‘RADIO PENSIERI’, LEGGERI: “Mi auguro che Pellegrini e Diawara recuperino per le sfide europee”

‘RADIO PENSIERI’, LEGGERI: “Mi auguro che Pellegrini e Diawara recuperino per le sfide europee”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Mario Sconcerti (Teleradiostereo 92,7): “La Roma ha trovato la condizione di giocatori importanti, è in un buon momento e ora ci sarà anche il rientro di Lorenzo Pellegrini. Il Siviglia è una squadra ostica ma contro cui i giallorossi possono giocarsela alla grande”.

Michele Gioia (Centro Suono Sport – 101,5): “Lo slittamento del calendario di Serie A garantirebbe alla Roma dieci giorni complessivi di riposo per preparare la sfida fondamentale contro il Siviglia e tentare di recuperare qualche calciatore importante come Diawara e Pellegrini. Nel caso in cui la Roma dovesse passare il turno lo avrebbe fatto eliminando una delle potenziali candidate alla vittoria finale“.

Giuseppe Giannini (Centro Suono Sport – 101,5): “Se la Roma dovesse giocare a Siviglia in uno stadio pieno vorrei vederlo anche al ritorno all’Olimpico altrimenti ci sarebbe uno squilibrio evidente. Dieci giorni di pausa potrebbero essere positivi per preparare la trasferta europea, l’importante sarà tenere alta la concentrazione, non mi sorprenderebbe se ci fosse un piccolo richiamo della preparazione”.

Max Leggeri (Centro Suono Sport – 101,5): “La Roma ha il 70,5% di possibilità di passare il turno contro il Siviglia: l’ultima Roma vista in campo, con alcuni singoli in netta ripresa, mi lascia ben sperare e sono convinto che i calciatori giallorossi possano esser maggiormente caricati dalla vendetta sportiva che il pubblico vuole si consumi nei confronti del somaro con le nacchere. Mi auguro i recuperi di Diawara e Pellegrini per le sfide europee“.

Angelo Di Livio (Tele Radio Stereo – 92,7): “Ho visto Diawara in allenamento partecipare al torello, esercizio che ti sollecita molto. Mi ha colpito, vederlo così è già uno spunto, una notizia importante. Se slitterà la partita della Roma l’allenatore approfitterà per caricare su determinati aspetti di allenamento che di solito non ha il tempo di approfondire“.

Roberto Renga (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Ho visto che molte squadre che si sono fermate poi non sono riuscite a ripartire con brillantezza. Questo potrebbe capitare anche alla Roma“.

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101,5): “La trattativa con Friedkin non è chiusa ma non ho grandi preoccupazioni. Ho sempre pensato che di fronte a certi conti, che per certi versi mi sembrano raccapriccianti soprattutto vedendo al passivo della Roma, ci si può fare delle domande. Pallotta si porterà dietro anche questo record di passivo ed è logico che l’acquirente cerchi lo sconto. Può essere che stia valutando questo e che stia provando a trattare. L’affare però andrà in porto, anche perché non ci sono alternative per Pallotta“.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “L’Inter isolata? Vorrebbe dire che finalmente tutto il resto del calcio è d’accordo”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5) “Il calcio passa in secondo piano in questa situazione, ma nell’ottica del calcio l’Inter ha ragione: dovrebbe recuperare prima la partita con la Sampdoria”.

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Per un periodo sospendiamo tutto il campionato. Mi lascia perplesso il fatto che sia stata rinviata Juve-Milan, ma che domani si giochi Napoli-Inter, si dovrebbero rinviare entrambe”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Si dovevano giocare tutte le partite a porte chiuse. Non c’è motivo di pensare che Lecce-Atalanta si poteva giocare a porte aperte, per la salute ma anche per la regolarità del campionato”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il campionato va fermato, così come tutte le competizioni sportive. Per un mese, se basta, oppure finché non c’è più tranquillità nel Paese. Il problema di salute è serio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy