‘RADIO PENSIERI’, FOCOLARI: “Lovren è una fregatura”. VOCALELLI: “Il croato non è meglio di Fazio”

‘RADIO PENSIERI’, FOCOLARI: “Lovren è una fregatura”. VOCALELLI: “Il croato non è meglio di Fazio”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Max Leggeri (Centro Suono Sport 101.5): “I tifosi della Roma amano e ameranno sempre la Roma, ma l’As Azienda si può e si deve discutere, perché c’è qualcosa che non va. Questa società ha assemblato un’altra squadra non all’altezza delle aspettative e delle ambizioni della tifoseria giallorossa. Al contrario di quanto sostengono alcuni terrappiatisti, è difficile o improbabile credere che questa squadra possa regalarci straordinarie soddisfazioni. Due anni fa ero convinto di vincere la Champions, trascinato dalla Roma guidata dal primo Di Francesco. Questa Roma non è più competitiva, da due anni a questa parte è il buio totale. Il campionato è iniziato, la Roma ha steccato contro il Genoa, non si può dire altro se riteniamo che questo club appartenga ancora al novero di quelle squadre che hanno un minimo di ambizioni. Altrimenti ci si accontenta e ci si rassegna alla mediocrità, all’anonimato”.

Checco Oddo Casano (Centro Suono Sport 101.5): “La Roma non è di certo competitiva come due anni fa, ma cercare ancora quella Roma vuol dire farsi del male. Quella squadra lì purtroppo non esiste più. La responsabilità primaria è questa società: invece di rilanciare, ha dissipato il valore tecnico di quella rosa e l’enorme dose d’entusiasmo che si era generato a margine della semifinale di Champions. Oggi la squadra ha individualità, qualità e personalità completamente diverse, ma non voglio comunque ad adagiarmi all’idea di vivere un’altra stagione d’agonia come quella dello scorso anno. Fonseca merita fiducia, non può essere bocciato dopo un pareggio e soprattutto gli vanno consegnati quei tre calciatori che gli servono per adottare al meglio le sue idee calcistiche, che per esser applicate con meccanismi solidi necessitano di tempo, come per qualsiasi altro allenatore”.

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Il trasferimento di Schick al Lipsia è una bella notizia. È stata una palla al piede, l’importante è liberarsi di lui. Rugani è meglio di Lovren, il secondo non è proprio il giocatore giusto. Un difensore giusto per la Roma sarebbe Nkoulou, ma a questo punto non credo che lo prenda. La cosa clamorosa è che siamo al 27 agosto e la Roma dovrebbe prendere ancora 3 giocatori per fare una squadra. Per adesso Petrachi non mi sta piacendo. Penso che una coppia di difesa Rugani-Mancini possa anche funzionare, ma non con Fazio. Veretout è un buon giocatore, ma non è lui il centrocampista che ruba i palloni. Se la Roma prende Lovren prende una fregatura”.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Il derby conta molto per l’umore che determina. La provvisorietà della Roma non è solo nell’assenza del sostituto di Manolas, ma anche nel cambio di gioco che ha fatto. Manca un po’ di qualità individuale, ma c’è ancora provvisorietà, la squadra non è pronta per la fase difensiva. Non parlo solo di difensori, forse ci vuole anche un centrocampista che rubi i palloni”.

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Domenica mi ha deluso Zaniolo, è una delusione sorprendente. Da Juan Jesus e da Fazio mi aspetto più o meno quello che hanno fatto, mentre da Zaniolo mi aspetto che faccia la differenza contro il Genoa. Nel derby sarebbe più grave la sconfitta della Roma, i giallorossi comincerebbero a doversi preoccupare”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Petrachi sarebbe dovuto arrivare con le idee molto più chiare alla prima di campionato, ma si è ritrovato a gestire la Roma nel momento più difficile, si è ritrovato davanti a una montagna da scalare. Lovren non è meglio di Fazio”.

Tony Damascelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Nella prima giornata di campionato mi hanno deluso le difese di tutte le squadre. La Roma deve comprare due difensori, fossi nel club giallorosso prenderei sia Nkoulou che Rugani. Secondo me Rugani è migliore di Lovren, senza però essere un fuoriclasse”.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Nel derby la Roma rischia tanto, se dovesse perdere non sarebbe un bell’inizio con 1 punto in 2 partite. Schick? Può darsi che in un ambiente nuovo dimostri quello che certe volte ha fatto vedere. Mancini? Se non gioca perché non si adatta agli schemi, io comincio a preoccuparmi. Se investi tanti soldi in un giocatore, deve essere pronto per giocare. Se spendi 21 milioni e gli devi spiegare come giocare, non vanno spesi 21 milioni”.

Antonio Felici (Te la do io Tokyo – Centro Suono Sport 101.5): “Sento tanti nomi accostati alla Roma oggi, l’unico che mi piace è Taison. Il brasiliano è un buon giocatore e conosce già il gioco di Fonseca a memoria. Rugani? Non lo voglio per principio, è il quinto centrale della Juventus: non lo voglio, non mi serve! Tra Rugani e Lovren prendo il secondo, è più forte ed esperto. Rugani o Juan Jesus? Non sono così convinto che Rugani sia più forte del giallorosso, anzi. Detto questo, né Lovren né Rugani andrebbero bene per il gioco Fonseca. Boga? Avrà giocato 120 partite in carriera e avrà segnato 10 gol, ma di cosa parliamo”.

Francesco Balzani (Te la do io Tokyo – Centro Suono Sport 101.5): “Kalinic è molto vicino. Se prendi lui e dai via un giocatore come Schick resti sullo stesso livello, non cambia moltissimo. Taison? Non credo che arriverà, costa troppo per la Roma. Mi aspetto che la Roma resti così com’è in avanti, ovviamente con un Kalinic in più. Per la difesa la Roma è su due giocatori che a Fonseca non entusiasmano: Rugani e Lovren. Credo che alla fine sarà Rugani, speriamo solo che nella trattativa non rientri Riccardi. Boga? Se i nomi devono esser questi, adatto Florenzi a giocare esterno alto”.

Mimmo Ferretti (Teleradiostereo 92.7): “Se Kalinic dovesse arrivare al posto di Schick, alla Roma mancherebbero ancora i sostituti di Manolas e di El Shaarawy. Con una squadra che gioca in questo modo, in difesa vorrei due calciatori come il Chiellini di 5 anni fa, due “banditi”. Sportivamente parlando, credo che Lovren somigli molto a un bandito”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Taison è perfetto per la Roma, ma capisco non sia facile. Contro la Lazio servirà umiltà, che la partita con il Genoa possa servire da lezione. Non si possono fare 90 minuti a quel ritmo, altrimenti la squadra d’Inzaghi ci andrà a nozze. I problemi non riguardano solo i difensori, ma anche i centrocampisti. Pellegrini e Cristante non sono De Rossi”.

Ubaldo Righetti (Teleradiostereo – 92,7): “I tre gol presi non rientrano in un discorso tattico, ma sono legati a valutazioni sbagliate. Jesus a volte commette errori del genere. Fonseca continuerà a portare avanti il suo pensiero tattico e farà bene. Se il mercato non lo aiuterà, potrà anche modificare qualcosa”. 

Stefano Petrucci (Teleradiostereo – 92,7): “Ormai è passata l’idea che Fonseca gioca come Zeman e non si torna indietro. Eppure non c’è nessuna somiglianza. A Roma si riesce sempre a rovesciarsi addosso una scia di negatività”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattina – 104,5): “La Roma deve comprare un centrale prima possibile. I giallorossi e la Lazio sono due squadre di pari valori, anche se i biancocelesti in questo momento specifico sono più forti. Nkoulou non interessa, ma è quello il giocatore giusto. Petrachi accolto come un messia, ma per ora le cose non sono andate benissimo”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattina – 104,5): “A Fonseca consiglierei di cambiare atteggiamento della squadra contro la Lazio. La Roma non ha risolto i problemi che si conoscevano, ma può risolverli questa settimana. I punti persi con il Genoa però non si recuperano”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattina – 104,5): “Il derby è già decisivo per la Roma perché in caso di sconfitta andrebbe a meno cinque dalla Lazio”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattina – 104,5): “La Roma ha preso tutte riserve e questo può essere un problema. La partita con la Lazio sarà complicata. Loro si conoscono bene, servirà una partita umile e “sporca”. Se si presenta come con il Genoa non c’è partita”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattina – 104,5): “La Roma ha comprato tanti giocatori e Fonseca non ne ha fatto giocare neanche uno. Qualche colpa l’allenatore ce l’ha. Lo scorso anno con questi giocatori la Roma è arrivata sesta, è normale che sia finita così. Ci arriva meglio la Lazio al derby, ma questa è una partita che azzera tutto“.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattina – 104,5): “Il derby sarà delicato per la Roma. Dopo la partita gli resterà un giorno di mercato e non ti puoi inventare più di tanto. Manolas non si sostituisce né con Mancini, né con Rugani. Le premesse pre-derby sono a favore della Lazio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy