‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Con Pellegrini e Mkhitaryan fuori, ora Zaniolo può davvero esplodere”

‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Con Pellegrini e Mkhitaryan fuori, ora Zaniolo può davvero esplodere”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Continua il problema degli infortuni muscolari, quello di Mkhitaryan è l’ottavo dell’anno. Mi sembra che questa stagione sia ricominciata come era finita quella passata, quella dei 52 infortuni muscolari. Credo che giovedì ci sarà Pastore al centro della trequarti, con Zaniolo e Kluivert a completare la linea. Mkhitaryan si sta allenando con la Roma solo da un mese, non credo che questo infortunio sia responsabilità del club”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Gli infortuni di Pellegrini e Mkhitaryan? Vediamo il lato positivo: ora può davvero esplodere Zaniolo”.

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Si sono fatti male due titolari importanti. Pellegrini è il cuore di questa squadra, e anche Mkhitaryan è un problema. L’armeno è uno che si faceva male anche all’Arsenal”.

Tony Damascelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Questi infortuni fanno saltare in aria qualsiasi pronostico, sia Pellegrini che Mkhitaryan sono due giocatori importanti. L’imprevisto cambia tutto, questi due infortuni possono creare problemi alla Roma”.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Ormai Trigoria è un presidio ospedaliero più che un campo di allenamento. L’unica piccola fortuna nella sfortuna è che si sono infortunati due giocatori in una zona del campo dove la Roma ha qualche alternativa in più. Se fosse successo in difesa, sarebbe stato veramente durissima. In queste partite Zaniolo deve tirare fuori tutto quello che ha, ha maggiori responsabilità. Chi sta bene deve metterci qualcosa in più”.

Checco Oddo Casano (Centro Suono Sport 101.5): “La Roma non ha pace con gli infortuni e la tegola di Pellegrini, sommata a quella di Mkhitaryan, costringerà Fonseca a fare delle scelte importanti, tra queste Pastore che a questo punto ha l’occasione della vita  per prendersi un posto di rilievo nella rosa. Me lo aspetto titolare, perché la Roma ha bisogno di qualità sulla trequarti. Ovviamente sul lungo periodo Zaniolo avrà l’occasione per dimostrare il suo talento e fare, si spera, il definitivo salto di qualità. Col Wolfsberger gara complicata, non bisogna commettere l’errore di sottovalutare gli austriaci”.

Antonio Felici (Te la do io Tokyo – Centro Suono Sport 101.5): “Veretout trequartista? Non ce lo vedo. Abbiamo Zaniolo, al posto di Pellegrini deve giocare lui. Evitiamo situazioni in cui adattiamo altri giocatori. Zaniolo non può fare l’esterno secondo me, è un giocatore che deve partire dal centro per dare il meglio. Voi avete mai visto un’ala con la struttura fisica del classe ’99? Io faccio fatica sinceramente. Zaniolo ha uno strapotere fisico devastante, se lo fai giocare sulla fascia lo limiti molto”.

Francesco Balzani (Te la do io Tokyo – Centro Suono Sport 101.5): “Avrei gestito meglio il turnover, evitando di schierare Pellegrini contro il Lecce. Senza Pellegrini preferirei vedere Mkhitaryan più che Zaniolo al centro della trequarti, Zaniolo lo lascerei sulla fascia, lì mi piace molto. Fisicamente è una bestia, nel 4-2-3-1 io lo vedo esterno, in un 4-3-3 lo vedo mezzala. Comunque vada resta un giocatore da fascia non da dentro al campo”.

Carlo Zampa (NSL Radio TV – 90,00): “Pellegrini potrebbe rientrare per la partita interna contro il Brescia dopo la seconda sosta di novembre. Per quel che riguarda la posizione di Zaniolo, la cosa più importante è che lui cresca e riesca ad esprimere a pieno le sue capacità. In un 4-2-3-1 per me la posizione migliore per il classe ’99 è da trequartista. Con l’inserimento di Spinazzola, spero Florenzi possa essere ricollocato esterno alto. La partita contro il Wolfsberg va affrontata con la testa giusta, con l’obiettivo di portare a casa punti fondamentali per la classifica”.

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo – 92.7): “Pellegrini ha caratteristiche uniche nella rosa, ma la Roma numericamente ha tante alternative, da Zaniolo a Mkhitaryan, non ha alibi. Fonseca è molto dispiaciuto per l’infortunio di Lorenzo, su di lui stava facendo un lavoro ben preciso per sfruttare a pieno le sue capacità. Lui quest’anno è cresciuto soprattutto come uomo”. 

Ubaldo Righetti (Tele Radio Stereo – 92.7): “Faccio fatica a pensare che Smalling possa riposare giovedì. Credo che la coppia difensiva debba trovare un’intesa, creando affidabilità. Mancini deve crescere, ma ha un potenziale enorme. L’ex Atalanta ha tanta personalità e si fa sentire in campo dai compagni”.

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo – 92.7): “Contro il Wolfsberg, la Roma ha l’occasione di ipotecare la qualificazione al prossimo turno. Starei attento a gestire la rosa, perché dopo c’è la pausa e quindi si può chiedere alla squadra di fare un ulteriore sforzo. ”

Roberto Infascelli (NSL Radio TV – 90,00): “Pastore in alcune gare ti può dare ancora una mano, anche dal punto di vista tattico, e credo che in Austria giocherà titolare. Non mi piace come viene trattato Zaniolo dai media, lui non è un precario e invece è trattato così. Non è un problema evidente. Oggi gioca meno anche perché Kluivert sta meritando il ruolo di titolare. Pellegrini è il giocatore più elegante a livello funzionale della rosa, non fa gesti fini a se stesso. Ha sia l’assist che il gol nei piedi, non potrà mai avere la cavalcata di Zaniolo ma è capace di fare tutto il resto. Alla Roma sono stati fischiati 93 falli da inizio stagione, non sono sicuramente pochi”.

Patrick Vam Bruck (NSL Radio TV – 90,00): “Con l’infortunio di Pellegrini il giocatore che sarà più responsabilizzato sarà Zaniolo, che non sta giocando male, ha sbagliato le ultime scelte forse per la voglia di strafare. Ci sta che può andare in panchina, anche alla Juve c’è gente che non gioca sempre. Smalling ha delle doti di personalità, riconosciute dai compagni, che gli consentono di trascinare la squadra”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattina – 104,5): “Mi dispiace per Pellegrini, che sfortuna! Un’assenza importante, anche se poi la Roma può sopperire in quella zona del campo, semplificherà le scelte di Fonseca”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattina – 104,5): “Solo qui a Roma siamo esagerati a dire che chi non gioca è meglio. Zaniolo ha 20 anni e in squadra ci sono giocatori talentuosi come lui. Il processo di crescita di questi giovani passa anche attraverso la panchina, il pane duro, sennò non cresci mai. Sei un talento? Dimostralo! La coppia centrale Smalling-Mancini contro il Lecce ha lavorato poco.  L’inglese è uno che comanda e fa bene alla crescita del giovane ex Atalanta. E’ come quando Castan fece diventare forti tutti quelli che giocavano accanto a lui. Fonseca deve cambiare poco nei quattro in difesa, così trova il miglioramento del reparto”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy