‘RADIO PENSIERI’, LENGUA: “Stasera Roma tutta sulle spalle di Dzeko”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Al momento non ci sono cambiamenti nella formazione e neanche novità. Di Francesco giocherà col 4-3-3 con De Rossi in mediana e Zaniolo alto a destra. Trigoria è serrata, doveva esserci un provino per Manolas questa mattina, ma alla fine sembra non sia stato fatto. Roma favorita? I giallorossi hanno perso con squadre meno forti della Lazio, e poi resta comunque un derby. Considerando anche che Manolas e De Rossi non sono al meglio, la Roma è tutta sulle spalle di Dzeko”.

Gianluca Piacentini (TeleRadioStereo 92.7): “Che cosa mi preoccupa della Lazio? Milinkovic non segna da un po’, è bravo e lo temo. Immobile lo stesso. Anche contro le statistiche poi il derby è sempre derby. Credo che la Roma sia favorita. I giallorossi hanno i calciatori per fare qualsiasi modulo, dal 4-3-3 al 4-2-3-1, o un 4-4-2 a rombo”.

Andrea Pugliese (TeleRadioStereo 92.7) : “La Lazio avrebbe fatto bene a dar via Milinkovic, per svariati punti di vista, non solo economico. Secondo me si gioca 4-3-3 anche perché la Lazio fa grande densità nel campo con il 3-5-2, anche se in corso poi si può cambiare. I ruoli sono dinamici, non statici. Allo stato attuale i soli 3 punti di distacco che separano la Roma dai biancoazzurri sono pochi. È un applauso alla Lazio e un demerito alla Roma, visti i singoli e le aspettative”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo 92,7): “Mi chiedo se è Totti che non ha voglia di fare di più o è la Roma che non lo coinvolge? Pallotta è stato molto sincero ed onesto nel riconoscere degli errori. Nzonzi me lo tengo, ma se rifletto sui costi mi vengono i classici dubbi del dopo. Ma è la classica dimostrazione che si deve discutere su come si spendono i soldi, non se si spendono o no. Tanto che il bilancio sarà in perdita anche a giugno”.

Gianluca Lengua (Radio Radio Mattino 104.5): “Dzeko con Manolas e De Rossi è la spina dorsale della Roma: il bosniaco è un trascinatore, abbiamo visto a Frosinone… Ora è tornato a grandissimi livelli, è un vero e proprio leader, quello che doveva diventare Schick visti i 40 milioni spesi. Ora la domanda è sul contratto: rinnovare un ultra trent’enne o cercare un nuovo leader in attacco? Il ruolo di Pastore nel 4-3-3 non l’ho ancora capito, e in estate De Rossi si era anche arrabbiato con i giornalisti su questo tema”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino 104,5): “Nel derby di oggi chi perde è fuori dalla corsa Champions. E’ un derby crudele. La Lazio la vedo in difficoltà, la Roma la vedo favorita”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino 104,5): “La sconfitta dell’Inter a cambiato le carte in tavola. Se la Lazio perde oggi è fuori dai giochi, la Roma no. Immobile sta in una condizione fisica pietosa, gioca o no è lo stesso. La partita la farà più la Lazio, ma credo che vincerà la Roma”. 

Tony Damascelli  (Radio Radio Mattino 104,5): “Vorrei che Lazio-Roma fosse una partita giocata, come Fiorentina-Atalanta. Voglio vedere i fatti, basta con la propaganda della parole. La Lazio ci arriva meglio per come l’abbiamo vista contro il Milan, la Roma meno perché a Frosinone ha sofferto. I giallorossi, però, in questo tipo di partite trova nuove motivazioni. Il mio pronostico? Finisce pari”

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino 104,5): “Questo derby conta molto sia per la Lazio che per la Roma. La sconfitta dell’Inter mette dentro anche la Lazio. Se perdi il derby diventa un casino, se lo vinci vai in paradiso. Tutte e due hanno da rimetterci qualcosa. Dopo al partita con il Milan la Lazio ha più sicurezza, mentre la Roma dovrà sfruttare le sue caratteristiche migliori. Serve una partita giocata come il primo tempo di Bergamo. Secondo me giocheranno sia Immobile che De Rossi. Per la Roma va bene anche il pareggio, guadagna un punto sull’Inter”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino 104,5): “La sconfitta dell’Inter ha riaperto un mondo anche per la Lazio: se fa sei punti tra Udinese e Lazio si rimette nel mischione. Chi ci rimette di più? La Lazio. La Roma se perde rimane l’ a tre unti dall’Inter. La Lazio è obbligata a vincere. Non sarà importante il modulo di gioco, ma la grinta e la testa. Il derby ti da delle motivazioni che altre partite non ti danno. E’ una partita troppo importante per pensare alla tattica. C’è bisogno di molta voglia di vincere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy