‘RADIO PENSIERI’, LO MONACO: “Banti condizionato dalle proteste di Ventura”, BALZANI: “Arbitro? Dopo il rigore su Borriello in Roma-Napoli è cambiato tutto”

di Redazione, @forzaroma

(Redazione ForzaRoma.info) Continua anche oggi la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali.(AGGIORNA)

 

FRANCESCO BALZANI (Centro Suono Sport): “Dal pareggio di ieri ne esce una Roma comunque forte e matura. Ricordiamo che la trasferta di Torino viene da un giorno in meno di riposo rispetto alle altre. La Roma ora sappiamo che deve vincere facendo qualcosa meglio dell’avversario e degli altri. Occhi puntati sulla Roma e sul campionato. Non dico che ci sia un disegno contro la Roma, ma almeno un comportamento strano. Dopo il rigore di Roma-Napoli su Borriello è cambiato qualcosa. Da quello che so a Trigoria sono rimasti male di alcuni commenti da parte di ex giocatori della Roma che avrebbero voluto volentieri allenarla. Se la partita fosse durata dieci minuti in più la Roma l’avrebbe vinta”

 

 

FEDERICO NISII (Tele Radio Stereo): “Avrei messo in campo i migliori fin dall’inizio quindi sarei partito con Liajcic, anche se mi fido tantissimo di Rudi Garcia. La Roma stava quasi vincendo anche questa partita su un campo difficilissimo senza uomini importanti con Totti e Gervinho”

 

VALENTINA BALLARINI (Tele Radio Stereo): “Garcia ha tenuto Liajcic in panchina per avere un cambio, Pjanic in quel ruolo da trequartista mi ha convinto si è caricato la squadra sulle spalle. Ieri si è sentita molto l’assenza Gervinho”

 

DANIELE LO MONACO (Rete Sport): “Banti condizionato dalle urla e le proteste teatrali di Ventura. Nel dubbio del contatto tra Benatia e Meggiorini, quando in genere si aiuta il difensore, non fischia. Ma secondo me non dobbiamo piangere su questi episodi perchè non ritengo che la Roma sia vittima di un complotto. O almeno voglio sperare di no.Nella Roma manca un po’ di gioco fatto bene per il centravanti e quando gioca Borriello si vede. Spesso ci sono errori di misura sui cross e Borriello ne soffre. Sul gol c’è l’errore di Balzaretti che arriva moscio su Cerci”. 

 

 

ENRICO MAIDA (Rete Sport): “Secondo me non c’è un vero disegno per fermare la Roma. Almeno per il momento. Ieri è stato solo un arbitraggio scadente. Cerci? Gioca bene solo con Ventura e poi a me non piacciono i cavalli di ritorno”

 

 

MIMMO FERRETTI ( TeleRadioStereo ) : ” Mi rivolgo a Baldissoni, Fenucci e Sabatini di tutelare i tifosi della Roma. A me interessa che il campionato sia regolare, e fino ad ora non lo è stato. Se una squadra vince 10 partite di fila, la seconda deve stare a otto punti. Io non voglio aiutini, ma c’è un atteggiamento e un circuito del tipo: “Ma ti pare che la Roma sta 5 punti sopra? “. Ecco perché con la Roma che fa 10 vittorie e un pareggio, loro stanno a tre punti sotto. Una squadra ha anche il diritto a pareggiare una partita, ma c’è la sensazione che mi pervade la capoccia che ci sia qualcosa che comincia a non quadrare. La mia è un’analisi di quello che è successo nelle prime 11 partite di campionato. Vedo tante belle cose, piagnistei. Piange il debole, il forte non piange mai, e la Roma non ha mai pianto. Ma la Roma ha fatto 10 vittorie e un pareggio, e sta solo 3 punti sopra due squadre. Non dico una, ma due squadre. La Roma ha tre punti di vantaggio, nonostante tutto e nonostante tutti. Il mio invito ai dirigenti è di salvaguardare i tifosi della Roma. A me il buonismo mi sta bene, fino a che non mi prendono in giro gli altri. L’esempio di grande sportività con Maradona all’Olimpico lo fa la Roma. Attenzione. A forza di fare quelli corretti questo è il risultato. Se la Roma è una grande società lo dimostri. Non è possibile che nel giro di due partite su tre ti mandano arbitri così scarsi. La storia parla da sé e insegna. La logica, la realtà e la cronaca ci invita a riflettere dei dati di questa squadra, anche dopo un pareggio. Nonostante questo ci sono due squadre a tre punti. In un campionato normale, una squadra che viaggia come la Roma sta 9 punti sopra una seconda.Chiedetevi perché? Mi sono rotto le scatole. Ma perché? Spiegatemi perché? Accendi le televisioni e ti parlano dell’Inter, del Napoli, della Juve e poi “si interrompe la serie positiva della Roma”. A me interessa di Banti. Ventura, se non fosse stato per l’arbitro, si stava facendo un’altra pasta e fagioli.”

 

ALESSANDRO ANGELONI (Rete Sport): “La Roma ieri ha fatto un tiro in porta, il pareggio è giusto, non lamentiamoci dei torti arbitrali, è un pareggio che ci può stare fuori casa, in un campo difficile contro una squadra che si salverà, e poi dopo 10 vittorie è normale pareggiare. Ieri mi aspettavo una Roma stanca, non si può vincere sempre e dominare con tutti, ora tutti ti studiano e ti aspettano. Ho visto una Roma in vantaggio meritato e poi ha cercato di vincere senza stancarsi, e questo non è possibile, la reazione finale però non ha prodotto occasione da gol, ieri partita negativa in chiave gioco, il punto non sposta niente, col Sassuolo deve tornare a vincere, approfittando dello scontro diretto. Ieri comunque partita negativa. Pjanic ha giocato bene però perde tanti palloni, a volte vuole strafare, invece lui quando gioca in mezzo fa cose semplici e gioca molto meglio.”

 

RICCARDO GENTILE (Rete Sport): “Forse ha messo Bradley per la sua freschezza, Pjanic può giocar li, non so se Ljajic avesse giocato dal primo minuto, poteva far meglio di Pjanic davanti, non lo so, ma credo di no. La formazione ci poteva stare. La Roma ha giocato meno bene ma può capitare, la Roma non è un computer, il gol della Roma è un’azione bellissima però nel secondo tempo si doveva essere più audace e più cattiva, invece è uscito il Toro e il pari alla fine è arrivato senza pietà. La Roma ha concesso tempo e modo al Torino di pareggiare poi infatti dopo il pareggio, si sveglia e cerca di segnare l’1-2. Ma era troppo tardi. Pjanic deve giocare a centrocampo, lui è il regista della squadra e deve giocare in mezzo. Non deve fare il vice-Totti. Cerci dovrebbe essere il colpo della Roma per gennaio, per vincere lo Scudetto, peccato che era già della Roma…

 

DAVID ROSSI (Tele Radio Stereo)“Io spero che Ventura non alleni più in serie A, che venga cacciato dal Torino, è un buffone, un pagliaccio che si mette a fare la scena che ha fatto quando Pjanic è rimasto per terra dopo la pallonata sulla nuca. Quando invece hanni perso con Napoli e Juventus per Ventura era tutto apposto. Si sono fatti asfaltare dalla Juventus senza colpo ferire, e ieri invece Ventura faceva l’invasato. Voglio lanciare un messaggio molto chiaro: noi non permetteremo altri Banti. Noi non permetteremo altri rigori regalati alle altre squadre perchè la Roma rischiava di andare a sette punti.  Altrimenti faremo sentire la nostra voce. Ventura fallito.”

PIERO TORRI ( TeleRadioStereo ) : “Hanno fatto il miracolo :10 vittorie 1 pareggio, 26 gol fatti e 2 subiti, 31 punti in classifica e primo posto…e siamo incazzati. C’è tutto il fischio a Benatia, anche se in Inghilterra non te lo davano, ma a Chiellini si. D’Amato non vede il rigore su Pjanic, e nemmeno Banti, ha determinato un risultato che probabilmente la Roma non meritava. La Roma mi è piaciuta molto in fase di possesso ma in fase offensiva produce meno. Direzione arbitrale puzzolente. Alla Roma manca troppo Totti e la sorpresa Gervinho. Facciamoci una risata che Banti sia tifoso del Tottenham. Ancora una volta ripeto: alla Roma solo quello che gli spetta.”


UBALDO RIGHETTI ( TeleRadioStereo ) : “Non si devono fermare a fare la partita e la prestazione solo contro la Roma, le squadre come Udinese o Torino. Lo devono e dovranno fare contro tutte. Non cadiamo nel tranello. La Roma deve solo pensare a giocare, al resto ci pensiamo noi.”

 

GALOPEIRA ( TeleRadioStereo ) : “Per vincere i campionati bisogna chiudere gli arbitri dentro le stanze. Altrimenti non si vince. Mi prendo le responsabilità di quello che dico. Andiamocene a casa. Non me ne frega niente di due punti persi, la Roma sta facendo un campionato straordinario. Non cambia niente, questa è l’Italia. E’ uno schifo. Quello di ieri sera è uno schifo. Bisogna chiudere gli arbitri nello stadio e prenderli a sediate. Facciamo la divisione dell’Italia. Giovani bambini anziani: ma non ce la facciamo più. Non è una partita di calcio quella di ieri sera, e la dignità è un valore. E bisogna avercela. La dignità non è un tom-tom. Vedo cose scandalose, non dobbiamo sottometterci al volere degli arbitri. Sono molto orgoglioso della Roma, ma così non vinciamo.D’amato arbirtro di Roma-Sampdoria, anche lì fu determinante, non dico oltre.”

 

MASSIMILIANO MAGNI (Rete Sport)“Il pareggio contro una squadra buona contro il Torino ed in trasferta me lo prendo con tranquillità. Rimaniamo a tre punti di distacco dalle seconde, il recupero ci sta e non bisogna guardare troppo chi sta dietro, non so se le colpe dell’arbitro siano state la cause principali del pareggio. Cerci farebbe la riserva a Gervinho se dovesse mai tornare alla Roma non avrebbe il posto assicurato”.

 

MARIO CORSI (Centro Suono Sport): “Ieri sera abbiamo capito che il campionato non puo’ finire così. La Roma è forte, per carità, ma adesso dobbiamo stare attenti, almeno noi tifosi. Se nonostante il record ci sono due squadre a due punti qualcosa non va…Allora io dico: stiamo attenti, almeno noi tifosi parliamone”.

 

FRANCO MELLI (Radio Radio): “A me non piace come sta giocando la Roma. E’ proprio la mentalità che è sbagliata ieri, è rientrata nel secondo tempo con l’intenzione di gestire l’uno a zero, e invece doveva giocarsela. Questo è sbagliato. Comunque va bene così, dopo dieci vittorie un pareggio ci può stare. Un conto è la Roma con Totti e Gervinho, e un contro è la Roma senza loro due.”


ROBERTO RENGA  (Radio Radio): “Analizziamo gli episodi di ieri sera soprattutto quello del gol del Torino.Il contatto tra Benatia e Meggiorni c’è stato ma Benatia era posizionato male e non in equilibrio, altrimenti non sarebbe caduto. Per me il gol era regolare. Non mi ero accorto invece del rigore di Darmian su Pjanic, quello ci stava. Ljajic non è in grado di giocare 90 minuti, ma secondo me domenica sarà lui il titolare al posto di Borriello. Ci sarà ancora staffetta tra i due”.

 

TONI DAMASCELLI (Radio Radio): “La Roma ha dimostrato di essere fortissima. Nonostante la cavalcata della Roma, al primo pareggio le seconde sono a tre punti. Dovrebbero essere a sei o sette punti, e invece sono lì. Vuol dire che stanno andando fortissimo. Se si pensa ogni volta all’arbitro, non saliamo di livello. Non possiamo criticare la Roma per un pareggio, ma possiamo dire che non ha quel ritmo arrembante che hanno invece Napoli e Juve.”

 

 

ROBERTO PRUZZO (Radio Radio): “La Roma ha fatto il suo, l’arbitro secondo me merita la sufficienza perchè ha inciso poco sulla partita. La Roma ha fatto poco, deve darsi una regolata e trovare un attaccante vero. Se non c’è Totti è chiaro che devi cambiare meccanismo. Col Chievo ha tirato una volta in porta, ieri solo mezza volta. Se non segni fai fatica anche se hai una grande difesa.”

 

LUCA VALDISERRI (Rete Sport):Maicon è stato troppo sulle sue ieri sera, ad eccezione degli ultimi 15-20 minuti. Prima si è assentato un pò, Così come Benatia dopo l’ammonizione ha perso un po’ la bussola, innervosendosi e rischiando anche il secondo giallo ed è chiaro che se non giochi con cattiveria subisci. Comunque quella di ieri sera era una partita difficile e si può imputare poco o nulla alla squadra“.

AUGUSTO CIARDI ( Tele Radio Stereo) : “58 milioni di telespettatori per tifare Torino. Torino-Roma condizionata pesantemente da Banti e tutta la terna arbitrale, non puoi non vedere il rigore su Pjanic, se non lo vedi hai un problema, non pui più arbitrare. Era più difficile vedere il fallo di Meggiorini su Benatia. Nicchi e Braschi devono far qualcosa con Banti. Il Sassuolo la sua partita l’ha vinta, quindi non verrà a Roma a giocarsi la partita. La Roma nel complesso se l’è cavata. Sta continuando a fare un grande campionato. Al gol di Cerci si è sentito un boato che nemmeno Paolo Rossi ad Italia-Brasile.”

 

 

DARIO BERSANI (Tele Radio Stereo) : “La Roma è squadra che non molla mai, per questo è prima in classifica. Morgan De Sanctis a fine partita diceva che la Roma ha fatto 31 punti e li ha ottenuti sul campo, così come De Rossi. C’è un misto di nervoso stanchezza e rimpianto. C’è stata la reazione da grande squadra. Rudi Garcia ha dato un giorno di riposo alla squadra, come se fosse un premio perché il proprio dovere l’hanno fatto. Se fai due tre passi indietro riesci a cogliere delle sfumature, un po’ come al cinema. Non hai vinto nulla dopo 31 punti, ma saranno dolori per tutti. Il miglior Pjanic da quando sta a Roma. Mi tiro fuori dalle critiche a Garcia, ma è opportuno sottolineare i meriti di questo gruppo. C’è la sensazione che la Roma sia una cosa di diverso.”

MICHELE GIAMMARIOLI (Radio Manà Manà Sport): “Bicchiere pieno per tre quarti. La Roma grazie a Banti non è riuscita a vincere, ma questa fermata la farà partire più affamata. La Juve e il Napoli non potranno gioire più di tanto. Delle due chi perde nel match di domenica prossima si staccherà in maniera definitiva dalla Roma. Apprezzabile il lavoro svolto da Borriello, ma è un pesce fuor d’acqua in questa Roma. Ieri ci mancava Gervinho, sarebbe stato il nostro Cerci”
FABIO MACCHERONI (Radio Manà Manà Sport): “Banti ha sbagliato quello che c’era da sbagliare sulla Roma. Almeno tre o quattro episodi da discutere e tutti a favore del Toro. Prime scelte discutibili di Garcia sulla formazione. Bradley è un giocatore da suqadra da mezza classifica. Quando giochi con Borriello cambia la Roma.  Io credo però che domenica prossima la Roma si divorerà il Sassuolo. In casa i giallorossi lasceranno pochi punti. Ieri sera ho rivisto quello che sempre succede alla Roma. Così come succede anche alla Fiorentina”

 

MAX LEGGERI (Radio Manà Manà Sport): “Arbitraggio a senso unico, Banti ha fischiato solo a vantaggio del Toro. Comunque la Roma c’è, ed è prima in classifica. Lo scudetto non si puo’ vincere ma bisogna stravincerlo. Ci sono squadre che quando meritano il pareggio vincono, mentre la Roma quando merita il pari pareggia. Il presenzialismo mediatico di De Laurentiis si ripercuote poi sul campo. Ora serve che Sabatini faccia lo stesso. Ieri la Roma è stata trattata dall’arbitro come una provinciale qualunque”
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy