‘RADIO PENSIERI’, LEGGERI: “La Roma sta svendendo Nainggolan”

‘RADIO PENSIERI’, LEGGERI: “La Roma sta svendendo Nainggolan”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Checco Oddo Casano (1927 La Storia Continua – Centro Suono Sport – 101.5): “Per chiudere il cerchio sulla vicenda Nainggolan mancano solo le dichiarazioni del belga e quelle del ds della Roma che molto presto arriveranno. Mi auguro che questa bella storia non si chiuda nel peggiore dei modi: la cessione del ninja fa male, per quello che ha rappresentato e per ciò che ha dato alla Roma in questi anni, ma la sensazione è che non potesse restare per 1000 motivi. Santon? Scelta poco comprensibile, è stato uno dei peggiori interpreti nel ruolo in Serie A negli ultimi anni, mi auguro sia una pedina di scambio. La Roma ha definito 8 acquisti, completando all’80-90% la rosa prima del ritiro. Il futuro di Alisson definirà la seconda parte del mercato estivo”.

Max Leggeri (1927 La Storia Continua – Centro Suono Sport – 101.5): “La Roma sta svendendo Radja Nainggolan: non lo voleva nessuno? Lo volevamo noi tifosi, lo voleva un’intera città che ha amato e eletto a proprio beniamino il belga. L’arrivo di Santon è la ciliegina sulla torta: una pippa incommensurabile, che però ha messo d’accordo tutti, facendo scricchiolare anche le certezze dei bostoniani incalliti della comunicazione romana. Monchi si è veramente superato: ha ceduto un top player, svendendolo e rinforzando i nerazzurri, aiutando l’Inter sul tema plusvalenze e levandogli anche l’esubero Santon. Applausi a scena aperta allo spagnolo”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Schick non è un esterno come invece si pensava all’inizio. Pastore bisognerà spostarlo a fare la mezz’ala sinistra, ma non è detto che possa riuscirci. Mi sembrano giocatori che impongono a Di Francesco di trovare soluzioni di gioco tortuose e diverse dalle sue idee di base” .

Tony Damascelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Non possiamo pensare che la campagna acquisti sia finita al 21 giugno. L’operazione Pastore è ottima. E’ il giocatore che serviva alla Roma perché mancava uno che facesse l’ultimo passaggio e favorire gli inserimenti dei centrocampisti”.

Francesco Balzani (Te la do io Tokyo – Centro Suono Sport 101.5): “L’operazione Nainggolan non ha senso. Posso capire le motivazioni della cessione ma non le cifre nè la destinazione dell’accordo. Qualcuno si è accorto ora che Nainggolan ha una vita movimentata fuori dal campo. Santon è uno dei cinque giocatori che mai avrei preso, una contropartita illogica. Se Jorginho vale 50, Nainggolan non può valere meno di quella cifra. Possibile non si potessero aspettare altre offerte dall’estero? Radja mai avrebbe voluto lasciare Roma, ma ormai il rapporto era insanabile. Resto sconcertato sul fatto che vada all’Inter di Spalletti. Pastore? Speriamo nella sua voglia di riscatto” .

Alessandro Austini (Teleradiostereo 92.7): “La Roma al 30 giugno deve fare 30-40 milioni di plusvalenze, io credevo un po’ meno, circa 10-15 milioni. Ce ne sono venti in più tra Nainggolan, Tumminello, Skorupski (cinque milioni più altri cinque di bonus). Pensavo non ci fosse tutta questa esigenza tra i ricavi stagionali, lo sponsor e la cessione di Emerson Palmieri. Da oggi sono un simpatizzante di Santon perché giocherà nella Roma, ma non farà il titolare: sostituirà Silva come vice Kolarov. De Sciglio è un pochino meglio di Santon”.  

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Nainggolan, operazione pro Inter: evidentemente tutti vogliono molto bene al club nerazzurro. Santon? Sono contento per lui come uomo che come giocatore, visto che lo avevano criticato molto sui social”. 

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Gli acquisti della Roma sono ottimi, ma questa cessione di Nainggolan è pesante. Devo capire cosa c’entra Santon con questa squadra: è una stupidaggine, è ‘tanta roba brutta’. Karsdorp titolare il prossimo anno? Pensarlo è da incoscienti”.   

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma non ha fatto fatica a cedere Nainggolan: al primo offerente l’ha ceduto, anche sbrigandosi: per necessità dovuta al FFP, e per una volontà di cederlo da parte dei dirigenti e dell’allenatore. La Roma ha ceduto all’Inter un grande giocatore che ha sintonia con Spalletti. Non credo che Nainggolan sia nella sua fase calante della carriera. Santon? Speriamo non superi le visite anche questa volta”. 

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Probabilmente sulla cessione di Nainggolan c’è anche l’ok di Di Francesco. Pastore è un gran bel giocatore e insieme a Cristante aumentano la qualità del centrocampo. Nainggolan? Non mi sembra un grande affare per la Roma, ma non so se si sia indebolita”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma, vendendo Nainggolan, consente all’Inter di fare il più grande colpo di questo mercato fino ad oggi. Ceduto poi per due bruscolini, anche se poi contano le plusvalenze. L’Inter per me ha fatto il colpo del mercato. Io ho criticato Nainggolan fuori dal campo, ma è stato tra i tre protagonisti dell’ultima stagione della Roma. Mi dicono di fare attenzione che la Roma nei prossimi giorni potrebbe fare altre due grosse cessioni. Florenzi? Ho le antenne dritte, sia sulla Juve sia per l’Inter”.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “Se Pastore e Nainggolan si confermano per i giocatori che conosciamo, secondo me Roma e Inter hanno fatto due grandi acquisti, più di quelli fatti da Juve e Napoli. A me Nainggolan mi sta simpatico, ma se la Roma lo vuole vendere e il Belgio non l’ha convocato è evidente che questo ragazzo nello spogliatoio crea qualche problema. Tutto quello che fa fuori del campo fa dimenticare quello che fa dentro. Se Nainggolan torna quello che ha fatto in giallorosso con Spalletti, l’Inter è da scudetto. Ma la Roma ha intravisto il declino del belga”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Per Nainggolan all’Inter quello che mi lascia il dubbio è la contropartita tecnica, mi sembra un po’ un affare all’italiana. Le plusvalenze? Sono legali e le ha inventate Cragnotti. La cessione di Nainggolan? A livello tecnico ci guadagna l’Inter, ma occhio perché Pastore è un gran bel colpo. Lui e Cristante non faranno rimpiangere il belga”.

Caricamento sondaggio...
1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 2 anni fa

    L’unico giornalista Dr. Sandro Sabatini, con il quale concordo sul suo articolo,
    ha fatto ed ha posto un interrogativo che nessuno dei suoi colleghi ha prospettato. E’ una scommessa! Non so chi abbia ragione: Ma poi, siamo sicuri che Pastore possa rimpiazzare Naingolan? Attenzione, l’argentino non è più l’atleta di circa 5 anni fa ed è stato venduto ad una cifra piuttosto bassa, rispetto al valore del calciatore di altri tempi! La Roma non deve essere il “cimitero” degli elefanti! Piuttosto, perchè non comprare Balotelli (a solo 10 milioni) da affiancare a Dzeko? C’è qualcuno che ANCORA crede in Shick?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy