‘RADIO PENSIERI’, SCONCERTI: “Zaniolo giocatore da 100 milioni”

‘RADIO PENSIERI’, SCONCERTI: “Zaniolo giocatore da 100 milioni”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Mario Sconcerti (Teleradiostereo – 92,7): “I ritmi ieri hanno un po’ aiutato la Roma., che è quasi imbattibile con quei ritmi. Però vengono fuori organizzazione e qualità tecnica, che è oltre il quinto posto. Zaniolo è un giocatore da 100 milioni, il problema è vedere se c’è qualcuno che te li dà. Mi dicono che il giocatore della Roma più richiesto però è Calafiori, che sta facendo il suo primo contratto da professionista”.

Max Leggeri (Centro Suono Sport – 101,5): “Ieri la Roma ha chiuso il capitolo campionato, con un piazzamento decisamente poco esaltante, per usare un eufemismo, grazie ad un super Edin Dzeko che ha sfoderato una prestazione scintillante, zittendo nuovamente i suoi più aspri detrattori. Ora testa, cuore e gambe alla campagna europea, con l’obiettivo di raggiungere la finale di Colonia. Smalling? Sarebbe delittuoso non riscattarlo e non averlo a disposizione per l’Europa League, qualcuno all’Eur, a Londra o Boston si mette una mano sulla coscienza: il britannico è un elemento fondamentale per la Roma di Fonseca”.

Checco Oddo Casano (Centro Suono Sport – 101,5): “Il campionato della Roma è stato compromesso dalle prime 8-9 partite del girone di ritorno: un improvviso e ingiustificabile cortocircuito, che ha condizionato il rendimento di una squadra che ha avuto in questo finale di stagione e nella prima parte un rendimento da quasi 80 punti di media. E’ un peccato, perchè paradossalmente la Roma ha avuto le maggiori difficoltà quando Fonseca ha potuto allenare una rosa quasi completa. Straordinaria prestazione di Dzeko ieri che probabilmente sente l’odore del ‘sangue europeo’ e della competizione che sta per arrivare. Non riscattare Smalling sarebbe uno degli errori più gravi degli ultimi 5-6 anni”.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Con la Juventus ci saranno le seconde linee. Non ci sarà Pau Lopez nonostante i disastri fatti ultimamente. Rivedremo giocatori come Cetin, Santon, Fazio e Kalinic. Magari Zaniolo partirà dall’inizio, ma non mi aspetto i titolari perché queste partite ravvicinate hanno stancato molto la squadra che ha conquistato il quinto posto con una giornata di anticipo. Pallotta si è complimentato, ma l’obiettivo era la Champions League. Credo che sarebbe stato più facile entrarci vincendo qualche partita in più in campionato piuttosto che adesso attraverso l’Europa League. Zaniolo? Con il Siviglia lo immagino in campo dal primo minuto, anche se me lo aspettavo titolare già ieri, mi sembrano pochi i minuti disputati fin qui”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “A oggi il bilancio della Roma è negativo. Oltre a non essere andata in Champions League, non è mai stata realmente competitiva. Bisogna sempre valutare come arriva un determinato risultato. Mi auguro che l’Europa League possa ribaltare questo giudizio e immagino ci siano più chance di quelle che vediamo oggi. La Roma resta una squadra strutturata. Non è la più forte, ma in quattro partite può succedere di tutto”. 

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma ha avuto tanti problemi prima del lockdown con i tanti infortuni, mentre ora si ritrova a dover fare un bilancio finale con un quinto posto che è un piazzamento migliore rispetto a quello dello scorso anno. Tutto sommato credo che il lavoro di Fonseca possa essere giudicato positivamente. Se all’allenatore sarà data la possibilità di rinforzare la squadra come lui vorrebbe credo che il prossimo anno si potrà pensare in grande”.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma sembra in salute e in questa fase finale del campionato ha trovato finalmente un suo assetto. Ci sono le premesse per far bene in Europa a patto che il portiere non faccia le papere che stiamo vedendo ora”. 

Antonio Felici (Centro Suono Sport – Te La Do Io Tokyo – 101,5): “Ho avuto impressioni positive sulla Roma vista ieri. Ritengo che Fonseca abbia sfruttato adeguatamente queste ultime partite in vista della sfida con il Siviglia. Comincio a vedere anche alcuni singoli che iniziano a sentire il profumo d’Europa, tra questi c’è un grande Dzeko e la Roma ha bisogno di lui per arrivare in fondo”

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – Te La Do Io Tokyo – 101,5): “La Roma di ieri mi ha convinto un po’ di più. La squadra vista si avvicina al livello che serve per battere il Siviglia. Ora spero che quasi tutti si riposino con la Juve, l’unico obiettivo è arrivare fino alla fine in Europa League. Un percorso del genere riaprirebbe tutti i discorsi sulla stagione e sul giudizio del tecnico. Pau Lopez? Inviterei Fonseca a riflettere bene in vista del Siviglia”

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Sono tornate possibilità concrete che la Roma passi a Friedkin, Pallotta vuole individuare il compratore entro agosto. Vedremo se dal Kuwait o dal Sudamerica faranno un’offerta importante, che è ciò che il presidente sta aspettando. Pau Lopez secondo me non è lo stesso dal derby. Per me non è scarso, ma sta sbagliando delle cose in maniera preoccupante. Fino alla partita con la Lazio il suo era un rendimento buono, poi fa quell’errore inaccettabile e ha perso sicurezze. Ha avuto anche un infortunio che lo ha condizionato e sta continuando a farlo. Il gol che prende ieri non si deve prendere, lo vedo incerto nelle uscite, lo è stato anche a Ferrara con la Spal…”.

Stefano Petrucci (Teleradiostereo – 92,7): “Mi piace l’atteggiamento delle ultime partite della Roma, mi dispiace che non l’abbia trovato prima”

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma si è ripresa, sta giocando bene. Dzeko l’abbiamo sempre esaltato, qualcuno l’ha messo in dubbio. È un fuoriclasse, te lo devi tenere stretto. Il prossimo anno ci devi fare affidamento assolutamente”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Dzeko ha fatto una partita splendida, ma la Roma riuscirà a mantenere questa condizione? Io penso di sì. Rispetto alla Juve ha anche più ricambi. Se vendi Dzeko, poi chi prendi? Risparmierai anche il suo ingaggio, ma poi devi spendere per prendere il sostituto”.  

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): “Dzeko è un grandissimo giocatore perché al di là dei gol è uno che ha capacità di far giocare la squadra, potrebbe fare quasi la mezzala per le qualità tecniche che ha. Guadagna però una cifra mostruosa per una società che deve abbassare il monte ingaggi: se mi dicessero tra un mese che Dzeko è ceduto, non mi stupirei. Questa possibilità esiste”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Pau Lopez è scarso e ieri c’è stata l’ennesima conferma. Dzeko benissimo, ma oggi è facile segnare, non ti marca nessuno”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Pau Lopez? Non è scarso, ma oggi io prenderei sempre un portiere italiano perché sono più bravi di quelli stranieri. Se la Roma riesce a vendere Under a 30 milioni è un grande colpo”.  

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “Pau Lopez? E’ tutta colpa del fatto che oggi quando si acquista un portiere si guarda prima se sa giocare bene con i piedi. Dzeko ieri ha fatto una grande partita, ma sul gol i difensori del Torino hanno dormito. Sulla difesa a tre o quattro dico che più cose sa fare un allenatore, e la squadra risponde bene, più va elogiato”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy