‘RADIO PENSIERI’, FELICI: “Pellegrini deve svegliarsi e deve dare delle risposte sul campo”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101,5): “Se Florenzi dovesse andare alla Juventus sarebbe un qualcosa di clamoroso. Fonseca ci deve delle spiegazioni: perché Florenzi può giocare titolare nel Valencia, eventualmente nella Juve e non nella Roma? Non mi stupisco però – purtroppo – di questa sinergia con i bianconeri. Ieri ho visto Pellegrini in campo e credo che deve darsi una svegliata. Noi lo abbiamo sempre messo su un piedistallo, ma ora servono delle risposte. Deve mettere più convinzione in quello che fa. E’ spento sia tecnicamente sia a livello di tigna. Su Dzeko non so che altro possiamo dire. E’ un fuoriclasse, l’unico vero fuoriclasse che la Roma ha avuto negli ultimi anni”.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – 101,5): “Mi dicono che nelle ultime ore Florenzi è tornato di prepotenza nel mirino della Juventus. Da parte della Juve sarebbe un’operazione con un senso, mentre dalla prospettiva della Roma non vedo l’utilità di questo affare. E’ una scelta che personalmente non farei. Ad esempio se devo prendere Biraghi mi tengo Florenzi. La situazione Smalling invece è legata ai bonus: lo United lì vorrebbe tutti e subito, mentre la Roma vorrebbe dividerli in più stagioni“.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Ho provato fastidio quando ieri ho sentito Bonucci chiamare Dzeko ‘Edin’. Non credo sia facile l’incastro tra Roma-Napoli-Juve: se i giallorossi si mettono d’accordo sullo scambio Milik-Under allora la trattativa per il bosniaco alla Juve può accelerare. L’ideale sarebbe prendere un attaccante intorno ai 25 anni, pagarlo una ventina di milioni e offrirgli un ingaggio da 1 milione. La Roma non può partire per competere quest’anno, non ci sono i tempi per preparare una stagione del genere. E’ un anno che dobbiamo prendere con le pinze. Me la rischierei con giocatori giovani, scordiamoci che la Roma riesca a piazzare tutti gli esuberi. Non vorrei che Pellegrini imbocchi lo stesso tunnel di Florenzi: non gioca più tranquillo, ma pensando di dover dimostrare qualcosa in più. La Roma ha bisogno che Pellegrini ritorni ai suoi alti livelli”. 

Gianluca Lengua (Radio Radio Mattino – 104,5): “Le priorità della Roma ora sono quelle di cedere. E’ naturale che comunque arrivi qualche acquisto. La Roma sta giocando sulla volontà di Smalling di tornare nella capitale: se riuscisse a chiudere la trattativa secondo le sue condizioni avrebbe fatto un buon colpo. Ryan Friedkin sta a Milano e non scende a Roma perché non vuole essere lui a presentarsi alla piazza come nuovo presidente: vuole aspettare che sia il padre a farlo, quando le norme anti-Covid permetteranno ai cittadini statunitensi di non doversi mettere necessariamente in isolamento. Il figlio sembra che voglia capire bene come funziona Trigoria”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Smalling è fondamentale per la Roma. Perché si dovrebbe rischiare di perderlo con le insidie dei club inglesi alla porta? Kolarov anche sarebbe stato molto importante, ma lo hanno ceduto. Se non viene preso Smalling, chi si prende? Mi aspetto un giocatore importante per la Roma, oltre a Smalling che per me è il minimo sindacale”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Io alla Juve vedo meglio Milik che Dzeko, è più giovane. Io dirigente ci penserei tanto prima di prendere uno dell’età del bosniaco. Ai Friedkin bisogna dare fiducia per fargli valutare le situazioni che stanno sul tavolo. Nella scorsa stagione la Roma non è mai stata in corsa per il quarto posto, quest’anno sarà di riflessione e di attenta valutazione, onde evitare di pagare i giocatori troppo e vederli rendere poco. Kluivert è uno di quelli che nella Roma mi piace di più”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Dzeko ha già dimostrato amore per la Roma, ma adesso ha la possibilità di fare un salto di qualità andando alla Juve e cercando di vincere qualcosa. E’ giusto che dica di sì”.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “La cittadinanza comunitaria di Suarez non si fa in tempi brevi, quindi secondo me la Juve non riuscirà a portarlo a Torino. Da Friedkin mi aspettavo già almeno un colpo di mercato importante e invece…niente”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy