‘RADIO PENSIERI’, FOCOLARI: “Fonseca ha un caratteraccio, non sarà lui l’allenatore del prossimo anno”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Piero Torri (Tele Radio Stereo – 92,7): “Per me l’allenatore della Roma sarà uno tra Allegri, Sarri, Juric e De Zerbi. E secondo me sarà Sarri. In difesa la coppia sarà Mancini-Smalling, con Spinazzola a sinistra e non sono sicuro di vedere Karsdorp a destra: se dovesse arrivare un’offerta potrebbe partire. A centrocampo Villar con Veretout e Pellegrini, davanti Zaniolo, Mkhitaryan e Vlahovic”. 

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Con l’Ajax anche io vedo 50 e 50 ma se qualcuno ci va a giocare pensando che lo Shakhtar sia più forte dell’Ajax si sbagliano. L’asticella si alza di molto. Fonseca si è dimostrato come persona corretta ma che ha un caratteraccio. Ci sono cose che abbiamo capito poco a poco ma negli spogliatoi ci sono giocatori importanti con i quali ha un cattivo rapporto, è permaloso al massimo e certe cose se le lega al dito. Sono convinto che non sarà l’allenatore della Roma nel prossimo anno a meno che non vinca l’Europa League”. 

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Temo Sarri per la Roma, perché la Roma si convincerebbe che si può fare con l’allenatore quello che non si potrebbe fare con i giocatori. Se arriva Sarri passa subito il messaggio che basta prendere un portiere, un centravanti e un terzino e va bene così. E’ questo il pericolo”.

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Io prenderei come allenatore Sarri, perché al di là delle apparenze sa lavorare, ha idee e ha fatto un Napoli meraviglioso anni fa e potrebbe ripetersi con la Roma. Ha bisogno di qualcosa che combatta la routine. Se per la seconda volta consecutiva non vai in Champions è grave. Serve un allenatore che promuova una rivoluzione del gioco e dei giocatori”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “A Fonseca non sono piaciute le dichiarazioni di Pellegrini. La Roma non deve fare l’errore di rovinare la parte finale della stagione perché deve cercare con le unghie e con i denti la qualificazione. Poi puoi andare in semifinale di Europa League, a quel punto puoi pagare in campionato ma puoi tentare di conquistarla”. 

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio- 104,5): “Mi auguro che Fonseca vada via perché lavorare nelle condizioni in cui sta lavorando in questi mesi mi sembra assurdo. I tifosi lo accusano di tutto, anche di colpe che non ha. E’ un allenatore che sta facendo quello che può con la squadra che ha. E’ pesante che abbia perso sempre con le rivali ma ha tanti altri meriti che vengono dimenticati come se la Roma sia partita per vincere campionato e coppa. Se questa stagione è andata cos è giusto che alla prossima si cambi. Mi lascia perplesso che si parli di Sarri o Allegri, sono due allenatori diversi”. 

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101,5): “Il recupero di Veretout è importante, perché è un buon giocatore. La Roma in rosa ha un solo calciatore con le sue caratteristiche, in grado di fare l’incontrista in maniera efficace. Uno che corre tanto ma che ha anche dei contenuti tecnici, visto che ha il tiro in porta e la progressione. Quando manca non c’è un sostituto con le sue caratteristiche. E’ un difetto della rosa della Roma a centrocampo”. 

Francesco Balzani (Centro Suono Sport 101,5): “Mayoral l’abbiamo visto quando il livello si è alzato quanto ancora non si dimostra adeguato. Per fare il vice può bastare? Dipende dalle ambizioni che hai, se il quarto posto ok. Io prenderei Vlahovic o Scamacca come vice. Non bisogna pagare tante commissioni, sono d’accordo, ma in questo mercato qui i rapporti con i procuratori sono fondamentali”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Pubblicamente la società non ha detto niente su Fonseca quando c’erano chance di tenerlo, non mi aspetto che lo facciano ora, quando le possibilità mi sembrano molto poche. I dirigenti hanno in mente di cambiare allenatore ma le ricerche sono ancora in corso e c’è tanta confusione. Sarei sorpreso dell’arrivo di Nagelsmann. Allegri potrebbe già firmare con la Roma: perché va a Sky e non a Trigoria? Visto il tabellone, se arrivasse in finale di Europa League, questa Roma avrebbe fatto qualcosa di più grande rispetto all’impresa col Barcellona“.

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): “Al campionato della Roma do 6, ma vanno considerati anche gli impegni dell’Europa League. Senza Europa avrebbe avuto 7-8 punti in più. E’ una squadra che doveva lottare per entrare in Champions e lo sta facendo, anche se forse non ci riuscirà perché ci sono squadre più forti“.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Un voto al campionato della Roma? Direi 5 e mezzo“.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Potenzialmente la Roma è sotto la Lazio. Se parliamo solo del campionato alla Roma do 5“.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma non ha vinto uno scontro diretto, non merita la sufficienza“.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Non capisco perché Allegri possa accettare la Roma senza Champions. Uno come lui non verrebbe a fare l’Europa League o nessuna coppa“.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 2 settimane fa

    Pienamente d’accordo con il Dr. Agresti. Anche se lontano da Roma da circa 50 anni, ricordo “nun se ponno fa e nozze coi fichi secchi!” Ringraziamo, perciò, le precedenti proprietà che, con le vendite, ci hanno portato ad una classifica
    di mezza posizione. E ora, avanti tutta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy