‘RADIO PENSIERI’, SCONCERTI: “Ci sta che Zaniolo giochi dal primo contro il Verona”

‘RADIO PENSIERI’, SCONCERTI: “Ci sta che Zaniolo giochi dal primo contro il Verona”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Mario Sconcerti (Teleradiostereo – 92,7): “Contro il Verona mi aspetto Zaniolo dentro al secondo tempo. Rischierebbe di correre al vuoto durante il primo. Deve fare quello che serve a lui, evitando di dare prove inutili di integrità. Ci sta anche che giochi da subito. Se la Roma arrivasse settima significherebbe campionato sbagliato e non se lo merita. Da qui al 6 agosto i giocatori devono crescere insieme per l’impegno contro il Siviglia. Spero onestamente che De Rossi non vada alla Fiorentina ad allenare”.

Stefano Carina (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Fonseca non è l’ultimo dei problemi, ma è vero che ce ne sono altri anche. Il punto è: chi farà le valutazioni a fine stagione. Pallotta o una società nuova? Nei prossimi mesi qualcosa accadrà perché ci sono delle scadenze. Detto ciò, aspetterei a parlare di una squadra in ripresa. Oggi può essere un test vero con il Verona di Juric”

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Penso che un club come la Roma dovrebbe fare una valutazione sull’allenatore indipendentemente dalle ultime 5 giornate o dal risultato che raggiungerà. Credo che Fonseca sia l’ultimo dei problemi della Roma. Prima c’è da mettere in discussione la società e i giocatori”.

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Fonseca ha vissuto un momento delicato dopo le tre sconfitte consecutive, poi c’è stata una reazione anche dovuta al cambio di modulo che ha premiato il tecnico. Per me con il quinto posto in campionato, l’allenatore verrà confermato”

Antonio Felici (Centro Suono Sport – Te La Do Io Tokyo – 101,5): “Zaniolo? Di Totti non ce ne saranno altri. E’ unico nel suo genere. Tornando a Nicolò, se resta contornato da dieci sagome anche lui non può fare molto. Roma-Verona? L’unico motivo d’interesse della partita è capire come la Roma si preparerà in vista dell’Europa League. La squadra di Juric non ha obiettivi, ma gioca molto bene a calcio. Se non stai sul pezzo ti mette in difficoltà”.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – Te La Do Io Tokyo – 101,5): “Noi parliamo di Zaniolo e di trattanerlo, ma va costruita una squadra importante intorno a lui. Lo merita Nicolò e lo merita la Roma. Dzeko? L’Inter lo vuole e la Roma ha chiesto 15 milioni. I nerazzurri non vogliono spendere quella cifra e stanno provando a inserire delle contropartite come Godin e Vecino”

Stefano Petrucci (Teleradiostereo – 92,7): “Il Verona è una squadra strana, molto fisica, simile all’Atalanta. A livello individuale c’è poco, tuttavia hanno fatto una stagione molto positiva. Pensando all’Inter non sono sicuro che giocherà Dzeko dall’inizio. La Roma rischia di non iscriversi al campionato senza cessioni? Si tratta di un danno d’immagine importante”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “La Roma in vendita attrae. Ho la certezza che stia per succedere qualcosa, ci sono diversi interessi. Lo scenario migliore per la Roma è la cessione, da osservatore dico che l’offerta del gruppo sudamericano mi fa insospettire perché sarebbe quella di gran lunga più alta. Parlano già di un’offerta a Cavani, ma non mi sembra serio mettersi in mostra in questo modo”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): La Roma è favorita, ma con la difesa a tre può avere difficoltà contro un Verona che presenta un attaccante e due trequartisti. Attenzione anche a Zappacosta e Spinazzola contro Faraoni e Lazovic”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): Il Verona gioca bene, l’ha fatto vedere pure contro la Lazio. È una bella squadra e la Roma dovrà fare una grande partita”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): Credo che per la Roma sia una partita più complicata di quello che si possa immaginare. I giallorossi devono continuare a vincere ma il Verona gioca bene”.

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): Il Verona c’è con il fisico e con la testa, non credo ce la faccia ma vuole andare in Europa”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Pallotta è schifato dalla situazione stadio. Il fatto di non aver ancora messo un mattone lo ha totalmente demoralizzato”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Difficile vendere Pau Lopez che è costato 30 milioni. Non ce li fai più quei soldi lì. Ho visto la Roma abbastanza bene nelle ultime due partite, il Verona mi sembra stanco. I giallorossi dovranno stare attenti soprattutto nel primo tempo. Con tutte le ali in panchina bisogna trovare un partner per Dzeko, Perez non mi sembra un fenomeno.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Se la Roma ha messo in vendita Pau Lopez vuol dire che non è piaciuto. Coi portieri la Roma non ci azzecca, dovrebbe fare uno scouting in quel ruolo. Quest’anno Fonseca ha iniziato in un modo e sta finendo in un altro, mi deve ancora convincere”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. noel - 3 mesi fa

    …… e perche la Roma deve privarsi pure di Pau Lopez? Questa e` una decisione di Fonseca, che oggi e` qui e domani non si sa mai?

    Abbiamo gia scartato Ale Florenzi… questa societa`sta diventando sempre piu strana e illogica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy