‘RADIO PENSIERI’, LENGUA: “Non abbiamo ancora visto cosa può fare davvero Pellegrini”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Una vittoria della Roma a Napoli non apre nessuno scenario particolare, c’è tutto un campionato da giocare. E’ impossibile non indicare Mkhitaryan e Pedro come simbolo di questa nuova Roma. Menziono anche Dzeko: è rimasto dopo una brutta estate e si è comportato da professionista. Mi aspetto ancora tanto da Pellegrini, che sta crescendo in maniera importante: non abbiamo visto ancora davvero cosa può fare. Sono stato molto critico con Fonseca, non mi ha convinto e continua a non convincermi ma devo ammettere che ha fatto cose molto interessanti: ha ragione quando dice che questa squadra ha un’identità e il merito è anche suo. Prima di prolungargli il contratto aspetterei però almeno che porti la squadra a qualificarsi in Champions League”.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Con il Napoli sarà una partita molto importante, da questa partita capiremo la consistenza della Roma. Lo Scudetto lo lascerei da parte, non è un obiettivo che secondo me appartiene ai giallorossi. I giocatori devono rimanere con i piedi per terra, devono pensare a fare ciò che è nelle loro possibilità e dare il massimo”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “La Roma può ambire a un bel piazzamento in Champions League. Sarebbe sbagliato trarre indicazioni dalla partita di Napoli: al San Paolo sarà dura per i giallorossi. I tre protagonisti di questo inizio d’anno sono Pedro, che non mi aspettavo così decisivo, Mkhitaryan e Spinazzola, che ad oggi è il miglior esterno sinistro del campionato”.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport 101.5): “Articolo su Coric? Sicuramente se lo hanno scritto hanno delle carte in mano. Al di là di questa questione, dove non entro nel merito, visto che nello stesso pezzo si scrive che non ci sono indagati, dà un po’ fastidio che la Roma della precedente gestione abbia avuto rapporti con alcuni personaggi che io non stimo, diciamo così. Sto vedendo anche un fuggi-fuggi generale sulla questione Tor di Valle, temo che anche lì dobbiamo attenderci delle novità giudiziare”

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “E’ surreale che la Roma abbia sei centrali in rosa e cinque di questi sono indisponibili. A meno che non metta Tripi, Fonseca giocherà con la difesa a quattro. Mi piacerebbe vedere Calafiori, anche se la sua situazione contrattuale si sta facendo intricata. Raiola sta facendo il suo lavoro, Calafiori ha attirato l’interesse di squadre pronte a dare tanti soldi al giocatore e quindi li chiede alla Roma. Però penso che Calafiori voglia rimanere alla Roma. Quella contro il Cluj è una gara da non perdere, anche tornare con un pareggio ti avvicinerebbe molto alla qualificazione“.

Stefano Petrucci (Teleradiostereo – 92,7): “Un’altra carenza della rosa della Roma è rappresentata dal fatto che non ci sia un esterno capace di fare il centrale. Oltre a Cristante, solo Diawara potrebbe giocare in difesa“.

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il problema della Roma è in difesa, sono fuori in cinque. E’ una difesa da inventare, in una partita dove la Roma farà giocare le seconde linee anche per scelta, non solo per esigenza. Fonseca contro il Cluj potrà consentire un po’ di rodaggio a Dzeko e Pellegrini. Il bosniaco è fondamentale, anche se Mayoral sta migliorando“.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il Napoli si sta ridimensionando. Per la Roma sarebbe importante uscire dalla sensazione che con le grandi squadre non riesce a vincere“.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Napoli-Roma potrebbe essere una partita fondamentale per entrambe le squadre. Fonseca sembra aver trovato una formula che funziona alla perfezione, contro il Napoli sarà una gara spartiacque“.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma ha un grande problema per domenica: non si può presentare a Napoli senza cinque difensori, bisognerà vedere chi giocherà“.

Tony Damascelli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Prima di Napoli la Roma deve giocare un’altra partita, con tutti gli imprevisti del caso“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy