‘RADIO PENSIERI’, DAMASCELLI: “Se la Roma perde domani sono guai per Fonseca”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Ci vuole chiarezza e coerenza su Dzeko anche per il bene della squadra. Altrimenti rischi più di quello che dovresti rischiare per motivi tecnici. La Roma deve vincere sì, ma bisogna capire con chi vince. Se lo fa con Mayoral è un casino, si prospetta un periodo infernale perché Fonseca insisterà su di lui. Ma se gioca Dzeko e la Roma non vince ‘apriti cielo’. L’Udinese è una squadra imprevedibile, non facile, ha recuperato giocatori e può farti brutte sorprese. Chiaro che la Roma è favorita, e una Roma appena normale dovrebbe vincere con due gol di scarto”.

Tony Damascelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Fonseca svicola, scivola via, non risponde a se stesso. Sa benissimo che è un problema, dovrebbe togliere Mayoral e metterlo in panchina nell’attesa che arrivi El Shaarawy. E anche lì si porrà il dubbio. Il ruolo di Pinto è abbastanza marginale in questa vicenda, non è abituato a fare questo tipo di lavoro e prendere in mano la situazione. Dzeko è un patrimonio del club e non di Fonseca, e la Roma è iscritta al campionato per vincere le partite. Dzeko si è vestito da martire, ma ora la questione la devono risolvere Fonseca e Pinto, altrimenti cosa è venuto a fare dal Portogallo? Le conferenze stampa, senza contraddittorio soprattutto, sono tutte banalità. Il fattore campo non conta, ma ho visto giocare meglio l’Udinese più in trasferta. Quindi attenzione, con Dzeko o Borja Mayoral. Serve una Roma convincente, non quella della Juve, inutile fare propaganda su quella partita. Se la Roma perde sono guai per Fonseca”.

Augusto Ciardi (Teleradiostereo – 92,7): “A Roma c’è provincialismo e questo è un problema. Continuare a parlare ancora di Dzeko, dopo due settimane, quando si sapeva cosa sarebbe successo nel caso in cui il bosniaco non fosse stato venduto, significa rintuzzare su argomenti ormai superati“.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Non c’erano più le condizioni per proseguire con Petrachi: sarebbe finita allo stesso modo con l’arrivo di Tiago Pinto, perché il contratto dell’ex ds doveva comunque essere pagato. E’ incredibile come da Capello in poi questa società non riesca a far consumare degli addii normali: è qualcosa che meriterebbe un libro. Non vedo un giocatore della Roma protestare con l’arbitro: ogni tanto Cristante, qualche volta anche Dzeko“.

Gianluca Lengua (Radio Radio Mattino – 104,5): “Non credo che il problema con Petrachi fosse legato solo a Pallotta. La proprietà sarebbe cambiata a breve, non conveniva licenziarlo. Lui nei mesi precedenti si era scontrato con Fonseca, con i dirigenti e con qualcuno della squadra. Il litigio con Pallotta è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Se Fonseca fa giocare Dzeko col Braga e Mayoral con l’Udinese, vuol dire che punta più all’Europa League. Mayoral per me ha il 60% di possibilità di partire titolare domani. Una risposta che non mi è piaciuta è quella sulla fascia di capitano. La brutta figura la fa chi non risponde, non chi chiede. Fonseca è risultato felice della prestazione contro la Juve nonostante la Roma abbia perso 2-0. Evidentemente qualcosa non l’ha capita di questo ambiente. Per me domani giocherà Mayoral, ma come minimo Dzeko giocherà in Europa league. Villar ha scalato le gerarchie, ma quando giochi con squadre più importanti scompare. Fa cose magari interessanti, ma manca la sostanza. Quando c’è da fare cose concrete scompare. La strategia è far ritrovare fiducia a Pau Lopez e venderlo in estate, la Roma ha bisogno di più certezze in porta”.

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Petrachi non poteva più rimanere alla Roma. Quella con il ds è una pendenza pesante e non credo che la sentenza possa essere sovvertita in fase di appello. Dzeko in questi giorni si è allenato con grande motivazione e le sue quotazioni sono in rialzo, ma Fonseca deve tenere conto della gestione del gruppo: mettere fuori Mayoral sarebbe una bocciatura dopo la brutta prestazione con la Juventus. Personalmente con l’Udinese vedo Dzeko titolare al 51%. Riguardo al rinnovo di Mkhitaryan, credo sia una questione di tempo: c’è la volontà comune di arrivare a un accordo“.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Per me contro l’Udinese giocherà Borja Mayoral. Se non fosse successo nulla tra Dzeko e Fonseca, oggi nessuno avrebbe parlato di staffetta tra i due attaccanti. Non ci si deve prendere in giro: se c’è ancora il dubbio tra Dzeko e Mayoral è perché i problemi col bosniaco non sono ancora stati tutti risolti. Domani la Roma è favorita ma potrebbe anche uscire un pareggio: l’Udinese ha fatto otto punti nelle ultime quattro partite, nelle quali ha fermato Inter e Atalanta“.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Domani se Dzeko sta bene, io lo farei partire da titolare. Altrimenti per Mayoral sarebbe una responsabilità forse troppo grande. Mkhitaryan una delle migliori operazioni di mercato degli ultimi tempi. Sta facendo bene, è forte, e credo che ci sia la voglia da entrambe le parti di prolungare. La Roma deve cominciare a tenere i buoni e aggiungere qualcosa ogni anno, altrimenti non ridurrà mail il gap con le prime della serie”.

Nando Orsi
(Radio Radio Mattino – 104,5): “Dzeko e Mayoral faranno una partita per uno tra oggi e giovedì. Bisogna vedere Fonseca quale reputa più importante. Certo, Dzeko non è che merita di tornare subito titolare. Fonseca farà una scelta per il bene della Roma. Se domani i giallorossi vincono vanno a 43 punti, che sono tanti e sono in linea con l’obiettivo quarto posto. E quindi va bene, anche se non batti le big. Contro l’Udinese non è facile, perché è una squadra difficile da affrontare”.

Sandro Sabatini
(Radio Radio Mattino – 104,5): “Dzeko e Mayoral io li vorrei vedere per una volta insieme dall’inizio. Secondo me non sono incompatibili. Fonseca potrebbe provarci, senza pregiudizi, una prova che anche i giocatori valuterebbero con curiosità. Prima o poi Dzeko va rimesso titolare: i problemi se si rinviano sempre prima o poi tornano. Domani la Roma batte l’Udinese”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy