‘RADIO PENSIERI’, CAGNUCCI: “I tifosi della Roma devono essere più forti di chi ci viene contro”, RENGA: “Ha deciso il regista di Sky”

di finconsadmin

(Redazione ForzaRoma.info) Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali. (AGGIORNA)

 

 

 

TONINO CAGNUCCI (ReteSport): “Io non voglio parlar di Destro perché mi sono stufato di sentir dire di complotti e sistema e che la malafede non esiste. Tutto questo succede perché siamo la Roma cioè una società che dà fastidio e si fa sentire; un team che ha fatto tanto e sta ancora pagando le battaglie contro la tessera del tifoso, la card way ecc. Citando qualche evento: alla Roma hanno chiuso le curve per delle cose e alla Juve per le stesse le hanno aperte ai bambini con gli sponsor; Laurentis che aggredisce un tifoso non è più grave di Destro che fa un mezzo fallo? I tifosi della Roma le devono ricordare queste cose perchè bisogna essere più forti di loro; vinciamo con l’Atalanta, stiamogli col fiato sul collo e facciamoli sudare: stiamo parlando del calcio delle emozioni c’è gente che è proprio arrabbiata” 

 

FRANCESCO BALZANI (Centro Suono Sport)“Destro fa una stupidaggine ma personalmente ne vedo 5-6 a giornate. Basti pensare al pugno di Chiellini a Emeghara ieri. Questa e’ una squalifica mediatica che rischia di rovinare la carriera di Destro visto che non andrà probabilmente al mondiale e per questo qualcuno in qualche salotto televisivo dovrebbe farsi un esame di coscienza. La fortuna della Roma e’ che il campionato e’ praticamente chiuso, immaginatevi se i giallorossi avevano il Napoli a -3! Le parole di Baldissoni evidenziano un cambio di rotta necessario, il profilo basso non serve a nulla in questo paese. La Roma sta diventando adulta e dopo il mercato deve cominciare a diventare cattiva anche mediatica mente”

 

ALESSANDRO VOCALELLI (Radio Radio): “Se si usa la moviola deve essere fatto in campo, non a distanza di un giorno. Perchè così non è giusto per il Cagliari, perchè Destro doveva abbandonare il campo come avvenne in Italia-Francia con Zidane…”

 

 

FRANCO MELLI  (Radio Radio): “Questa è la prima volta che bisogna dire bravo all’arbitro”

 

ROBERTO RENGA (Radio Radio): “Non siamo sfavorevoli alla prova tv, ma a decidere è stato il regista di Sky. Se non te ne accorgi non fai vedere la moviola e tutto passa in cavalleria. Io in diretta non me ne ero accorto della manata di Destro ad Astori”

 

ENRICO MAIDA (ReteSport): “La televisione può fare delle cose terribili; anche sulla moviola in campo inizio ad avere dei dubbi. L’ episodio di Destro è un episodio normale come ce ne sono tanti: nasce da questa voglia di portare documenti tv a tutti i costi, ma si chiede all’ arbitro di dire che non ha visto quando in realtà ha visto. L’arbitro nell’ episodio ed è in posizione migliore rispetto a tutti; l’applicazione della prova in questo caso vìola la consuetudine. E’ una decisione pesante che penalizza un ragazzo che aveva trovato finalmente una dimensione importante e gli porterà via anche il mondiale”.

 

PATRICK VOM BRUCK (ReteSport): “E’ chiaro che la Roma quest’ anno è stata danneggiata; la Juve ha avuto una giustizia diversa da quella che ha avuto la Roma. Chiellini dopo il calcio in bocca a Mertens doveva essere espulso almeno per 3 partite; perché in alcuni casi viene richiesta la prova tv e in altri no? Bisogna essere più neutrali” 

 

MIMMO FERRETTI (TeleRadioStereo): “Le televisioni sono i padroni, possono vedere tutti. A differenza di De Rossi, che con l’Inter non su visto dall’arbitro, nel caso Destro l’arbitro ha visto ma ha valutato male. Vista la grande attenzione mediatica che c’è stata nei confronti della manata di Destro, ci sono molte probabilità che destro venga squalificato. Perché la gomitata di Daniele Conti non viene punita? Massa ha valutato male un episodio e le norme dicono che la prova tv deve esercitarsi anche nel caso in cui l’arbitro interpretri male l’intervento. Ma questa è la prima volta che accade. La cosa grave è che è stata presa in considerazione la manata di Destro e non la gomitata di Daniele Conti e Chiellini. Destro ha sbagliato, ma la prova tv vale solo per lui. Non conta la forza della manata, conta il gesto. Su Destro c’è stata l’attenzione di tutti mentre il calcio di Chiellini a Martens non è stato neanche nominato. La legge non è uguale per tutti. Fra Destro e Immobile non ho dubbi che in Brasile ci va Immobile” 

 

 

ALESSANDRO ANGELONI (ReteSport): “Pensavate che il Livorno potesse fermare la Juventus? Lecce e Livorno ce le ha solo la Roma. Non era questa la partita in cui la Roma potesse sperare. Magari con l’Udinese ci sono più speranze. Credo che sia giusta la prova tv per questo caso perché questo è un caso disciplinare e non tecnico. Dico semplicemente che Destro ha commesso una scorrettezza non vista dall’arbitro e la prova televisiva chiarisce la situazione. Non mi stupirebbero 3 giornate di squalifica a Mattia Destro. I media aprlano del pugno di Destro ma non della gomitata di Conti”.

 

PAOLO FRANCI (ReteSport): “Non faccio moralismi, nel calcio queste cose succedono. E’ vero che l’arbitro fischia ma non vede la manata di Destro, quindi la prova tv è giusta. Quello di Destro è un colpo all’avversario a palla lontana. Al’interno della situazione di gioco questo è un gesto violento lontano dalla palla come quello di De Rossi contro l’Inter. “

 

RICCARDO GENTILE  (ReteSport): “Dando un’occhiata ai regolamenti Destro può essere punito solo se non visto dall’arbitro. I media non dovrebbero influenzare la decisione di Tosel. Dobbiamo soltanto aspettare la decisione. Siamo arrivati a dover analizzare ogni episodio che accade in campo. Vorrei capire la differenza che c’è tra l’intervento di Destro a Cagliari e quello di Tevez contro il Parma. E’ giusto sanzionare la manata di Destro ma la moviola deve vedere tutto, perché in questo caso non ha visto la gomitata di Conti. Destro non voleva colpire l’avversario ma ha fatto un gesto di torsione per divincolarsi. Certi atteggiamenti vanno puniti ma non bisogna esagerare

 

UGO TRANI (Rete Sport): “Quello di Destro è un argomento molto scivoloso e molto pericoloso. Dobbiamo pensare ai casi nostri. Dobbiamo crescere, se guardiamo gli altri per giudicare noi stessi sbagliamo due volte. Se non sbagli nessuno ci può punire. Destro ha fatto una stupidaggine, prima dà una manata e poi simula. Dobbiamo essere credibili. Spero che non si arrivi alla squalifica della prova tv. E’ normale che la notizia di Destro abbia tutta questa importanza, ci stiamo battendo lo scudetto, siamo sotto i riflettori, questo è giornalismo. Bisogna avere una linea unica. Il gesto di Destro va punito e quello di Chiellini no?”

 

DAVID ROSSI (TeleRadioStereo): “Oggi attendiamo la decisione di Tosel su Destro. L’espulsione di Destro non sarebbe stata uno scandalo ma continuo a pensare che non è stato un gesto cattivo ma un gesto stupido, infatti poco dopo la partita hanno pubblicato una foto insieme perché sono amici. L’arbitro ha sanzionato l’intervento di Destro ammonendo Astori per proteste quindi non potrà dire di non aver visto. La prova tv in questo caso non esiste. La cosa più schifosa sono i commenti di giornalisti ed ex giocatori, che puniscono Destro ma non parlano del calcio di Chiellini e Martens. Abete è un presidente indegno della Federcalcio, e non perde occasione di dare addosso alla Roma. Lotito sta soffrendo la posizione della Roma ed in Consiglio Federale non perde occasione di dare fastidio alla Roma. Calciopoli è finito ma i poteri sono sempre gli stessi. Voglio una Roma a testa bassa, se Destro viene squalificato bisogna fare ricorso. La Roma non è simpatica. Fino alla fine, proveranno a dimostrare che Destro va squalificato con la prova tv su una situazione in cui l’arbitro ha fischiato fallo al Cagliari “

 

 

RICCARDO ANGELINI ‘GALOPEIRA’ (TeleRadioStereo): “Destro si merita più la squalifica per la simulazione che per il gesto del pugno. Quando sento parlare dell’applicazione del regolamento sono d’accordo, ma il regolamento va applicato per tutti. “
MAX TONETTO  (TeleRadioStereo): “La prova televisiva non esiste. L’arbitro ha giudicato l’intervento di Destro. ”

 

MICHELE GIAMMARIOLI (Radio Manà Manà Sport)Sono molto preoccupato per la situazione che si è venuta a creare. La Roma deve prendere provvedimenti e farsi sentire con un comunicato, è cresciuta molto la società giallorossa, ma latita ancora in comunicazione“.

 

 

TIZIANO CARMELLINI ( Radio Manà Manà Sport)Abete è così da sempre dice una cosa e il suo contrario, fa sempre 0-0. Si contraddice molto. Tutta questa situazione è una grande presa in giro nei confronti della Roma“.

 

 

FABIO MACCHERONI ( Radio Manà Manà Sport)Ilaria D’Amico ha fatto il carabiniere nei confronti di Destro, non capisco perché la Roma non abbia emesso un comunicato a difesa del calciatore“.

 

 

MAX LEGGERI ( Radio Manà Manà Sport)Ad attivare la procura federale e quindi il giudice Tosel è stato il presidente della federazione. Nulla mi toglie dalla testa che l’arbitro Massa, visto l’intervento di Abete, possa aver cambiato la versione dei fatti, una vera vergogna“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy