‘RADIO PENSIERI’, SCONCERTI: “Non credo che Fonseca cambierà modulo”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Mario Sconcerti (Teleradiostereo – 92,7): “Fonseca è più bravo di Gattuso, ha avuto esperienze molto più profonde. Cambiare modulo vuol dire cambiare dieci ruoli, cambiare giocatori vuol dire sostituirne solo un paio. La grande fortuna dello schieramento attuale della Roma è che ognuno ha il proprio compito, non penso che Fonseca cambierà modulo“.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Fonseca avrebbe potuto fare certamente più turnover, ma probabilmente si sarebbe esposto al rischio di una sconfitta. E perdere in questo momento della stagione non fa mai bene. Per il futuro la società dovrebbe tornare soprattutto a fare scelte adeguate in sede di campagna acquisti, pensiamo a quanto è costato in tutti i sensi un giocatore come Pastore. E’ fondamentale che chi deve prendere decisioni faccia scelte sensate“.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Invece di adattare i giocatori sarebbe meglio che Fonseca cambiasse modulo e che utilizzasse la difesa a quattro“.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Contro il Benevento farei giocare Fazio e proverei a recuperarlo, mentre ci andrei molto più cauto su Juan Jesus. L’unica cosa che preserverei è il ruolo di esterno sinistro a tutta fascia di Spinazzola, perché è uno sfondamento che la Roma sa usare molto bene“.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma ha rischiato molto facendo giocare così tanti titolari nella gara di ieri e infatti pagherà il conto con gli infortuni di Cristante e Ibanez. Juan Jesus e Fazio sono giocatori solo quando non giocano, perché quando entrano in campo tutti si mettono le mani nei capelli. Poteva arrangiarsi e giocare in un altro modo per tutelare i giocatori“.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – 101,5): “La Roma continua a dimostrare di non steccare le partite con gli avversari inferiori. Ieri hanno segnato sia Dzeko sia Mayoral, con Fonseca che ne esce rafforzato dopo la partita di ieri. Mancini in questi mesi ha scalato posizioni, soprattutto a livello di leadership, forse ha qualcosa in più addirittura di Cristante e Pellegrini a livello di personalità. Mi ricorda il primo Bonucci, ma dovrà migliorare in fase di impostazione. Kumbulla e Ibanez sono giovani e devono ancora migliorare molto“.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “La Roma ieri ha giocato con un solo difensore di ruolo, eppure non ce ne siamo accorti. Fonseca ha reso la Roma squadra, spero che questo progetto tecnico possa continuare. Il percorso in Europa League è quasi perfetto”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Fonseca è un personaggio particolare. A volte quando si gestisce un gruppo si deve andare oltre le proprie convinzioni. Fazio e Jesus vanno recuperati in vista di domenica. Sulla questione stadio verranno fuori novità importanti”.

Xavier Jacobelli (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma ieri ha dimostrato che può andare lontano in Europa League. Il ritorno al gol di Dzeko è la nota più positiva”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il Braga è una buona squadra, in Portogallo è a un punto dal Porto. La Roma ci crede all’Europa League, ha giocato con una formazione quasi titolare ieri”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Una buona Roma che ha segnato subito e poi ha gestito bene la gara per poi aumentare le possibilità di qualificazione. Il Braga è una squadra modesta. Il problema è non aver gestito bene i difensori, perché oggi Jesus e Fazio sarebbero stati utili. Tagliarli così è un rischio troppo grosso”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Gli infortuni della Roma? Questo è un periodo nel quale un po’ tutti si fanno male, guarda il Napoli. Prima di pensare al Milan è meglio concentrarsi sul Benevento, squadra non facile da battere anche se il mio pronostico per domenica è 2”.

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma ha deciso la partita dopo cinque minuti con il gol di Dzeko, poi non c’è stata storia. Troppa differenza tecnica tra le due squadre. Il mio pronostico per Benevento-Roma è X”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy