rubriche

‘RADIO PENSIERI’, TRANI : “Mi auguro che domani non giochi Cristante centrale”

Getty Images

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Redazione

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d'Italia. Una pluralità di stazioni che fungono da piattaforma, una schiera di giornalistiex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche:

Mario Sconcerti (Tele Radio Stereo 92.7) : "Contro il Verona la Roma dovrà dimostrare di essere squadra e se giocheranno tutti come devono sarà un bel segnale. Il silenzio della società è pericoloso".

Ugo Trani (Centro Suono Sport 101.5/ Te la do io Tokyo): “A me la Conference interessa 0. Innanzitutto parliamone dopo averla vinta, se no rischiamo di fare la fine della stella d’argento. Nella Conference League dovrei vedere i giovani invece vedo i titolari perché è l’unico obiettivo. E’ preoccupante il dato che il Venezia corre più della Roma. Domani mancherà metà squadra. Mi preoccupano le conferme non quelli che vanno via. Stanno andando tutti male. Il migliore della stagione adesso è Abraham e forse Pellegrini ma lo stiamo perdendo a causa degli infortuni. Il procuratore di Zaniolo ha visto due volte Pinto e non ha smentito di non aver visto i dirigenti della Juventus. Ad oggi non vale più di 40 milioni. Ha avuto due gravi infortuni ed è stato fermo 18 mesi, sono tantissimi per un calciatore che deve ancora imporsi. Uno che fa un investimento lo fa se ha delle certezze. Non ho bei ricordi delle gare con il Verona, ogni volta succede qualcosa. Spero che domani vada bene, non so come giocherà con tutte queste assenze. Nella partita dell’andata si erano visti i problemi di questa squadra. Tanti errori dietro e se non segnano Abraham o Pellegrini non vinci la partita. Mi auguro che non si giochi a 3 con Cristante centrale.”

Francesco Balzani (Centro Suono Sport 101.5/ Te la do io Tokyo): “Io mi aspettavo di vedere la Primavera in Conference. Anche con i titolari fai fatica a vincerla. Ci sono squadre come il Rennes e il Marsiglia che possono farti male. Io non sono sicuro che la Roma possa andare avanti, dipende dal sorteggio. Ho la sensazione che non si trattiene nessuno con la forza, se Zaniolo va alla Juve si penserà che è stata un occasione della Roma come per Dzeko e Alisson. Si doveva aspettare per i rinnovi, Mancini guadagnerà il doppio di Tomori. Zaniolo ora vale 35 ma tra un anno ne varrà di più, questo per lui è un anno di transizione. Almeno a livello psicologico si è rialzato, deve aggiustare delle cose ma lo terrei almeno un’altra stagione. Ho brutti ricordi della partita con il Verona, servirà concentrazione. Se è la Roma vista col Sassuolo l’impresa la devono fare i giallorossi. A parte la partita con la Fiorentina non ho mai vista un gran calcio”.

Antonio Felici (Centro Suono Sport 101.5/ Te la do io Tokyo): “Da 1 a 10 la Conference mi interessa 2. E’ un trofeo internazionale minore. L’Europa League ti porta anche alla possibilità di vincere la Supercoppa Europea. In Conference partecipano piccoli club o grandi club che hanno fallito nella stagione precedente. Mette insieme i piccoli e i falliti. La Roma ci partecipa in virtù del settimo posto dell’anno scorso. Una possibile vittoria non cambia la stagione. Se vuoi costruire una grande squadra devi tenere i migliori. Ad oggi Zaniolo nonostante i problemi va tenuto, se esplode definitivamente se lo vendi sei un folle. Se non esplode scende il prezzo non ci fai nulla, venderlo adesso non avrebbe senso. E’ difficile trovare uno meglio di Nicolò con 40 milioni. Il Verona non ha molti punti in meno della Roma. Una vittoria domani non è scontata. Dalla partita dell’andata qualcosa è cambiato”.

Alessandro Austini (Teleradio Stereo - 92,7): "Non è un buon risveglio per la Roma. Già era difficile, con gli indisponibili sarà ancora più difficile la partita contro il Verona. Ci sono otto giocatori fuori, penso che sia la partita con più emergenza".

Xavier Jacobelli (Radio Radio Mattino - 104,5): "Il Verona è una signora squadra e ci vuole una Roma diversa da quella vista a Reggio Emilia, soprattutto per le prossime partite. Sulla carta è difficilissima questa".

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino - 104,5): “Io metterei mano soprattutto alla difesa, che io non ho capito se può fare bene a tre o quattro. Spero che la Roma recuperi Spinazzola. Serve poi un assetto definitivo".

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino - 104,5): "Sergio Oliveira verrà riscattato e nel Porto che abbiamo visto ieri lui non giocava. Quando è arrivato Shomurodov sembrava un fenomeno, ma non vale neanche 10 milioni: al Genoa faceva riserva a Pandev. Se tu dai la sensazione di costruire qualcosa, un'idea di gioco va bene anche il settimo posto, l'anno di transizione. Ma la Roma cosa sta costruendo?".

Furio Focolari (Radio Radio Mattino - 104,5): "Per vincere contro il Verona, per i giocatori della Roma serve più consapevolezza di essere i più forti. Non si deve dire ai giocatori quello che devono fare. Siamo sicuri, poi, che Sergio Oliveira è un titolare della Roma? Secondo me, è meglio Veretout".