicata alla squadra del luogo. Non si troverà mai, tuttavia, una voce altisonante e popolare come quella proveniente dagli apparecchi della Capitale; una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma,una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo, e una folla di appassionati pronti a sintonizzarsi all’ora concertata. Ogni protagonista va a comporre un grande collage che riempie di spunti, approfondimenti e contraddizioni la settimana del tifoso. Un ciclo continuo, che si rinnova sulle frequenze FM locali ogni giorno, di partita in partita, stagione dopo stagione.

MAURIZIO CATALANI (Retesport): “Leverkusen squadra ostica per la Lazio. Dovessero uscire i biancocelesti noi avremmo più soldi insieme alla Juventus.
Iturbe? Sembra un uccellino spaesato mentre i cacciatori sparano. Soffre molto per la stagione no dello scorso anno, non ha un carattere forte e questo è un suo limite. Ha enormi potenzialità, deve tirarle fuori però.
Peres e Digne servono tanto alla Roma. Per il primo però Cairo sta chiedendo troppo. Con 15 milioni tra un po’ ci compri Kurzawa, il Torino deve abbassare le pretese”.

ADRIANO SERAFINI (Teleradiostereo): “Gerson è un grandissimo giocatore, non riesco però a capire – cosi come la società giallorossa – se il profilo Twitter del brasiliano sia un fake o meno.
Per quanto riguarda discorso cessioni non penso che Garcia voglia cedere Yanga-Mbiwa al Lione, dato che molto probabilmente andrà via Romagnoli. Ci sarebbe un enorme buco in difesa e saremmo contati. Poi certo, se arriva l’offertona…
Doumbia? Sabatini non lo vuole dare in prestito secco al CSKA, le società stanno trovando una soluzione per assicurare l’intero cartellino dell’ivoriano al team russo”.

LUCA VALDISERRI (Retesport): “Questione contratto Salah non l’ho ancora capita del tutto. Iturbe, Ljajic, Iago Falque che spazio avranno con l’egiziano? È un attacco sicuramente da sfoltire, troppi giocatori per tre posti da titolare. Mancano i terzini e potrà rivelarsi un buonissimo calciomercato”

 

UGO TRANI (Retesport): “Manca un terzino sinistro e uno destro per completare la rosa, questo è sotto gli occhi di tutti. Torosidis può essere il ‘jolly’ – dato che può giocare in difesa su entrambe le fasce – ma non da molte garanzie.
In uscita ci sono Sanabria, Destro e Doumbia. Probabilmente andrà via anche un altro esterno, ma questo probabilmente dipenderà dalla cessione di Doumbia. Potrebbe servire anche, se ci fossero almeno quattro cessioni in attacco, un altro attaccante che possa sostituirsi con Dzeko”

 

ALESSANDRO PAGLIA (Roma Radio): “L’acquisto di Dzeko è sensazionale. Un colpo di mercato su cui la Roma stava lavorando da giugno, un procedimento studiato e poi portato a termine con attenzione. La Roma prenderà/ha preso il bosniaco a una cifra inferiore alla valutazione di Maksimovic. L’acquisto di Dzeko sarà insieme a quello di Batistuta il grande colpo dell’ultimo quarto di secondo della Roma”.

 

RICCARDO ‘GALOPEIRA’ ANGELINI (Teleradiostereo): “La Roma ha già trattato con club importanti in questo mercato (Arsenal, Chelsea, Manchester City…), perché allora non trattare con il PSG? Mancano solo loro, cerchiamo di prendere Digne perché è un ottimo terzino. Ieri ero a Fiumicino, che emozione incontrarsi di nuovo con i tifosi giallorossi”

 

ROBERTO RENGA (Radio Radio): “Salah e Dzeko sono due grandi arrivi. L’egiziano è un anarchico come piace a Garcia, in stile Gervinho. L’importante è che riesca a giocare di squadra. La Roma cambierà il modo di giocare, adotterà uno stile più offensivo. Szczesny è sembrato davvero un buon portiere. I problemi possono essere sugli esterni bassi e lì la società dovrà lavorare ancora, oltre che sul gioco. I giocatori dovranno essere più propositivi, favorendo un gioco adatto alle caratteristiche di Dzeko”.

ROBERTO PRUZZO (Radio Radio): “Vedendo la partita con il Barcellona ti preoccupi molto. La squadra è troppo bassa e non si è un atteggiamento offensivo. Vedo una squadra spezzata in due: difesa e centrocampo insieme e un attacco che si gestisce avanti da solo. La campagna acquisti è buona, quindici giorni fa non avevo messo i giallorossi tra le prime tre squadre del campionato, ora invece ne ha pieno diritto”. 

 

FURIO FOCOLARI (Radio Radio): “Garcia non credo giocherà mai con Gervinho e Salah insieme, sarebbe un attacco troppo anarchico. Non rientrerebbero mai negli schemi, sarebbe un suicidio. Lì davanti ci starebbe molto bene Florenzi.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy